LUDOPATIA AI TEMPI DEL COVID: I RISULTATI DELLA RICERCA DEL CNR (cufrad.it)

GIOCHI E GIOCATORI AI TEMPI DEL COVID:

I RISULTATI DELLA RICERCA DEL CNR

DA  news.alcologia@gmail.com

 

8/7/2020 – 20:27

 

A  menteinpace@libero.it  

 

Il Coronavirus ha dato la possibilità di scovare interessanti notizie, relative a cambiamenti e mutazioni. Tra queste, alcune sono permanenti ed altre invece si sono rivelate essere momentanee. Qual è la situazione relativa al gioco d’azzardo, invece?

Uno studio del CNR di Pisa ha dato le risposte. Inequivocabili, per altro: la spesa è risultata bassa nel periodo del lockdown, a fronte di un aumento di interesse nei confronti del tema del gioco d’azzardo patologico.

Di questo e di altro ha parlato Sabrina Molinaro, ricercatrice del CNR-IFC e capo della ricerca che ha investito il periodo di lockdown relativamente al gioco d’azzardo: qual è stata la propensione degli italiani e, nella fattispecie, come si è mosso l’intero universo dei giochi?

Molinaro non ha dubbi: il gioco fisico, complice il Covid, ha rallentato. Dunque è risultato essere il gioco online il vero protagonista della pandemia, nonostante qualche calo dovuto allo stop degli sport e dunque delle scommesse sportive, il vero motore di ogni attività sportiva.

Ci si aspettava una migrazione ma, come riferito dalla stessa Molinaro, questa non è avvenuta e se c’è stata non ha raggiunto picchi di significatività importanti al punto da poter far pensare a possibili “passaggi di consegna”. Questo porta alla conclusione che il profilo del giocatore d’azzardo sia rimasto pressoché immutato. E dunque chi giocava online ha continuato, chi non giocava non ha mai iniziato e se qualcuno ha cominciato è solo una minima parte. Quelli più propensi al gioco sono stati soggetti di sesso maschile, in età compresa tra i 30 e i 50 anni. Dominano, tra gli interessi, gli apparecchi da intrattenimento, che hanno dunque innalzato la loro raccolta, determinando una spesa minore anche nel gioco online. Nel gioco fisico invece sono stati spesi in media dieci euro, anche post riapertura dei luoghi del gioco. Il mercato, dunque, non si è ancora riavviato del tutto.

I profili a rischio

Sono dati incoraggianti, quelli offerti dal CNR e raccolti all’interno di una infografica da Gaming Insider. Significativi perché indicano quanto gli italiani giochino in maniera sana ed equilibrata.

(...omisis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link: https://www.latinapress.it/attualita/giochi-e-giocatori-ai-tempi-del-covid-i-risultati-della-ricerca-del-cnr/


(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 93817

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 66

Dati aggiornati

al 15-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 Elena Marchesini

Quando un bocciolo si sente gemma

Una favola per raccontare la disforia di genere

In Riga Edizioni

Il libro affronta, in modo delicato, il tema della disforia di genere dal punto di vista del bambino che la vive. È la storia di un piccolo che nasce bocciolo ma si sente gemma. Usando la metafora del mondo dei fiori e della natura, si entra nel cuore e nella mente di questo germoglio che inizia un percorso di ricostruzione della sua identità nel rispetto di sé stesso. Ogni personaggio che incontra sul suo cammino arriva al momento giusto per dare un insegnamento, stimolare una riflessione, ascoltare uno sfogo. Pagina dopo pagina, si comincia un viaggio dentro le emozioni dei personaggi e si scoprono alcune delle sensazioni che proviamo quotidianamente noi tutti. Una favola adatta per giovani adulti e grandi bambini, che sa insegnare come si possa essere felici in modo unico e speciale. La felicità non si copia dagli altri. Ognuno deve cercare la propria. I genitori che vogliono accompagnare i bambini in questo viaggio possono trovare in questo libro uno strumento per accedere, esplorare, accettare e gestire le emozioni e le diversità. Età di lettura: da 7 anni.

 

CLICCA QUI

 

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI