MALATTIE DEL FETO DA ALCOOL. A Milano un’Associazione aiuta le famiglie (Eleonora Dragotto)

DA news.alcologia@gmail.com

12/10/2020 20:28

A  menteinpace@libero.it  

 

 

 

Eleonora Dragotto

 

 

La diagnosi “impossibile” dei bimbi Fasd: a Milano arriva l'associazione che aiuta le famiglie

Dietro il poco conosciuto acronimo Fasd (Fetal Alcohol Spectrum Disorders, Spettro dei Disordini Feto-Alcolici) si nasconde il mondo dei bambini che a causa dell'esposizione ad alcol durante la gravidanza sono affetti da disabilità del neurosviluppo. La loro situazione è resa ancora più complessa dalla difficoltà con cui in Italia si arriva a diagnosticare questa sindrome. Per supportare le famiglie di questi bambini a Milano, così come sul territorio nazionale, è attiva Aidefad, l'associazione nata il 9 settembre 2018, in occasione della Giornata internazionale dedicata a questa disabilità. 

 

L'ASSOCIAZIONE CHE AIUTA BAMBINI, RAGAZZI E GENITORI

Le persone affette da Fasd presentano problematiche che vanno da deficit di attenzione e iperattività a danni neurologici, alterazioni comportamentali e anomalie fisiche e mentali. "Aidefad - racconta il presidente e co-fondatore dell'associazione, Claudio Diaz - nasce da un doloroso percorso personale che poi è stato condiviso con chi vive queste difficoltà. Oggi conta sei soci fondatori, un comitato scientifico di professionisti, e una cinquantina di famiglie, tra genitori adottivi di figli esposti ad alcol/sostanze psicoattive e parenti di persone con Fasd".

"Ci siamo resi conto - continua Diaz insieme al vicepresidente e referente regionale per la Lombardia di Aidefad, Massimo Castrucci - di quanto la condizione dei bambini ma anche degli adulti Fasd sia estremamente frammentata. Per questo motivo e per la scarsa conoscenza che si ha di questa disabilità è molto arduo arrivare a una diagnosi. E anche nel momento in cui ci si dovesse arrivare poi si è lasciati a se stessi e così occorre intraprendere onerosi percorsi terapeutici rivolgendosi alla sanità privata. Proprio sulla base di queste carenze abbiamo deciso di creare un'associazione, che ha tra i suoi obiettivi anche il mutuo aiuto".

SUPPORTO, PREVENZIONE E RICERCA

Aidefad, che ha anche coniato il nuovo acronimo Defad (disordini da esposizione fetale ad alcol o droghe) per includere chi è stato esposto a sostanze psicoattive e che ha ancor più difficoltà ad ottenere un corretto inquadramento dei suoi problemi, raccoglie diversi professionisti, da pediatri a psicoterapeuti e neuropsichiatri, con l'obiettivo di avviare le famiglie dei bambini con Fasd - nella stragrande maggioranza dei casi, adottati - a iniziare un percorso consapevole che, partendo dalla diagnosi, si possa avvalere della consulenza di esperti per affrontare al meglio i problemi associati alla sindrome. Non solo, obiettivo dell'associazione è anche quello di fare prevenzione. "Potenzialmente - sottolinea Diaz - questa grave disabilità potrebbe non esistere, basterebbe azzerare l'assunzione di alcol e sostanze in gravidanza, ma ancora oggi in Italia, dove siamo anni luce indietro rispetto a paesi come Canada e Australia, molti ginecologi dicono alle donne in gravidanza che un bicchiere a pasto si può bere. Questo va contro le indicazioni dell'Organizzazione mondiale della sanità che prescrive invece zero alcol e droghe in gravidanza per evitare danni permanenti al feto".

Aidefad lavora quindi perché si faccia una corretta diagnosi della sindrome di cui soffrono molti bambini. I Defad sono un problema che riguarda tutto il mondo: si rivolgono all’Associazione prevalentemente famiglie che hanno figli adottati in Italia, nell’Europa dell’est e in Sud America, "dove oggettivamente questa problematica è particolarmente diffusa", come evidenzia l'associazione. La corretta diagnosi, poi, deve essere il punto di partenza per capire l'origine del problema e oltre a trattare la patologia in sé intraprendere un percorso mirato e consapevole.

(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link: https://www.milanotoday.it/attualita/aidefad-associazione-supporto-fasd.html

 

 

Tratto da: http://www.cufrad.it/news-alcologia/alcol-alcolismo/fasd-a-milano-un-associazione-aiuta-le-famiglie/40320

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 120.001

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 88

Dati aggiornati

al 21-1-2022

---------------------------------

DATI SITO www.menteinpace.it
2014-2021
DATI SITO 2014-2021.pdf
Documento Adobe Acrobat 848.8 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

GIANLUIGI PASSARO

SULLA PELLE

DEL MARE

tra migrazione,

memoria e futuro

 

Moretti&Vitali Editori

 

Gli innumerevoli naufragi degli ultimi anni al largo delle coste italiane ci restituiscono il tragico rischio che le persone migranti sono disposte a correre per guadagnare la possibilità di un futuro e, al contempo, evidenziano con forza le responsabilità di chi, sulla riva dell’Europa, è invitato a contemplare la propria e l’altrui alterità così da accogliere, cambiare e lasciarsi cambiare.

Questo  libro  racconta  del  percorso terapeutico di un giovane uomo, Ouro, del suo viaggio di migrazione dal Togo all’Italia e, soprattutto, del viaggio intimo ed esistenziale intrapreso  per  avverare  la  sua  “fiaba  interiore”  −  la  propria  autentica  essenza −,  per  compiere  ciò  che  Jung  ha  definito cammino di individuazione.

L’idea di psicoterapia che qui si propone è quella di un incontro di storie e  di  narrazioni,  di  uno  spazio  e  di  un luogo intimi in cui è possibile ri-raccontarsi  per  tracciare  nuovi  significati e nuove prospettive.

La psicoterapia sarà uno dei luoghi in cui  rivivere  il  ricongiungimento  poetico con l’altro da sé per mezzo del quale è possibile scorgere la sostanza stessa dell’umano.

Il processo terapeutico sarà promosso dalla dimensione immaginale della vita  e  dalla  finzione  narrativa  creata dalla  coppia  terapeutica  attraverso il Disegno  Narrativo  Condiviso  (Dnc) e grazie al racconto di credenze, riti e f iabe della terra di Ouro.

Per partecipare alla vita bisogna fare di essa un cammino, una migrazione tra luoghi di anima differenti, per contribuire  −  assieme  a  coloro  che  si incontrano  −  a  migliorare  il  mondo, a continuarne il racconto, ad avverare storie, perché, al fondo, prestare ascolto alla storia di un altro vuol dire rendere la propria reale.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI