USARE I BIT PER CONSUMARE MENO – CONSUMARE MENO PER USARE I BIT (Norberto Patrignani)

DA varieventuali@rossetorri.it

 

16/9/2020 12:21

 

A  menteinpace@libero.it  

 

Il Green Deal rappresenta il più grande progetto strategico della storia dell’Europa: entro il 2050 diventare il primo continente carbon-neutral.

 

Il piano prevede:

·         la transizione verso le energie rinnovabili e una svolta epocale verso l’economia circolare (affordable secure energy, zero pollution, 2030: -50% emissions, 2050: zero emissions);

·         la mobilità sostenibile e intelligente (smarter transport);

·         il rispetto degli ecosistemi e della biodiversità e una grande attenzione all’intera filiera del cibo (high-quality food) (EU, 2019).

Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (Information and Communication Technologies, ICT) svolgono un ruolo centrale in questa strategia sia per abbattere la produzione di CO2 (“usare i bit per consumare meno“), sia nella nuova attenzione all’impatto ambientale delle stesse tecnologie (“consumare meno per usare i bit“).
L’importanza delle ICT nel prossimo futuro è sostenuto anche da filosofi attenti al ruolo delle tecnologie nella società. Floridi sottolinea la necessità di coniugare politiche “
verdi” (come l’economia circolare e la sharing economy) e politiche “blu” (economia digitale), favorendo stili di vita non più basati sul consumo e sugli oggetti ma centrati sulla qualità delle relazioni e dei processi (Floridi, 2020).

 

Usare i bit per consumare meno

In generale, il raggiungimento degli obiettivi europei nel 2050 richiede una grande svolta in termini di disinvestimenti nelle fonti fossili e investimenti per lo sviluppo delle fonti rinnovabili, per il risparmio energetico e la richiusura dei cicli nel rispetto degli ecositemi. In particolare, basterebbe investire l’1,2% del PIL globale in tecnologie climate-friendly per raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi (mantenere il riscaldamento globale sotto i 1,5 ºC) e quelli del Green Deal (emissioni zero entro il 2050) (De Weert, 2020).

Le ICT possono svolgere un ruolo fondamentale per la gestione più efficiente delle risorse e per la sensibilizzazione verso nuovi stili di vita più consapevoli. Alcuni esempi:

·         il software per la gestione energetica degli edifici, uno dei punti centrali dello scenario futuro, permette di risparmiare circa 1,68 GtCO2;

·         il software al cuore delle smart grid per la gestione efficiente della domanda/offerta nelle comunità energetiche, forse l’applicazione più promettente con risparmi stimati in 2,03 GtCO2;

·         i sistemi per la gestione avanzata della logistica con la creazione di magazzini temporanei condivisi tra molti attori – lo stesso paradigma dei router di Internet che spostano bit – per spostare merci in modo efficiente, permetterebbe di ottimizzare l’uso delle risorse con risparmi di 1,52 GtCO2.

 

 

Altre applicazioni possono includere la gestione informatizzata delle mobilità, la dematerializzazione di processi, la diminuzione del traffico pendolare tramite un equilibrato mix tra lavoro in presenza e lavoro a distanza, la sensoristica per migliorare il rendimento dei motori elettrici (uno dei consumi principali del settore industriale) e per diminuire i consumi in agricoltura.
Nel loro insieme tutti questi contributi potrebbero far risparmiare circa 6,3 GtCO2 entro il 2050 (
GeSI, 2015).
Un altro studio recente si è focalizzato sulle applicazioni basate su “intelligenza” artificiale in settori come energia, trasporti, gestione delle acque e agricoltura; i risultati sono globalmente interessanti: si potrebbero risparmiare fino a 2,4 GtCO2 entro il 2030 (
PWC, 2020).
Complessivamente le ICT potrebbero dare un contributo significativo, considerando che le ultime stime danno le emissioni totali di CO2 nel 2019 pari a circa 43 GtCO2 (
Harvey e al., 2019).

Un altro piano di lavoro completamente nuovo è quello della simulazione dei sistemi complessi, lo studio degli ecosistemi attraverso lo sviluppo di loro “gemelli virtuali”. Nella protezione civile, l’integrazione di grandi quantità di dati dai sistemi idrologici e dalle previsioni meteorologiche, permette di simulare eventi estremi e studiare i migliori strumenti di prevenzione delle catastrofi. Come pure lo studio di sistemi viventi complessi in modo non-invasivo per fare ricerca sulla biodiversità analizzando le tracce degli organismi (environmental DNA) tramite la raccolta e l’analisi di grandi basi di dati (Big Data) (Blair, 2020). Lo sviluppo di modelli software ad alta precisione, la grande disponibilità di dati e la potenza di elaborazione fornite dal digitale, permettono di migliorare la capacità di prendere decisioni per affrontare le sfide ambientali dei prossimi anni: dal monitoraggio dei consumi energetici al rilevamento dell’inquinamento atmosferico, dal monitoraggio dello scioglimento dei ghiacci (il termine “nevi perenni” sta per essere cancellato dalla glaciologia) alla prevenzione e gestione dei disastri ecologici.

 

(omissis)

Norberto Patrignani
(pubblicato anche su www.connettere.org)

 

Testo completo dell’articolo al link:

http://www.rossetorri.it/usare-i-bit-per-consumare-meno-consumare-meno-per-usare-i-bit/

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 94254

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 67

Dati aggiornati

al 22-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 Matteo Spicuglia

Noi due siamo uno

Storia di Andrea Soldi, morto per un Tso

add editore

 

Il 5 agosto 2015 la città è caldissima, qualcuno è già in vacanza, altri cercano un po’ d’aria nei giardini del quartiere.

Anche Andrea Soldi è seduto su una panchina, ma quella è la “sua” panchina sempre, in ogni stagione. Lì si rifugia quando i pensieri lo assalgono, lì trova conforto e si sente a casa. Andrea soffre da anni di schizofrenia, la madre, il padre e la sorella sono il suo sostegno e piazza Umbria il posto del cuore.

Ha quarantacinque anni, non è violento, non è mai stato pericoloso, eppure, quel 5 agosto morirà a causa di un Trattamento sanitario obbligatorio eseguito da alcuni vigili urbani e dal personale medico. Il processo è arrivato ora alla fase d’appello, ma questa forse è la cosa meno importante della storia.

Dopo la morte, la famiglia Soldi ha trovato alcune pagine che erano il diario di Andrea in cui la trascrizione lucidissima della sofferenza illumina il percorso psicologico e i silenzi che per anni lo avevano avvolto.

Matteo Spicuglia è un giornalista che ha seguito il caso e che non ha voluto fermarsi alla cronaca: a partire da quel diario allarga lo sguardo dalla panchina su cui è morto Andrea alla realtà dei TSO, dalla sua esistenza difficile al mondo della malattia psichica, dalla famiglia torinese alle tante altre che si trovano a convivere con pregiudizi e inadeguatezza dei servizi medici e sociali nella gestione di patologie che soffrono ancora lo stigma sociale.

Nel diario Andrea aveva scritto di sperare che la sua fatica e il suo dolore non passassero invano; questo libro è il motivo per cui ciò non avverrà.

 

Per visualizzare il sito della casa editrice e la pagina dedicata al libro

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI