IL RUOLO DELLA "FEELING FAT" NEI DISTURBI ALIMENTARI (news di alcologia)

DA news.alcologia@gmail.com

 

19/8/2020 21:07

 

A  menteinpace@libero.it  

 

La sensazione di essere grassi è un'esperienza riportata da molte persone, in particolare le donne, ma l'intensità e la frequenza di questa sensazione sembrano essere molto maggiori tra quelle con disturbi alimentari, che siano sottopeso, peso normale o sovrappeso. Ci sono state pochissime ricerche sulla "feeling fat" nei disturbi alimentari; in effetti, è stato scritto molto poco al riguardo, sebbene il termine sia usato in molte lingue in tutto il mondo.

Sentirsi grassi non è un'emozione (cioè essere felice, triste, impaurito, sorpreso o arrabbiato) o una sensazione fisica (cioè sentirsi pieno o gonfio), ma fluttua di intensità di giorno in giorno e persino nell'arco dello stesso giorno, mentre il reale peso corporeo è più stabile.

La sensazione di essere grassi, dalla lente della teoria cognitivo-comportamentale per i disturbi alimentari, sembra spesso il risultato dell'etichetta errata di certe emozioni ed esperienze corporee.

È un obiettivo importante per il trattamento poiché tende ad essere equiparato all'essere grasso, qualunque sia il vero peso e la forma dell'individuo.

Perché ciò accada non è noto, ma potrebbe essere una conseguenza della lunga e grave preoccupazione per il peso nelle persone con disturbi alimentari.

A sua volta, la sensazione di essere grassi rafforza l'insoddisfazione e sollecita la dieta, e quindi deve essere affrontata.

L'importante ruolo della "feeling fat" nel mantenimento dei disturbi alimentari è stato supportato da alcuni studi che mostrano un'associazione tra la sua intensità di base e il raggiungimento del peso normale a 6 e 12 mesi dopo i trattamenti sia negli adulti che negli adolescenti con anoressia nervosa.

La terapia cognitivo-comportamentale potenziata (CBT-E), un trattamento raccomandato dalle principali linee guida internazionali per adulti e adolescenti con disturbi alimentari, affronta la sensazione di grasso all'interno del modulo “Body Image” con le seguenti strategie e procedure.

In primo luogo, i pazienti vengono aiutati a capire che la sensazione di grasso varia di giorno in giorno e durante il giorno, mentre la forma del corpo cambia a malapena in un lasso di tempo così breve.

Pertanto, è probabile che qualcos'altro sia responsabile delle fluttuazioni delle sensazioni di essere grassi.

In effetti, sentirsi grassi sembra derivare da un'etichetta errata di alcune esperienze:

·         Consapevolezza del corpo (in coloro che sono insoddisfatti del proprio aspetto)

·         Stati fisici avversi

·         Stati emotivi avversi

 

In secondo luogo, i pazienti vengono educati a identificare le esperienze che innescano la sensazione di essere grassi e ad affrontarle direttamente.
Nel tempo, ciò si traduce in pazienti che non identificano più il sentirsi grassi con l'essere grassi e cessa di essere un meccanismo di mantenimento.

La strategia prevede tre passaggi:

·         Identificazione dei periodi di "punta" per la sensazione di essere grassi

·         Identificazione dei fattori scatenanti

·         Indirizzare direttamente i fattori scatenanti

 

(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link: https://www.psiconline.it/news-di-psicologia/il-ruolo-della-feeling-fat-nei-disturbi-alimentari.html


(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

 

 

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 130.075

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 75

Dati aggiornati

al 22-5-2022

---------------------------------

DATI SITO www.menteinpace.it
2014-2021
DATI SITO 2014-2021.pdf
Documento Adobe Acrobat 848.8 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA

Per comunicare emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  costituendo una redazione di una rivista crossmediale

 

a breve un canale youtube, una pagina facebook ed un sito web

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 Alberto Arnaudo

POST COVID

Edizioni

Progetto & Cultura

 

Sono andato in pensione l’1 marzo del 2020. E, invece della tanto agognata libertà del “finalmente faccio quello che voglio quando voglio”, mi sono ritrovato tre mesi di arresti domiciliari!  
Così ho cominciato a buttar giù schizzi di sensazioni, brevi storie che riecheggiassero le esperienze straordinarie che tutti stavamo facendo in quel periodo, da pubblicare sulla mia pagina Facebook, per condividere emozioni e “tenere memoria” di quanto stava avvenendo: una condizione talmente fuori dal normale che, una volta superata l’emergenza, potrebbe essere rimossa e magari in gran parte dimenticata. Ma della quale sarebbe bene non scordare mai quel che ci ha tolto, insieme a ciò che ci ha insegnato. 

L'autore
Alberto Arnaudo, medico, ha diretto il Servizio di Patologia delle Dipendenze (SerD) di Cuneo fino al 2020. In pensione, si dedica ad attività di formazione nel campo delle Addiction, e può coltivare con maggior tranquillità la sua passione per la letteratura. 

CLICCA QUI

 

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI