GENERAZIONE Z: perché soffrono di ansia i ragazzi nati tra il 1995 e il 2010? (Rossella Avella)

DA news.alcologia@gmail.com

28/9/2020 20:29

A  menteinpace@libero.it  

 

Troppi i punti interrogativi per le attuali generazioni. Non è facile intraprendere una vita autonoma, poi si aggiunge il Covid. Cosa produce tutto ciò? Le risposte della psicologa Pamela Pace per Interris.it

da Rossella Avella

 

Non è una novità che i ritmi della società odierna siano motivo ulteriore di stress, stanchezza e ansia. Ma a quanto pare, per le generazioni nate tra la fine del ‘900 e l’inizio del nuovo millennio, le cose sono leggermente più complicate…
Non sarebbero infatti solo i ritmi ad essere un problema, ma una serie di cause che renderebbe la vita delle nuove generazioni – ormai note come le generazioni Y – la vita più ansiosa di sempre.

 

I RAGAZZI DELLA GENERAZIONE Z

Un’azienda di sicurezza informatica a livello globale, la Kaspersky Lab e la società di ricerche Censuswide hanno condotto uno studio nel febbraio 2018 che ha coinvolto 1.003 intervistati della Generazione Z (ragazza tra i 13 e i 23 anni) del Regno Unito. I risultati hanno dimostrato che tra i nati dal 1995 al 2010 c’è un’epidemia di ansia: l’87% dei giovani dichiara di sentirsi ansioso e la maggior parte di loro non cerca nessun tipo di aiuto. Interris.it ne ha parlato con la dottoressa Pamela Pace, psicologa e psicoterapeuta.

“L’ansia non è la paura: sono due emozioni diverse. La paura si riferisce ad uno stato di allerta rispetto ad un pericolo specifico, oggettivo, viceversa l’ansia riguarda situazioni soprattutto ignote, non ben specificate, cioè pericoli generici. Paura e ansia rimandano inoltre ad una diversa contrazione temporale: la prima è più schiacciata sull’istante, mentre la seconda riguarda maggiormente l’incertezza, l’attesa, cioè una sospensione temporale”.

 

STRESS E PANICO, QUALE DIFFERENZA?

“Oggi si tende molto a utilizzare il termine “stress”, “panico”, per riferirsi in generale a tutti quegli stati d’animo caratterizzati dall’ansia e da fenomeni fisici e funzionali (stanchezza, depressione, tachicardia, affanno…). E’ bene però poter specificare che lo stress psicologico definisce piuttosto l’effetto su una persona di un periodo di tempo durante il quale ha risentito di un’eccessiva pressione ambientale, eccedente rispetto alle sue risorse, alle sue capacità di adattarsi e rispondere. Ad esempio: un individuo può attivarsi eccessivamente nella spinta a dover soddisfare le pretese dell’ambiente lavorativo, per non correre il rischio di essere licenziato; o nel rispondere alle continue e pressanti esigenze del suo ambiente circostante, per non deludere. Infatti il termine “stress” è preso in prestito dal campo della metallurgia e rimanda proprio alla pressione che viene effettuata su un metallo per testarne la resistenza. Ecco perché, un ambito professionale particolarmente esigente e competitivo, può agire, alla lunga, come un fattore stressante”.

 

LE VARIE TIPOLOGIE DI STRESS

“A tal riguardo è utile sottolineare che esistono vari tipi di stress, dai meno gravosi, come gestire un neonato, a quelli più seri legati a lutti, malattie, licenziamenti. Va detto che, nell’epoca contemporanea, siamo un po’ tutti sottoposti a stress, data la vita frenetica e oggi anche la presenza dei contagi e le tante incertezze e precarietà che la pandemia ha comportato. I fattori stressanti, se perdurano nel tempo, possono dar luogo a fenomeni psicosomatici, o problemi fisici veri e propri: è dunque utile ascoltare anche il corpo e, là dove è possibile, cercare di riprendere ritmi, abitudini a noi familiari”.

 

PRIMA E DOPO IL LOCK DOWN

“Dopo il lock down l’osservazione clinica ha potuto effettivamente evidenziare l’intensificarsi generale di alcuni vissuti umani: da quelli più maniacali, cioè che esprimono un atteggiamento al di là di limiti e convenienze, a forme diverse di pessimismo, nichilismo, cadute del tono emotivo e spinte regressive. Come reagire dipende dalle risorse di ognuno e, in particolare, dalla qualità del suo atteggiamento rispetto alla vita, nei confronti degli imprevisti, del modo peculiare di fare i conti con la contingenza”.

(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link: https://www.interris.it/la-voce-degli-ultimi/nati-annia-90-ansia/


(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 94193

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 68

Dati aggiornati

al 21-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 Matteo Spicuglia

Noi due siamo uno

Storia di Andrea Soldi, morto per un Tso

add editore

 

Il 5 agosto 2015 la città è caldissima, qualcuno è già in vacanza, altri cercano un po’ d’aria nei giardini del quartiere.

Anche Andrea Soldi è seduto su una panchina, ma quella è la “sua” panchina sempre, in ogni stagione. Lì si rifugia quando i pensieri lo assalgono, lì trova conforto e si sente a casa. Andrea soffre da anni di schizofrenia, la madre, il padre e la sorella sono il suo sostegno e piazza Umbria il posto del cuore.

Ha quarantacinque anni, non è violento, non è mai stato pericoloso, eppure, quel 5 agosto morirà a causa di un Trattamento sanitario obbligatorio eseguito da alcuni vigili urbani e dal personale medico. Il processo è arrivato ora alla fase d’appello, ma questa forse è la cosa meno importante della storia.

Dopo la morte, la famiglia Soldi ha trovato alcune pagine che erano il diario di Andrea in cui la trascrizione lucidissima della sofferenza illumina il percorso psicologico e i silenzi che per anni lo avevano avvolto.

Matteo Spicuglia è un giornalista che ha seguito il caso e che non ha voluto fermarsi alla cronaca: a partire da quel diario allarga lo sguardo dalla panchina su cui è morto Andrea alla realtà dei TSO, dalla sua esistenza difficile al mondo della malattia psichica, dalla famiglia torinese alle tante altre che si trovano a convivere con pregiudizi e inadeguatezza dei servizi medici e sociali nella gestione di patologie che soffrono ancora lo stigma sociale.

Nel diario Andrea aveva scritto di sperare che la sua fatica e il suo dolore non passassero invano; questo libro è il motivo per cui ciò non avverrà.

 

Per visualizzare il sito della casa editrice e la pagina dedicata al libro

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI