ADOLESCENZA E IMPULSIVITA’ : LE BASI NEUROBIOLOGICHE (Ce.S.D.A.)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ragazzi e giovani con una corteccia più sottile in regioni cerebrali coinvolte nell’elaborazione delle decisioni sono più portati ad avere un comportamento impulsivo. Lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista “Journal of Neuroscience” da un gruppo di ricercatori dell’Università della Pennsylvania a Philadelphia che ha confrontato dati neuroimaging e test comportamentali di centinaia di soggetti tra 9 e 24 anni, rafforzando l’ipotesi di una forte base neurobiologica dell’impulsività.

Ragazzi e giovani con una corteccia più sottile in particolari regioni cerebrali sono più impulsivi nelle decisioni rispetto a quelli con una corteccia più spessa: lo rivela un nuovo studio.
La scoperta suggerisce che le differenze individuali nella struttura cerebrale potrebbero essere usate per identificare i soggetti più propensi a fare scelte rischiose per la propria incolumità o per quella altrui.

In un precedente studio sugli adulti, era stato scoperto che lo spessore corticale è associato alla preferenza per una ricompensa immediata, anche se di lieve entità, invece di una ricompensa più consistente in un secondo momento. Si tratta di un tratto di personalità detto delay discounting, o svalutazione del differimento, che consiste nella progressiva diminuzione del valore attribuito a una gratificazione via via che questa viene ritardata.
Il problema della svalutazione del differimento è particolarmente rilevante nei soggetti più giovani, che spesso mostrano una notevole incapacità di valutare correttamente le conseguenze delle proprie azioni.

Questa tendenza è attribuibile in parte alla mancanza di esperienza e in parte a processi neurobiologici: nel corso dell’adolescenza, in particolare, il sistema nervoso centrale subisce una profonda ristrutturazione, in cui molte delle connessioni neuronali stabilite in precedenza vanno perdute e se ne formano altre nuove.

Per analizzare le profonde – e in gran parte sconosciute – connessioni tra comportamento e fattori neurobiologici, negli anni scorsi alcuni autori dell’Università della Pennsylvania hanno condotto il Philadelphia Neurodevelopmental Cohort, un ampio studio sull’età dello sviluppo in cui hanno raccolto e confrontato dati genomici, comportamentali, cognitivi e di imaging cerebrale di migliaia di soggetti.

Sfruttando le informazioni contenute in questo enorme database, sono stati analizzati i dati di neuroimaging di 427 ragazzi e ragazze di età tra 9 e 24 anni circa, correlandoli a dati di comportamento raccolti durante batterie di test in cui a ciascun volontario veniva chiesto di scegliere tra una piccola somma di denaro immediatamente corrisposta o una somma più grande, corrisposta sei mesi dopo.

Risultato: il minore spessore è risultato correlato a un maggior grado di delay discounting in ben 19 strutture cerebrali, tra cui la corteccia prefrontale ventromediale, la corteccia orbitofrontale, il polo temporale e la giunzione temporoparietale. Sono coinvolte in particolare alcune regioni cerebrali che elaborano le decisioni.

Questa correlazione si mantiene al di là delle differenze demografiche e cognitive, e di altre variabili come il livello di scolarità delle madri, corroborando l’ipotesi di una forte base neurobiologica per il comportamento impulsivo e in particolare della correlazione con lo spessore della corteccia.

 

Centro studi, ricerca e documentazione su Dipendenze e Aids

Redazione

 

 

Tratto da: http://www.cesda.net/?p=17587#more-17587

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 94254

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 67

Dati aggiornati

al 22-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 Matteo Spicuglia

Noi due siamo uno

Storia di Andrea Soldi, morto per un Tso

add editore

 

Il 5 agosto 2015 la città è caldissima, qualcuno è già in vacanza, altri cercano un po’ d’aria nei giardini del quartiere.

Anche Andrea Soldi è seduto su una panchina, ma quella è la “sua” panchina sempre, in ogni stagione. Lì si rifugia quando i pensieri lo assalgono, lì trova conforto e si sente a casa. Andrea soffre da anni di schizofrenia, la madre, il padre e la sorella sono il suo sostegno e piazza Umbria il posto del cuore.

Ha quarantacinque anni, non è violento, non è mai stato pericoloso, eppure, quel 5 agosto morirà a causa di un Trattamento sanitario obbligatorio eseguito da alcuni vigili urbani e dal personale medico. Il processo è arrivato ora alla fase d’appello, ma questa forse è la cosa meno importante della storia.

Dopo la morte, la famiglia Soldi ha trovato alcune pagine che erano il diario di Andrea in cui la trascrizione lucidissima della sofferenza illumina il percorso psicologico e i silenzi che per anni lo avevano avvolto.

Matteo Spicuglia è un giornalista che ha seguito il caso e che non ha voluto fermarsi alla cronaca: a partire da quel diario allarga lo sguardo dalla panchina su cui è morto Andrea alla realtà dei TSO, dalla sua esistenza difficile al mondo della malattia psichica, dalla famiglia torinese alle tante altre che si trovano a convivere con pregiudizi e inadeguatezza dei servizi medici e sociali nella gestione di patologie che soffrono ancora lo stigma sociale.

Nel diario Andrea aveva scritto di sperare che la sua fatica e il suo dolore non passassero invano; questo libro è il motivo per cui ciò non avverrà.

 

Per visualizzare il sito della casa editrice e la pagina dedicata al libro

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI