LA RESILIENZA: essenziale per superare le avversità della vita (Lorenza Fiorilli)

 

DA news.alcologia@gmail.com

 

 

A  menteinpace@libero.it  

 

SEMPRE PIÙ SPESSO, SPECIALMENTE NELL’ULTIMO PERIODO, SI È SENTITO PARLARE NEI SERVIZI GIORNALISTICI, IN TELEVISIONE O IN RADIO DEL TERMINE RESILIENZA. MA COSA SI INTENDE CON ESSO? E PERCHÉ È COSÌ IMPORTANTE NELLA VITA?

 

di Lorenza Fiorilli

 

La psicologia ha preso “in prestito” questo concetto dalla fisica, con il quale si indica la capacità di un materiale di resistere agli urti senza spezzarsi e di riacquistare un assetto più possibile simile a quello originario.

Come un pezzo di metallo può subire degli urti e ritrovare una nuova forma, anche gli esseri umani hanno in sé la capacità di fronteggiare e superare un evento traumatico o un forte stress.

Ognuno di noi, chi più chi meno, ha dovuto fare i conti, nella vita, con un evento negativo: un lutto, una malattia improvvisa, la fine traumatica di una relazione amorosa, un tradimento da parte di una persona di cui ci fidavamo, un evento scioccante ed improvviso come un terremoto; o, in questi ultimi mesi, la pandemia a cui tutti noi stiamo assistendo.

Quando l’essere umano si trova ad affrontare queste circostanze, le prime sensazioni sono impotenza, dolore, sconcerto, delusione, rabbia, frustrazione; alcuni si fanno abbattere da queste emozioni negative, altri no. Da cosa dipende ciò?

Dal fatto di avere o no una personalità resiliente: ovvero, non solo di possedere la capacità di riuscire ad accettare e superare gli eventi negativi che la vita ci pone davanti, ma anche, e soprattutto, di vederli non come una sconfitta, non come una perdita di qualcosa o qualcuno, ma come una nuova opportunità da cui scoprire lati di noi che non sapevamo di avere, dalla quale rialzarsi e rinascere più forti di prima, dalla quale organizzare in maniera diversa la nostra quotidianità, e dalla quale, perfino uscirne “trasformati”.

Non è semplice, e neanche immediato tutto ciò, ma come afferma il noto psicologo statunitense George Bonanno: “Il genere umano è portato naturalmente alla resilienza”.

E’ essenziale, dopo una circostanza negativa o traumatica, non percepire noi stessi come vittime, non cadere nella trappola dell’autocommiserazione, non rassegnarsi con passività al corso degli eventi.

Ovviamente, ogni persona ha un proprio vissuto, ha un background culturale e sociale che può facilitare il mettere in atto un comportamento resiliente. Ci sono, però, alcuni fattori e risorse personali che possono contribuire a tutto ciò.

Tra questi:

·         avere una rete sociale e affettiva di supporto (parenti ed amici) e cercare di creare nuovi legami, anche all’interno di un’ associazione di volontariato.

·         accettare i cambiamenti come parte della vita stessa e non rimanere ancorati ad obiettivi che, in quel particolare momento, non si possono raggiungere.

·         guardare agli eventi da un'altra prospettiva, cercando di non cadere nel catastrofismo ma adottando un tipo di pensiero più realistico ed equilibrato.

·         perseguire sempre i propri obiettivi, compiendo ogni giorno un nuovo passo che ci consenta di arrivare alla meta.

·         nutrire l’autostima, anche, semplicemente, aiutando un amico in difficoltà o una persona in un momento di bisogno. Fare tutto ciò che ci fa sentire utili.

·         prendersi cura di se stessi e del proprio corpo, anche dedicando, semplicemente, un po’ di tempo alle cose che ci piace fare o che ci danno gioia o praticare esercizio fisico quotidiano.

·         continuare ad avere sempre uno sguardo fiducioso e speranzoso sul futuro.

 

Collegato al concetto di resilienza c’è quello di coping, termine che, in ambito psicologico, indica l’insieme degli sforzi che un individuo mette in atto per ridurre o dominare gli eventi che lo minacciano; più semplicemente, esso indica i comportamenti che mettiamo in atto per fronteggiare un evento stressante.

 

Si individuano, in genere, quattro strategie di coping:

·         quello centrato sulle emozioni che riguarda la gestione delle emozioni negative scaturite da un evento avverso, cercando di alleviare o ridurre il disagio derivante da esse.

·         il coping centrato sul problema che si concentra nell’affrontare le cause del problema. L’individuo tende a comprendere meglio le cause del problema, cercando di risolverlo concretamente.

·         il coping evitante con il quale, come suggerisce il nome stesso, si cerca di mettere da parte la causa dello stress, negando il problema o fuggendo da esso.

·         il coping vigilante con il quale si affronta la situazione mettendo in atto azioni concrete, quali, ad esempio, cercare più informazioni riguardo quel particolare problema o chiedere aiuto ad altre persone.

 

Ovviamente, tale classificazione non è cosi “rigida”: alcune persone possono mettere in atto più strategie di coping contemporaneamente oppure passare da un tipo ad un altro, quando uno di essi si riveli inadeguato per l’individuo.

(...omissis..)

A cura della Dott.ssa Lorenza Fiorilli

 

copia integrale del testo si può trovare al seguente link: 

 

https://www.psiconline.it/articoli/il-lavoro-della-psicologia/la-resilienza-una-capacita-essenziale-per-superare-le-avversita-della-vita.html

Scrivi commento

Commenti: 0

MenteInPace

PANDEMIA, PANDE…NOSTRA

Emozioni e riflessioni in tempo di Covid-19

 

Edizioni NEROSUBIANCO

196 pag., formato A4, a colori

 

Il libro è fuori commercio ed è stato finanziato dal CSV, Centro Servizi per il Volontariato di Cuneo. Viene distribuito a chi volesse fare un’offerta libera alla nostra associazione. Per riceverlo inviate una mail a menteinpace@libero.it con recapito e numero di copie richiesto.

 

-------------------------------------

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:57857

 

TOTALE

VISITE: 84610

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni: 

45

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 

66

 

Dati aggiornati

al 2-12-2020

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Cristina Contini

Una vita, due vite.

Corso e percorso di voci

Editore: Capovolte

Collana: Ribelle

Anno edizione: 2019

CLICCA QUI

 

 

Sentire le voci può fare paura. Cristina Contini è una donna che da anni vive a contatto con le voci. La sua storia, la sua sensibilità, la sua decisione di mettersi a servizio delle persone in sofferenza e il suo lavoro in ambito psichiatrico, a disposizione degli ultimi, testimoniano quanto sia importante l'ascolto. L'ascolto per assumere consapevolezza, per affrontare e superare la paura, per far sì che tutte le parti di sé tornino a integrarsi, trovando una coerenza nell'agire e nell'essere. In "Una vita, due vite. Corso e percorso di voci", Cristina Contini si racconta, dall'esperienza del coma fino alla creazione dei primi gruppi di auto-mutuo-aiuto per uditori e alla fondazione dell'Associazione Nazionale Sentire le Voci, che oggi collabora con professionisti e operatori dei dipartimenti di salute mentale delle ASL di tutta Italia e offre accoglienza e aiuto agli uditori e alle loro famiglie. È il racconto di un percorso, la spiritualità, i silenzi, le scelte, la loro intensità, l'importanza delle parole, per arrivare a comprendere la necessità per ciascuno di noi di "sentire" la propria vita.

-------------------------------------

 

Cuneotrekking

 

Cuneotrekking è il principale portale dedicato alle escursioni nelle Alpi cuneesi. Nato nel 2007 dalla passione per la montagna di Elio e Valerio Dutto, padre e figlio, nel corso degli anni ha visto il team crescere e si è affermato come punto di riferimento per l’escursionismo, superando le 500 escursioni descritte e i 2 milioni di visitatori nei soli primi sei mesi del 2020.

 

Per visitare il sito

 

CLICCA QUI

----------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI