UNA VISITA IN CASA DI RIPOSO AL LIMITE DELL’ASSURDO (Mila Brollo)

 

Ho bisogno di un aiuto e di un consiglio.

Oggi sono andata a trovare una mia amica, giovane (59) e autosufficiente nonostante una disabilità, che vive in un appartamentino presso una “casa-albergo” (casa di riposo).

Sono mesi e mesi, dalla metà di febbraio precisamente, che la struttura, per gli ospiti è chiusa. Da non molto si possono andare a trovare gli ospiti, previo appuntamento.
Oggi dunque, ho comprato una piantina fiorita, e sono andata a trovarla dopo aver concordato con la struttura la visita.

L’educatrice mi ha accompagnato in un appartamentino a piano terra adibito a questi incontri. Mi ha fatto compilare un foglio e..., un po’ scostata, è stata presente a tutto l’incontro.

L’aiuto che chiedo è riferito a quella che a me è parsa una grave violazione dei diritti delle persone, e a ció che si puó fare per denunciarla e svolgere una azione di advocacy vera e propria.

Nessuno degli ospiti puó uscire, nessuno puó incontrare un parente o un amico, senza un testimone vicino. Carcere duro per persone molto fragili e non solo nel corpo. Mi chiedo quali danni psicologici possa provocare un così lungo isolamento. Mi chiedo se si possa fare qualcosa per superare questa assurda condizione di cattività.

La chiusura totale era giustificata in periodo di restrizione per tutti, ma ora?
Gli operatori, come tutti noi, dopo le ore di lavoro si muovono liberamente e l’indomani rientrano tranquillamente al lavoro portando dentro potenzialmente di tutto. A me, in visita oggi, nessuno ha chiesto se avessi sintomi particolari nè misurato la febbre, mi è stato solo fatto firmare un foglio con i miei dati: dunque? Che razza di prevenzione acefala è?

Aiutiamo se possibile questi reclusi fragili. Non si puó guardare il mondo dalla finestra.


Ps: aggiungo questa postilla con un giorno di distanza dal post. Desidero precisare che non sono una di quelle persone che dice che il virus è un’influenza. Ho rispettato scrupolosamente le indicazioni governative e sono io stessa per patologia, cittadina a rischio.

Denunciando quanto visto ieri, voglio solo sottolineare che c’è modo e modo per far rispettare le direttive. Tra un vetro e la presenza di un operatore ai colloqui, si deve scegliere il vetro. Tra non uscire quando tutti escono, si deve discernere le varie urgenze e necessità. Poi si deve per forza mantenere un rigore, ma non un rigore per il rigore, ma sensato, motivato, scientifico e rispettoso.

 

Mila Brollo

Gemona del Friuli (UD)

Referente del Movimento LE PAROLE RITROVATE

per il Friuli Venezia Giulia

 

 

Dal profilo facebook, post del 17 luglio, ore 16:25· 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 93817

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 66

Dati aggiornati

al 15-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 Elena Marchesini

Quando un bocciolo si sente gemma

Una favola per raccontare la disforia di genere

In Riga Edizioni

Il libro affronta, in modo delicato, il tema della disforia di genere dal punto di vista del bambino che la vive. È la storia di un piccolo che nasce bocciolo ma si sente gemma. Usando la metafora del mondo dei fiori e della natura, si entra nel cuore e nella mente di questo germoglio che inizia un percorso di ricostruzione della sua identità nel rispetto di sé stesso. Ogni personaggio che incontra sul suo cammino arriva al momento giusto per dare un insegnamento, stimolare una riflessione, ascoltare uno sfogo. Pagina dopo pagina, si comincia un viaggio dentro le emozioni dei personaggi e si scoprono alcune delle sensazioni che proviamo quotidianamente noi tutti. Una favola adatta per giovani adulti e grandi bambini, che sa insegnare come si possa essere felici in modo unico e speciale. La felicità non si copia dagli altri. Ognuno deve cercare la propria. I genitori che vogliono accompagnare i bambini in questo viaggio possono trovare in questo libro uno strumento per accedere, esplorare, accettare e gestire le emozioni e le diversità. Età di lettura: da 7 anni.

 

CLICCA QUI

 

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI