MULI AL POSTO DELL’ELICOTTERO (Domenico Sanino)

DA info@altritasti.it

 

17/7/2020 – 11:32

 

A  menteinpace@libero.it  

 

 

di Domenico Sanino, Pro Natura Cuneo.


L’emergenza climatica e la pandemia da Coronavirus, legata anche all’inquinamento atmosferico, ci impongono scelte non più dilazionabili. Ma nei vari decreti ministeriali e nelle proposte delle Regioni si continua a seguire i vecchi schemi che ci hanno portato alla situazione attuale. Eppure ci vorrebbe poco. Ad esempio, perché non tornare all’uso di muli ed asini per i trasporti, in particolare in montagna? E’ quanto è successo la scorsa estate in valle Gesso (Cuneo). Il gestore del rifugio Morelli-Buzzi, ubicato a 2351 metri di altitudine ai piedi del massiccio dell’Argentera, ha deciso di non utilizzare l’elicottero per gli approvvigionamenti alimentari, sostituendolo con un gruppo di muli guidati dal loro proprietario, Luciano Ellena, che a Chiusa Pesio gestisce una fattoria “la terra dei muli”, dove alleva cavalli, asini e muli...

Paolo Giraudo, gestore del rifugio Morelli-Buzzi, ha partecipato al concorso “il clima cambia, cambiamo anche noi”, promosso dalle Aree protette delle Alpi Marittime con il cofinanziamento del progetto Alcotra CClimaTT (Cambiamenti climatici nel territorio transfrontaliero), proponendo la scelta innovativa (anche se in realtà è un ritorno al passato) di utilizzare i muli per il trasporto del materiale in quota. Eccetto un volo di elicottero all’inizio della stagione, poi per tutta l’estate la spola tra le Terme di Valdieri e il rifugio l’hanno fatta i muli.


L’iniziativa di Giraudo è risultata vincente non solo per ragioni ambientali, ma anche per la sua azione di sensibilizzazione verso il pubblico proprio sul tema dei cambiamenti climatici. L’incontro con i muli al lavoro destava curiosità, simpatia, ma anche interrogativi sul perché di una simile scelta. Le risposte consentivano di far percepire l’urgenza e l’importanza anche di piccole e marginali scelte per ridurre i devastanti effetti del cambiamento climatico.

C’era anche chi si scandalizzava e considerava una forma di sfruttamento il lavoro dei muli. In realtà, come spiega Luciano Ellena che non solo ha una grande conoscenza di questi animali, ma vive con loro in condizioni quasi di simbiosi (si capiscono vicendevolmente solo a guardarsi), muli ed asini sono stati selezionati nel tempo proprio per i trasporti. Non fa parte del loro DNA restare fermi, inattivi tutto il giorno, magari a pascolare in un verde prato. Sono nati per muoversi, portando pesi, in compagnia del loro istruttore. Al rifugio Morelli-Buzzi i muli salivano lentamente, con un peso minimo, con tutte le soste e le attenzioni del caso, e se le condizioni meteo non erano favorevoli, la salita veniva annullata.


A fine stagione, fatti i conti, è costato meno portare i viveri con i muli rispetto all’uso periodico dell’elicottero.


Quella dei muli in valle Gesso è un esempio che deve farci riflettere perché rappresenta un piccolissimo contributo ai problemi climatici e, nel contempo, mette in evidenza il naturale rapporto uomo-animale, che dobbiamo urgentemente riconquistare.

 

 

Tratto da: Obiettivo Natura, n° 7-8/2020

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 93817

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 66

Dati aggiornati

al 15-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 Elena Marchesini

Quando un bocciolo si sente gemma

Una favola per raccontare la disforia di genere

In Riga Edizioni

Il libro affronta, in modo delicato, il tema della disforia di genere dal punto di vista del bambino che la vive. È la storia di un piccolo che nasce bocciolo ma si sente gemma. Usando la metafora del mondo dei fiori e della natura, si entra nel cuore e nella mente di questo germoglio che inizia un percorso di ricostruzione della sua identità nel rispetto di sé stesso. Ogni personaggio che incontra sul suo cammino arriva al momento giusto per dare un insegnamento, stimolare una riflessione, ascoltare uno sfogo. Pagina dopo pagina, si comincia un viaggio dentro le emozioni dei personaggi e si scoprono alcune delle sensazioni che proviamo quotidianamente noi tutti. Una favola adatta per giovani adulti e grandi bambini, che sa insegnare come si possa essere felici in modo unico e speciale. La felicità non si copia dagli altri. Ognuno deve cercare la propria. I genitori che vogliono accompagnare i bambini in questo viaggio possono trovare in questo libro uno strumento per accedere, esplorare, accettare e gestire le emozioni e le diversità. Età di lettura: da 7 anni.

 

CLICCA QUI

 

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI