ASTI-CUNEO: RISPONDERE AI BISOGNI REALI DEL TERRITORIO (Guido Chiesa)

DA info@altritasti.it

5/11/2020 17:33

A  Associazione Mente in Pace  

 

di Guido Chiesa dell’Osservatorio delle Langhe e del Roero.

 

I cittadini delle Langhe e del Roero vogliono fortemente il completamento delle opere della A33. Ma non sono d’accordo che sia adottata una soluzione qualsiasi. Non vogliono che sia terminata alla meno peggio  un’opera concepita male e realizzata a spizzichi e bocconi. Vogliono una via di comunicazione che dia risposte ai reali bisogni del territorio e non solo ai bisogni di cassa del Concessionario...

Ricapitoliamo quali sono i reali bisogni della gente:

  • Che l’A33 sia terminata nel più breve spazio di tempo possibile;
  • Che l’A33 porti un reale miglioramento della viabilità di tutte le esistenti vie di comunicazione, raccogliendo quanto più traffico possibile;
  • Che la presenza delle opere non compromettano le attività economiche della zona e rispondano ai requisiti del piano Unesco in termini di tutela del territorio;
  • Che siano completate tutte le opere aggiuntive previste dai precedenti accordi.

Alla prima esigenza è facile rispondere. Per evitare tutte le lungaggini e le difficoltà di un iter progettuale e autorizzativo connesso con una nuova soluzione all’aperto (espropri, Valutazione di Impatto Ambientale, pratiche con l’Autorità di bacino del Po, nuovi piani regolatori dei Comuni attraversati, ecc. ecc.), si ritorni nuovamente alla soluzione in galleria, attuando tutte le modifiche che ne consentano l’abbattimento dei costi. Che sarebbero già ridotti grazie al taglio degli oneri passivi di costruzione e all’incasso anticipato dei pedaggi conseguenti alla anticipata conclusione delle opere.

La seconda esigenza comporta che la nuova via di comunicazione sia più fruibile da parte degli automobilisti, delle aziende di autotrasporti e dei mezzi di soccorso diretti all’ospedale di Verduno. Obiettivo perseguibile con il declassamento del tratto in costruzione da autostrada a superstrada gratuita da Cherasco a Castagnito. Obiettivo facilmente perseguibile con lo spostamento del casello di Cherasco dalla posizione attuale, sulla bretella di collegamento con la SP12 di Fondovalle Tanaro, ad una sezione della A33 appena a monte dell’intersezione della A33 con detta bretella di collegamento. In questo modo gran parte del traffico della Fondovalle sarebbe dirottato sulla superstrada e sarebbero finalmente decongestionate sia la statale SS231 che la provinciale SP7 di Pollenzo. Non solo. La riduzione della larghezza delle carreggiate e, conseguentemente, del diametro delle gallerie comporterebbe una consistente riduzione dei costi di realizzazione delle opere.

Le due modifiche proposte (soluzione in sotterraneo e superstrada) porterebbero al contemporaneo soddisfacimento della terza esigenza: verrebbero preservati oltre 200 ha di terreni coltivabili o dediti allevamento di bestiame, ma soprattutto verrebbe salvaguardato il paesaggio di una zona limitrofa ad un territorio dichiarato dall’Unesco patrimonio dell’Umanità. Non compromettendo così le possibilità di sviluppo del turismo della zona, con tutte le sue ricadute economiche sull’intera comunità delle Langhe e del Roero.

Le opere complementari, infine, che erano state oggetto di accordi precedenti, non erano il contentino dato alla popolazione locale affinché accettassero consistenti modifiche al progetto originario. Riflettevano oggettive esigenze di miglioramento della viabilità esistente e di manutenzioni indifferibili. E come tali da includere, senza discussioni, nel testo della delibera

In sintesi: le esigenze di profitto della società autostradale A 33 Asti-Cuneo, che sono state ampiamente soddisfatte dall’ultimo accordo governativo in fase di definizione, non possono e non devono essere comunque anteposte ai bisogni reali della popolazione. Deve essere ricercato un equilibrio tra le opposte necessità. Equilibrio che dovrebbe essere la prima preoccupazione delle forze politiche e degli amministratori locali che brillano, purtroppo per la loro assenza. In compenso si stanno mobilitando Associazioni locali, forze ambientaliste e giovani preoccupati del loro futuro che non possono accettare soluzioni rabberciate di un’opera concepita male, realizzata a spizzichi e bocconi e conclusa peggio.

I conti non tornano? Si rifacciano i conti riportando, tanto per incominciare, il rendimento del Concessionario nei limiti imposti dalla legge. E, magari, riappaltando le opere del lotto mancante. Lo Stato non ha fondi per finanziare l’eventuale incremento di costi? Ceda al miglior offerente il 35% della Società  Autostradale A33 in capo all’ANAS, mettendo così fine alla discutibile commistione di interessi tra Concedente e Concessionario. Manca ancora una manciata di milioni? Li recuperi dall’utilizzo del Recovery Fund perché questo paese, dopo la pandemia, deve voltare pagina e rinascere dando priorità alla tutela del paesaggio, che è la nostra vera ricchezza. I cittadini non se la sentono proprio di sentirsi responsabili di un’opera che durerà centinaia di anni e che rischia di diventare una pesante eredità per le generazioni future.

 

 

Tratto da: http://www.altritasti.it/index.php/cuneo-e-provincia/4567-asti-cuneo-il-progetto-voluto-dai-cittadini-che-risponde-ai-bisogni-reali-del-territorio

Scrivi commento

Commenti: 0

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 132.217

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 58

Dati aggiornati

al 28-6-2022

---------------------------------

DATI SITO www.menteinpace.it
2014-2021
DATI SITO 2014-2021.pdf
Documento Adobe Acrobat 848.8 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA

Per comunicare emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  costituendo una redazione di una rivista crossmediale

 

a breve un canale youtube, una pagina facebook ed un sito web

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Benedetto Saraceno

LE LINGUE DELLA PAURA

Edizioni Alpha Beta Verlag

 

In un bosco nei dintorni di Ginevra, in circostanze casuali, si consuma il cruento omicidio del vicedirettore della HEGA, l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di economia sanitaria mondiale.

L’autore materiale è un alto funzionario della stessa agenzia, Andreas Krause, per il quale la vittima rappresenta l’unico ostacolo apparentemente insormontabile alle proprie ambizioni di carriera. Assediato dal timore di essere scoperto e dai sospetti che cominciano ad addensarsi su di lui, si ritrova lentamente risucchiato in un gorgo di paure e ossessioni, che degenera in un’autentica paranoia. Arriva addirittura ad assoldare un killer per sbarazzarsi di un collega che, secondo il suo lucido delirio, sarebbe pronto a denunciarlo. In breve tempo la sua vita privata e professionale va a rotoli, e ogni tentativo di fare marcia indietro e confessare il proprio delitto è vanificato da continue oscillazioni emotive e confusi progetti di fuga. Nel chiuso, ovattato quanto spregiudicato ambiente diplomatico internazionale affiorano intanto intrighi e personaggi di dubbia moralità, disposti a tutto pur di non perdere potere e privilegi. Tra rituali bizantini, scandali messi sotto silenzio e subdoli conflitti d’interesse, emerge un quadro a tinte fosche tratteggiato con inquietante precisione. Nella sua pur riluttante connivenza, di questo perverso mosaico Krause è un tassello fondamentale.

 

Le lingue della paura è un raffinato noir psicologico, una storia intrisa di cinismo, avidità e umana fragilità, con un finale sorprendente.

 

L’Autore

Psichiatra, dal 1999 al 2010 è stato direttore del Dipartimento di Salute Mentale e Abuso di Sostanze dell’Organizzazione mondiale della Salute a Ginevra. In precedenza ha lavorato all’Ospedale psichiatrico di Trieste sotto la direzione di Franco Basaglia e Franco Rotelli, ed è stato a capo del Laboratorio di Epidemiologia e Psichiatria sociale presso l’Istituto Mario Negri.

Membro onorario del Royal College of Psychiatry, attualmente è segretario generale del Lisbon Institute of Global Mental Health. Ha all’attivo oltre duecento articoli su riviste scientifiche internazionali.

Tra i suoi ultimi volumi pubblicati ricordiamo: Psicopolitica. Città, salute, migrazioni (DeriveApprodi, 2019); Sulla povertà della psichiatria (DeriveApprodi, 2017); Discorso globale, sofferenze locali. Analisi critica del Movimento di salute mentale globale (il Saggiatore, 2014).

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI