OGGI POSSO DIRE DI AVER RITROVATO LA PAROLA (Michelangelo D., Uomo Ombra)

LA SVOLTA E’ STATA POTERMI CONFRONTARE CON LA SOCIETA’.

 

 

 

Quest’ anno la redazione “La Fenice” compie due anni di attività. Attività voluta e portata avanti con impegno dalla nostra cara direttrice Olivia Realis Luc, che le ha dedicato quasi ogni attimo del suo prezioso tempo. Tutta l’attività è volta al recupero ed all’inserimento dei detenuti, con l’obiettivo che questi intraprendano la via della legalità, una volta finito di scontare la pena.

Per un anno e più ho frequentato la redazione all’interno del gruppo di discussione, ora da circa due anni ne faccio parte a tempo pieno. Quando ho chiesto di frequentare la redazione “La Fenice”, l’ho fatto più che altro per curiosità. Le prime volte che mi sono trovato seduto attorno al tavolo di discussione ero imbarazzato e non sapevo neanche esprimermi. Poi Olivia e gli altri volontari mi hanno aiutato ad uscire da quello stato di mutismo e da quell’antica sub-cultura che si era radicata nella mia mente.
Oggi posso dire che ho ritrovato la parola, mi si sono riaperti gli occhi e riesco a vedere le cose sotto un’altra luce. E’ stato un lungo percorso quello che mi ha portato al cambiamento: ci sono stati momenti di vera difficoltà nel capire come una persona, dopo 40 anni di carcere possa voltare pagina. Se tutto questo è stato possibile è perché mi sono imposto di acquisire nuovi strumenti, come quelli di scrivere, di sapermi esprimere, superando quella timidezza che per tanti anni mi ero portato dentro.
In questo istituto la svolta è stata quella di potermi confrontare con la società, subendo anche delle critiche che mi hanno messo davvero a dura prova, facendomi maturare sempre di più la consapevolezza degli errori commessi nella mia ormai lontana gioventù. Per molti anni mi sono messo ad ascoltare le tante testimonianze dei miei compagni di detenzione, per comprendere come dovevo rispondere ai volontari.

Certamente, dietro tutto questo c’è stato un faticoso lavoro che ancora affronto, rivolgendo uno sguardo diverso al mio passato. Mettersi in gioco, porgere il viso alla società e magari spiegare le cause che mi hanno indotto a prendere una strada sbagliata non è stato semplice.
Quanti anni sono passati e quanti istituti ho dovuto girovagare per dimostrare che un ragazzo fattosi uomo nelle patrie galere ha radicalmente cambiato la sua direzione di marcia. Se tutto questo è stato possibile, lo devo alla redazione “La Fenice” ed ai volontari che hanno lavorato al mio fianco, aprendomi gli occhi e la mente.

Tante sono state le salite per chi vive una condanna con un fine pena nel 9999 (Mai!), e in più di 40 anni trascorsi dietro muri alti oltre la mia veduta, ci sono stati momenti di sconforto, di delusione, la voglia di non credere più a nessuno. Per puro caso, quattro anni fa sono capitato in questo carcere, che non è una bellezza ed ha i suoi difetti, anche se forse meno della stragrande maggioranza degli istituti di pena del nostro Paese e quando mi è stato proposto di andare a catechismo, non mi sono tirato indietro, perché dovevo superare le mie paure e difficoltà.

Ma tutto è iniziato con scetticismo, perché ero talmente convinto che nessuno mai mi avrebbe teso una mano, che mi ero fossilizzato dietro le mie ragioni da stupido, perché non capivo, non avevo quelle nozioni che adesso mi permettono di ragionare con più chiarezza.
Ascoltando le persone che mi seguono con fiducia, ho imparato ad accettare la fragilità che esiste in ognuno di noi, adesso sono una persona più limpida e determinata perché sono orgoglioso del mio cambiamento, che da solo non potevo fare, non ne ero capace, non c’erano gli stimoli giusti, né le persone adatte che mi seguissero con interesse. Perché nessuno si può educare da solo, vivendo una carcerazione da “ghetto”, e questa è stata la mia carcerazione prima di approdare in questo istituto. Se alcuni spiragli si sono aperti nella mia vita, lo devo ai volontari come Ada, Marta, Chiara ed altri che mi hanno condotto verso un mondo di confronto e di dialogo, mettendomi davanti alle mie responsabilità, lavorando sul mio terribile passato, giorno dopo giorno ed ascoltando tutte quelle parole sulla responsabilità che prima erano incomprensibili per me. Oggi sono in grado di rispondere a qualsiasi domanda dei volontari, usando le parole giuste, imparando il rispetto delle regole ed affrontando a viso aperto qualsiasi critica senza voltarmi dall’altra parte.
Dal saggio di Albert Camus “L’uomo in rivolta” ricordo che ho letto… “L’ uomo che dice no, è anche l’uomo che dice si.”

 

Michelangelo D.

(Uomo Ombra)

 

Per contattare la Redazione La Fenice o commentare l’articolo scrivi a   redazione.lafenice@varieventuali.it oppure accedi a Facebook alla pagina la fenice – il giornale dal carcere di Ivrea

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 97759

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 71

Dati aggiornati

al 12-06-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 GIOVANNI MARIA FLICK, MAURIZIO FLICK

ELOGIO DELLA FORESTA

Dalla selva oscura alla tutela costituzionale

Il Mulino

 

Il nuovo Testo Unico in materia di Foreste e Filiere forestali (d.lgs. n. 34/2018) offre l’occasione per approfondire il tema dell’evoluzione della vita della foresta nel suo incontro-scontro con gli obiettivi dell’uomo. Il diritto interviene in questa relazione col suo ruolo regolatore, ricercando un punto di equilibrio tra la funzione ambientale e quella economico-produttiva e superando le polemiche che le scelte del legislatore hanno provocato tra gli studiosi della materia. Con un linguaggio piano e accessibile il libro approfondisce alcune tra le questioni giuridiche maggiormente dibattute a livello forestale e ambientale e le loro premesse di ordine costituzionale. Si analizzano le problematiche legate alla governance nella tutela della foresta, così come viene affrontato il tema della frammentazione delle proprietà boschive. Fra la categoria dei beni privati e quella dei beni pubblici si affaccia quella dei beni comuni; ne vengono prospettati pregi e difetti, prospettive di sviluppo e collegamenti con le tradizioni e con il principio di solidarietà. Si ipotizza poi un nuovo approccio alla «fiscalità ambientale», affinché venga abbandonata la funzione soltanto disincentivante e risarcitoria del tributo e vengano invece maggiormente apprezzate e incentivate le condotte virtuose. Si evidenziano i principi richiamati con decisione dall'enciclica «Laudato si'» di papa Francesco e il sempre più importante ruolo dell’Unione Europea rispetto all’ambiente e in particolare nell’azione di contrasto al commercio illegale del legno. Si guarda, infine, al futuro approccio del mondo economico-finanziario rispetto alle tematiche ambientali.

Giovanni Maria Flick, presidente emerito della Corte costituzionale, ministro della Giustizia nel governo Prodi I, è professore emerito di diritto penale. È autore di monografie sui temi della Costituzione, della giustizia, dei rapporti fra diritto penale ed economia, della criminalità organizzata, dei diritti umani e del diritto ambientale. Maurizio Flick, avvocato, è presidente della Camera civile di Genova. Collabora dal 2005 con la cattedra di Diritto civile dell’Università della medesima città, dove insegna nella Scuola di specializzazione per le professioni legali.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI