IL RUOLO DELLA "FEELING FAT" NEI DISTURBI ALIMENTARI (news di alcologia)

DA news.alcologia@gmail.com

 

19/8/2020 21:07

 

A  menteinpace@libero.it  

 

La sensazione di essere grassi è un'esperienza riportata da molte persone, in particolare le donne, ma l'intensità e la frequenza di questa sensazione sembrano essere molto maggiori tra quelle con disturbi alimentari, che siano sottopeso, peso normale o sovrappeso. Ci sono state pochissime ricerche sulla "feeling fat" nei disturbi alimentari; in effetti, è stato scritto molto poco al riguardo, sebbene il termine sia usato in molte lingue in tutto il mondo.

Sentirsi grassi non è un'emozione (cioè essere felice, triste, impaurito, sorpreso o arrabbiato) o una sensazione fisica (cioè sentirsi pieno o gonfio), ma fluttua di intensità di giorno in giorno e persino nell'arco dello stesso giorno, mentre il reale peso corporeo è più stabile.

La sensazione di essere grassi, dalla lente della teoria cognitivo-comportamentale per i disturbi alimentari, sembra spesso il risultato dell'etichetta errata di certe emozioni ed esperienze corporee.

È un obiettivo importante per il trattamento poiché tende ad essere equiparato all'essere grasso, qualunque sia il vero peso e la forma dell'individuo.

Perché ciò accada non è noto, ma potrebbe essere una conseguenza della lunga e grave preoccupazione per il peso nelle persone con disturbi alimentari.

A sua volta, la sensazione di essere grassi rafforza l'insoddisfazione e sollecita la dieta, e quindi deve essere affrontata.

L'importante ruolo della "feeling fat" nel mantenimento dei disturbi alimentari è stato supportato da alcuni studi che mostrano un'associazione tra la sua intensità di base e il raggiungimento del peso normale a 6 e 12 mesi dopo i trattamenti sia negli adulti che negli adolescenti con anoressia nervosa.

La terapia cognitivo-comportamentale potenziata (CBT-E), un trattamento raccomandato dalle principali linee guida internazionali per adulti e adolescenti con disturbi alimentari, affronta la sensazione di grasso all'interno del modulo “Body Image” con le seguenti strategie e procedure.

In primo luogo, i pazienti vengono aiutati a capire che la sensazione di grasso varia di giorno in giorno e durante il giorno, mentre la forma del corpo cambia a malapena in un lasso di tempo così breve.

Pertanto, è probabile che qualcos'altro sia responsabile delle fluttuazioni delle sensazioni di essere grassi.

In effetti, sentirsi grassi sembra derivare da un'etichetta errata di alcune esperienze:

·         Consapevolezza del corpo (in coloro che sono insoddisfatti del proprio aspetto)

·         Stati fisici avversi

·         Stati emotivi avversi

 

In secondo luogo, i pazienti vengono educati a identificare le esperienze che innescano la sensazione di essere grassi e ad affrontarle direttamente.
Nel tempo, ciò si traduce in pazienti che non identificano più il sentirsi grassi con l'essere grassi e cessa di essere un meccanismo di mantenimento.

La strategia prevede tre passaggi:

·         Identificazione dei periodi di "punta" per la sensazione di essere grassi

·         Identificazione dei fattori scatenanti

·         Indirizzare direttamente i fattori scatenanti

 

(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link: https://www.psiconline.it/news-di-psicologia/il-ruolo-della-feeling-fat-nei-disturbi-alimentari.html


(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

 

 

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:54831

 

TOTALE

VISITE: 80277

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi

30 giorni: 33

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi

30 giorni: 46

 

Dati aggiornati

al 21-09-2020

---------------------------------

 

a cura di 

GIUSEPPE TIBALDI

prefazione di 

don LUIGI CIOTTI

 

LA PRATICA QUOTIDIANA DELLA SPERANZA

 

Mimesis Edizioni

 

Quali sono i fattori che favoriscono i percorsi positivi in situazioni che appaiono disperate, come molte esperienze esistenziali dolorose e poco comprensibili, come quelle psicotiche? Chi ha scandagliato i racconti di centinaia di “sopravvissuti” (G. Hornstein), ha indicato una risposta chiarissima: disporre di almeno una persona che creda fermamente alla possibilità della tua “guarigione”

 

Turismo
in Langa

 

Turismo in Langa
Corso Torino 4
12051 Alba (Cn)
Tel 0173.364030
SMS 331.9231050
info@turismoinlanga.it 

 

Clicca per visualizzare la home page dell'Associazione

http://www.turismoinlanga.it/it/

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

 

VISITA IL BLOG

 https://unabloggerincucina.it/