COME AFFRONTARE (E SUPERARE) IL LUTTO PER LA PERDITA DI UN ANIMALE DA COMPAGNIA (Germana Carillo)

Superare il dolore dovuto alla perdita del proprio animale da compagnia non è così scontato come sembra. Si tratta di un vero e proprio lutto da affrontare ed elaborare e solo chi ci è passato capisce realmente l’entità e la durezza della cosa.

L’esperienza, poi, è ancora più difficile da sopportare quando si mettono in mezzo le reticenze degli altri, quella sorta di “incredulità” di chi un animale non ce l’ha e gli sembra assurdo un dolore così.

L’impatto emotivo della perdita del proprio cane, infatti, la società lo riconosce a fatica, anzi spesso viene negato o minimizzato. Per questo motivo, chi subisce il lutto è portato anche a nasconderne le emozioni che si porta dietro.

Ma è sempre così? Per fortuna no e qualcosa, qui e là, pare stia cambiando. Lo dice, per esempio, la pratica di alcune aziende che negli States hanno deciso di offrire alcuni giorni di lutto o di ferie pagate ai dipendenti che hanno subito la perdita di un animale d’affezione. Ma anche qui in Italia, la creazione de “Il Fido Custode”, il primo cimitero per animali d’affezione nato a Milano lo scorso agosto, è una chiara risposta alle esigenze di infelici padroni che devono elaborare un lutto.

 

Sta prendendo sempre più piede l’idea che un animale da compagnia non è mai ‘solo’ un cane o ‘solo’ un gatto”, spiega Elisa Silvia Colombo, psicologa di riferimento de Il Fido Custode. “È importante cercare di prendere consapevolezza dell’importanza che il rapporto con gli animali ha nella vita delle persone. Il ruolo e la peculiarità del legame affettivo che si crea con un animale da compagnia sono ampiamente riconosciuti e documentati, sia da un punto di vista empirico che scientifico. Quello per la perdita di un animale è un dolore profondo che si fa fatica a mostrare, a maggior ragione se la persona si sente in qualche modo derisa o giudicata. Tutto questo può complicare la situazione e rendere più difficile l’elaborazione del lutto”.

Nel processo di elaborazione di una perdita sono importanti i riti e la narrazione” continua la dottoressa Colombo “I riti, come il funerale e la sepoltura, segnano l’avvenuto passaggio e agevolano la percezione del sostegno sociale in un momento di grande cordoglio”.

Rendersi conto di quanto è avvenuto, quindi, è importante anche avere la possibilità di seppellire o cremare l’animale, scegliendo come custodire le sue ceneri. Ciò, secondo la psicologa, aiuta molto più che lasciare il corpo in un ambulatorio veterinario.

Anche la narrazione, cioè raccontare e condividere la propria esperienza, agevolerebbe la presa di coscienza dell’evento e delle emozioni correlate. “La condivisione delle proprie emozioni con qualcuno che ascolta in modo non giudicante ed empatico, rispettando i valori della persona, come può fare uno psicologo, fa sì che il lutto venga inserito all’interno del contesto e della storia di vita di una persona, rendendolo più semplice da affrontare e superare”, conclude la psicologa.

Insomma, cani, gatti & Co. che hanno fatto parte di una fetta importante della nostra vita è giusto che vengano ricordati con lo stesso affetto che loro stessi ci hanno dato in tanti anni di compagnia. Non abbiate timore di essere derisi: il dolore per la perdita del vostro animale va vissuto nel modo che credete più opportuno. E al bando gli insensibili!

Germana Carillo

 

Tratto da: https://www.greenme.it/informarsi/animali/lutto-cani-gatti/

 

Vicino a Cuneo, in Val Varaita a Frassino Borgata Bonino 12020  Frassino - Cuneo - a 800 mt. dalla provinciale per San Maurizio c’è un cimitero per animali d’affezione (vedi la foto).

 

Inoltre, sia a Mondovì (in Via Follone) che a Sommariva Perno (str. Barbieri, 20)

vi sono altri cimiteri per animali.

 

Ecco i riferimenti:

Cimitero per animali di Frassino: http://www.cimiteroperanimalicuneo.it/,

cell. 334 7535640, mail: bianco.nicola@katamail.com

 

Cimitero per animali di Mondovi: https://cimiteroanimalimondovi.it/index.php,

cell. 340 7688915, mail: info@cimiteroanimalimondovi.it

 

 

Cimitero per animali di Sommariva Perno : https://www.justdog.it/poi/108019/animalife-snc.aspx , fisso 0173 35404 cell. 338 8370929 - 335 5443183, mail 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 109.569

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 115

Dati aggiornati

al 27-09-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Farhad Bitani

L'ultimo lenzuolo bianco

Edizioni Neri Pozza

 

«Sono tante, forse troppe, le cose che ho visto nei miei primi trentatré anni di vita. Adesso le racconto. Ho lasciato le armi per impugnare la penna. Traccio i fatti senza addolcirli, senza velarli. Dopo aver vissuto l’infanzia, l’adolescenza e la prima giovinezza nell’ipocrisia, ho un tremendo bisogno di verità».

Inizia così la sconvolgente testimonianza di Farhad Bitani, ex capitano dell’esercito, un giovane uomo che ha attraversato da osservatore privilegiato la storia dell’Afghanistan: dal potere dei mujaheddin ai talebani fino al governo attuale, che vive sotto l’ombrello occidentale.
Farhad nasce a Kabul nel 1986, ultimo di sei fratelli. Suo padre è un generale dell’esercito di Mohammad Najibullah Ahmadzai, il quarto e ultimo presidente della Repubblica Democratica dell’Afghanistan. Ma, con la presa del potere da parte dei 
mujaheddin, nel 1992, le cose cambiano. Solo rinnegando il passato e diventando un mujahed, il padre di Farhad avrà salva la vita.

Da quel momento l’esistenza del giovane Farhad cambia radicalmente. La sua famiglia si trasferisce in una grande casa, presidiata dagli uomini della scorta. È a loro che Farhad chiede in prestito le armi, per i suoi giochi di bambino. Quello che sogna è un futuro da combattente, alla testa di un manipolo di uomini. Sparare, uccidere, avere potere e ricchezza: non c’è nulla che desideri di più. Ma le cose sono destinate a mutare ancora. Quando i talebani strappano il potere ai mujaheddin, la sua famiglia cade in disgrazia. Mentre suo padre si trova in prigione, Farhad conosce la fame, la miseria, l’indottrinamento forzato all’Islam. Condotto allo stadio, viene costretto ad assistere alle lapidazioni del venerdì, le punizioni per gli infedeli, coloro che trasgrediscono le leggi del fondamentalismo. Sarebbe facile cedere all’imbarbarimento, credere a ciò che viene inculcato, diventare come coloro che professano la pace, alimentando la guerra. Ma se fosse possibile un destino diverso? Si può attraversare l’inferno e uscirne redenti?
Da guerriero islamista a dialogatore per la pace, attraverso questo libro possente e drammatico Farhad Bitani offre al mondo il vero volto dell’Afghanistan, raccontando in maniera vivida la guerra civile, la violenza gratuita, le perversioni del potere e l’uso della religione come strumento politico. 

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI