IDEE SGONFIE E QUALCHE BICICLETTA. Un bonus mobilità che non risolve (Paolo Pileri)

DA info@altritasti.it

13/11/2020 10:26

A menteinpace@libero.it

 

 

di Paolo Pileri.

Ci risiamo. Non c’è niente da fare: ancora una volta una politica che distribuisce soldi alla qualunque con qualche pennellata di verde. Una politica che da anni è disinteressata alla mobilità ciclabile, tranne pochi sussulti positivi, che ora continua a regalare soldi sotto forma di biciclette. L’operazione ha solo il maledetto sapore dei soldi e non della rivoluzione verde e culturale di cui abbiamo bisogno. Lo si capisce fin dal portale a cui si deve accedere di corsa per ottenere l’incentivo in puro stile black friday o clickday (che tra l’altro nemmeno funziona). Il portale si chiama buonomobilità.it e non buonamobilità.it. Fate attenzione alle vocali perché cambia tutto il senso dell’operazione. Già perché comprare una bici non assicura per niente una buona mobilità. Bisogna usarla e usarla al posto dell’auto. Usarla in sicurezza in aree urbane ridisegnate e da dove sono state cacciate via le auto, ma questa cosa non è stata fatta, come non si è scacciato via nessun virus in estate. Continuiamo a regalare soldi a tutti senza stringere nessun patto sociale, nessuna promessa che chi prenderà il bonus dovrà cambiare stile di mobilità. Niente: solo un regalo...

Non c’è uno straccio di studio che dica se il precedente bonus sia stato efficace al punto da replicarlo. Nulla che ci dica se e di quanto è aumentato il traffico bici nelle città. Nulla di nulla. Ma che modi sono di fare? Una spesa pubblica senza uno straccio di rapporto indipendente che dica che la spesa produce gli effetti sperati non è accettabile. Altri 200 e oltre milioni di euro che spariranno nelle cantine, che andranno nelle tasche dei più veloci e ricchi. Se andate sul sito del ministero dell’Ambiente (dell’ambiente, non dell’industria, badate) e cliccate su bonus bici, venite spediti subito alla procedura senza neppure che qualcuno spieghi perché il bonus, a chi è destinato, quale è la posta in gioco, quali le aspettative del governo. Nulla. Eppure dovrebbe essere compito del legislatore educare la cittadinanza, farla partecipare, farla crescere. Nulla.

Un bonus che non ha corretto le distorsioni della prima ondata ma le ha confermate è lo specchio di una politica ribassista che ha fatto dell’assoluta mancanza di idee e di visione la sua strategia. La mobilità leggera o dolce è una cosa seria e molto più seria dell’acquisto di una bici. È un progetto di territorio. È un’idea di come vogliamo riabitare le città e i paesaggi. È un progetto di inclusione. È un progetto di strutture e infrastrutture leggere e di bellezza. È un’idea nuova di turismo, di lavoro, di andare a scuola. È un progetto estetico. È un progetto di lentezza. Ma pare che tutto questo sia noia alle orecchie della cultura politica mentre i soldi sono musica per tutti. Meglio affidarsi al caso, all’improvvisazione. Quel che conta è fare e non perché bisogna fare. E allora non c’è miglior linguaggio dei “soldi subito” per farlo capire. Non riusciamo più a costruire un sogno assieme ai cittadini. Un ideale verso cui tendere. No, scendiamo in macelleria e facciamo a pezzi tutto quello che c’è da vendere.

Sono anni che stiamo facendo una fatica enorme per far progettare e realizzare allo Stato e alle Regioni poco più di 2.000 chilometri di ciclovie turistiche che genererebbero oltre 5.000 posti di lavoro in tutta Italia e siamo rallentati da mille problemi che nessun governo risolve. Sono anni che diciamo di aiutare i Comuni a espellere le auto dai centri storici. Sono anni che diciamo di moltiplicare gli investimenti in mezzi pubblici e in treni che portano le bici. E lo abbiamo chiesto per tempo ma nessuno rispondeva alle email. Forse perché tutto questo richiede tempo, pensiero, progetto, priorità, coordinamento ma, soprattutto, il coraggio del cambiamento. Sono affranto. Non prendete il bonus ma chiedete di realizzare ciclovie, di riqualificare i centri storici, di mettere a posto i sentieri, di fare alla svelta i grandi assi cicloturistici, di smettere di fare raccordi autostradali e progetti di velocità solamente. Senza tutto questo le bici le metterete in cantina. Duecento milioni in cantina.

Paolo Pileri è ordinario di Pianificazione territoriale e ambientale al Politecnico di Milano. Il suo ultimo libro è “100 parole per salvare il suolo” (Altreconomia, 2018)

 

Tratto da: https://altreconomia.it/bonus-mobilita-idee-sgonfie/

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 109.569

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 115

Dati aggiornati

al 27-09-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Farhad Bitani

L'ultimo lenzuolo bianco

Edizioni Neri Pozza

 

«Sono tante, forse troppe, le cose che ho visto nei miei primi trentatré anni di vita. Adesso le racconto. Ho lasciato le armi per impugnare la penna. Traccio i fatti senza addolcirli, senza velarli. Dopo aver vissuto l’infanzia, l’adolescenza e la prima giovinezza nell’ipocrisia, ho un tremendo bisogno di verità».

Inizia così la sconvolgente testimonianza di Farhad Bitani, ex capitano dell’esercito, un giovane uomo che ha attraversato da osservatore privilegiato la storia dell’Afghanistan: dal potere dei mujaheddin ai talebani fino al governo attuale, che vive sotto l’ombrello occidentale.
Farhad nasce a Kabul nel 1986, ultimo di sei fratelli. Suo padre è un generale dell’esercito di Mohammad Najibullah Ahmadzai, il quarto e ultimo presidente della Repubblica Democratica dell’Afghanistan. Ma, con la presa del potere da parte dei 
mujaheddin, nel 1992, le cose cambiano. Solo rinnegando il passato e diventando un mujahed, il padre di Farhad avrà salva la vita.

Da quel momento l’esistenza del giovane Farhad cambia radicalmente. La sua famiglia si trasferisce in una grande casa, presidiata dagli uomini della scorta. È a loro che Farhad chiede in prestito le armi, per i suoi giochi di bambino. Quello che sogna è un futuro da combattente, alla testa di un manipolo di uomini. Sparare, uccidere, avere potere e ricchezza: non c’è nulla che desideri di più. Ma le cose sono destinate a mutare ancora. Quando i talebani strappano il potere ai mujaheddin, la sua famiglia cade in disgrazia. Mentre suo padre si trova in prigione, Farhad conosce la fame, la miseria, l’indottrinamento forzato all’Islam. Condotto allo stadio, viene costretto ad assistere alle lapidazioni del venerdì, le punizioni per gli infedeli, coloro che trasgrediscono le leggi del fondamentalismo. Sarebbe facile cedere all’imbarbarimento, credere a ciò che viene inculcato, diventare come coloro che professano la pace, alimentando la guerra. Ma se fosse possibile un destino diverso? Si può attraversare l’inferno e uscirne redenti?
Da guerriero islamista a dialogatore per la pace, attraverso questo libro possente e drammatico Farhad Bitani offre al mondo il vero volto dell’Afghanistan, raccontando in maniera vivida la guerra civile, la violenza gratuita, le perversioni del potere e l’uso della religione come strumento politico. 

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI