QUANDO LA DIETA DIVENTA UN’OSSESSIONE (www.cufrad.it)

Disegno di Anna Pili

 

 

DA news.alcologia@gmail.com

 

24/9/2020 20:08

 

A  menteinpace@libero.it  

 

 

Dieting ovvero quando la dieta diventa un’ossessione. La psicologa spiega come intervenire.
 
Negli ultimi anni si è sentito spesso parlare di dieting, l’ossessione per la dieta. Anche se non è riconosciuto come un disturbo psicopatologico, si tratta di un comportamento estremamente diffuso tra le adolescenti e può essere precursore di malattie più gravi come l’anoressia nervosa. La psicologa Simona Calugi spiega come riconoscerlo e come affrontarlo.

Dieting vuol dire ossessione per la dieta. Essere inflessibili, non contemplare alcuna possibilità di sgarrare il regime alimentare che si sta seguendo fino a compromettere anche la propria vita sociale. Letteralmente in realtà dieting vorrebbe soltanto dire essere a dieta, ma negli ultimi anni il significato di questa parola ha assunto una connotazione differente. Un corpo snello e in forma a tutti costi è l'obiettivo di chi ‘soffre' di dieting. Le virgolette sono obbligatorie in questo caso perché non si tratta di un disturbo psicopatologico riconosciuto: "Non rientra in una patologia di ambito psicologico o psichiatrico – ha spiegato a Fanpage.it la dottoressa Simona Calugi, psicologa psicoterapeuta e presidente dell'AIDAP (Associazione Italiana Disturbi dell’Alimentazione e del Peso) – Il termine tecnico sarebbe restrizione dietetica, intesa come atteggiamento di controllo sull'alimentazione finalizzato al controllo del peso e della forma del corpo. E può essere l'espressione di un problema legato a un disturbo dell'alimentazione come l'anoressia nervosa o la bulimia nervosa o il disturbo da binge eating".

Come riconoscere il dieting


Quando la dieta diventa quasi una dipendenza, quando pur di raggiungere un certo peso o una certa forma fisica siamo pronti a rinunciare a ogni cosa, possiamo parlare di dieting. "Una caratteristica di questo atteggiamento è il fatto che ci si impone delle regole dietetiche estreme e rigide, molto difficili, se non impossibili da rispettare – chiarisce la dottoressa Calugi – E se non posso mai sgarrare, se non posso mai rompere le regole che io stessa ho imposto, il dieting può diventare un limite per la vita sociale". Quasi sempre chi vive perennemente a dieta ha alle spalle un sistema di valutazione di sé basato sul peso e sulla forma del corpo: "Controllare l'alimentazione – spiega la dottoressa – ci fa sentire in grado di controllare tutto e sentiamo anche che migliore sarà il nostro aspetto e più basso sarà il nostro peso, maggiore sarà il nostro valore". Anche se il singolo episodio non è indicativo di un problema, ma sono la ripetizione e la rigidità da tenere sotto controllo, è bene che la soglia di attenzione, soprattutto se si tratta di adolescenti, sia altissima: "Non abbiamo ancora dei risultati o degli studi significativi su questa modalità di comportamento. Quel che sappiamo con certezza è che se un ragazzo o una ragazza durante l'adolescenza segue qualsiasi tipo di dieta, aumenta di 8 volte il rischio di andare incontro a un disturbo alimentare come anoressia nervosa o bulimia nervosa".


Come evitare che si trasformi in anoressia nervosa


Di disturbi alimentari in Italia ne soffrono circa 3 milioni di persone, di cui il 90% sono donne. E il dieting può essere in qualche modo un precursore di patologie gravi come l'anoressia nervosa o la bulimia nervosa: "Talvolta il dieting si risolve anche in maniera autonoma dopo qualche mese, ma in generale un comportamento ossessivo nei confronti della dieta può essere una manifestazione di un problema più importante. Solitamente ci sono anche altri segnali, come la tendenza a salire frequentemente sulla bilancia e esagerare con lo sport". 

(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link:

https://https://dieting-ovvero-quando-la-dieta-diventa-unossessione-la-psicologa-spiega-come-intervenire/

 

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 130.003

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 77

Dati aggiornati

al 20-5-2022

---------------------------------

DATI SITO www.menteinpace.it
2014-2021
DATI SITO 2014-2021.pdf
Documento Adobe Acrobat 848.8 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA

Per comunicare emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  costituendo una redazione di una rivista crossmediale

 

a breve un canale youtube, una pagina facebook ed un sito web

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 Alberto Arnaudo

POST COVID

Edizioni

Progetto & Cultura

 

Sono andato in pensione l’1 marzo del 2020. E, invece della tanto agognata libertà del “finalmente faccio quello che voglio quando voglio”, mi sono ritrovato tre mesi di arresti domiciliari!  
Così ho cominciato a buttar giù schizzi di sensazioni, brevi storie che riecheggiassero le esperienze straordinarie che tutti stavamo facendo in quel periodo, da pubblicare sulla mia pagina Facebook, per condividere emozioni e “tenere memoria” di quanto stava avvenendo: una condizione talmente fuori dal normale che, una volta superata l’emergenza, potrebbe essere rimossa e magari in gran parte dimenticata. Ma della quale sarebbe bene non scordare mai quel che ci ha tolto, insieme a ciò che ci ha insegnato. 

L'autore
Alberto Arnaudo, medico, ha diretto il Servizio di Patologia delle Dipendenze (SerD) di Cuneo fino al 2020. In pensione, si dedica ad attività di formazione nel campo delle Addiction, e può coltivare con maggior tranquillità la sua passione per la letteratura. 

CLICCA QUI

 

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI