GAMBLESS, APP DI SUPPORTO PSICOLOGICO CONTRO LA LUDOPATIA (www.cudrad.it)

DA news.alcologia@gmail.com

 

16/9/2020 21:07

 

A  menteinpace@libero.it  

 

 

La piattaforma Gambless annuncia il lancio di una nuova applicazione per la prevenzione e il trattamento della dipendenza da gioco d’azzardo.

L’applicazione, fruibile sia da dispositivi iOS sia Android, offre numerose risorse ai soggetti a rischio ludopatia tra cui: articoli informativi, un diario terapeutico, esercizi di coping-skill per affrontare le proprie emozioni, test diagnostici, un chatbot d’emergenza e diversi corsi psicoeducativi.

Gambless affronta l’argomento del Gioco Responsabile con un approccio innovativo, ponendo la dipendenza dal gioco d’azzardo nel giusto contesto, ovvero la salute mentale della persona. Il contenuto dell’app mira ad educare gli utenti sia sui rischi che il gioco d’azzardo comporta, sia offrendo materiale educativo su temi più generali relativi alla salute mentale e al benessere emotivo. Sono già attualmente disponibili sull’app i seguenti corsi: Ludopatia pt I & II, Intelligenza Emotiva, Anti Stress, Anti Solitudine, con altri programmi che seguiranno in futuro.

Nello specifico, il programma sulla Ludopatia è stato creato da un team di psicologi specializzati nella dipendenza da gioco e in altri comportamenti compulsivi. Combina diverse tecniche di trattamento – tra cui la Cognitive Behavioral Therapy e la terapia Gestalt – ed è strutturato in più capitoli finalizzati ad educare gli utenti sull’argomento, dare consigli utili su come comprendere coscientemente i propri bisogni e le emozioni, e su come assumere attivamente il controllo dei comportamenti legati al gioco d’azzardo.

La data di lancio scelta non è casuale. L’inizio dei campionati di calcio spesso coincide con una forte crescita dei volumi nelle scommesse, dopo un periodo di spesa contratta dovuto alla stagionalità, che influenza anche giochi da casinò e poker. Questo rappresenta anche un periodo in cui tanti nuovi giocatori, tra cui i neomaggiorenni, si affacciano per la prima volta sul mondo del gioco d’azzardo.

In Italia, secondo alcune stime, i giocatori affetti da ludopatia sono circa 1,3 milioni, tuttavia, attualmente in cura ci sarebbero appena 12mila italiani, ovvero l’1% delle persone affette.

Così Maurizio Savino, CEO di Gambless: “I motivi per cui i dipendenti dal gioco d’azzardo evitano di rivolgersi a degli specialisti sono principalmente tre: la scarsa conoscenza dell’argomento, gli stereotipi ancora associati ai disturbi mentali, il prezzo e/o la scarsa accessibilità delle terapie. Con l’app Gambless contiamo di aggirare tutti questi ostacoli divulgando informazione, garantendo una privacy totale e offrendo programmi di supporto accessibili.

Gambless nasce dopo lunghe ricerca su metodologie di supporto psicologico fornito tramite dispositivi mobili e che hanno portato allo sviluppo di Mindspa, un’app creata dallo stesso team nel febbraio 2020 e che conta ad oggi oltre 100.000 utenti registrati.

(...omissis...)

 

copia integrale del testo si può trovare al seguente link: https://www.jamma.tv/attualitasx/gioco-dazzardo-gambless-la-prima-app-di-supporto-psicologico-contro-la-ludopatia-205756


(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 91177

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 60

Dati aggiornati

al 06-03-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

#PIJANSACHET

Domenica 14 marzo 2021,

ore 10 (salvo annullamenti per maltempo).

Due punti di ritrovo: al Rondò Garibaldi o al Bar Dotta (Piazza della Libertà vicino alla Stazione ferroviaria) a Cuneo. Munirsi di guanti e sacchetti della spazzatura.

-------------------------------------

 

Valeria Alpi

A Capo Nord bisogna andare due volte

Storia di un viaggio accessibile tra limiti e risorse

 

Edizioni La Meridiana

 

Può una persona disabile andare a Capo Nord? Può, in generale, viaggiare? Certo che può. Anzi: deve. Tuttavia per arrivare ad avere un po’ di autonomia personale, che spinga una persona con una qualche disabilità a desiderare un viaggio e che le consenta di progettarlo, occorre anche un’autonomia di contesto di vita, di educazione, di crescita che permetta l’uscita da casa. Il cosiddetto “contesto di fiducia” come lo chiamano al Centro Documentazione Handicap di Bologna. Un contesto, a partire dalla famiglia, che infonda fiducia anche nella pur minima capacità residua, un contesto in cui, per esempio, se tu riesci a muovere un solo dito di una mano, si possa credere che tu con quel dito potrai sollevare il mondo, senza sentirti limitato e incapace. Ma come si costruisce un contesto di fiducia?
A Capo Nord, Valeria Alpi c’è stata, non una ma due volte. E quello è stato il primo di una serie di viaggi che lei, con la sua disabilità, ha fatto da sola.
Questo libro, attraverso il racconto dei suoi viaggi, accompagna il lettore non disabile e disabile – quindi ogni persona – a generare il contesto di fiducia necessario perché viaggiare sia un diritto accessibile a ciascuno.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI