ESSERE PESSIMISTA PUÒ PORTARE DEI BENEFICI? (Giorgia Lauro)

DA redazione@psiconline.it

 

A  menteinpace@libero.it  

 

ESSERE OTTIMISTI RACCOGLIE UNA SERIE DI BENEFICI POSITIVI, TRA CUI UNA MIGLIORE SALUTE E BENESSERE.

MA CHE DIRE DELLE PERSONE CHE TENDONO A VEDERE IL BICCHIERE MEZZO VUOTO ANZICHÈ MEZZO PIENO? ESSERE PESSIMISTA È SEMPRE UNA COSA COSÌ BRUTTA?

 

Quante volte abbiamo sentito dire che qualcosa di grande accadrà finchè crederemo che sia possibile?

Dai libri di psicologia, ai seminari e blog di auto-aiuto, vi è un grande clamore che circonda i vantaggi del pensiero positivo.

E ci sono certamente alcune prove dietro di esso - un gran numero di lavori suggerisce che essere ottimisti raccoglie una serie di benefici positivi, tra cui una migliore salute e benessere.

Ma che dire delle persone che tendono a vedere il bicchiere mezzo vuoto anzichè mezzo pieno? Essere pessimista è sempre una cosa così brutta?

In realtà, le ultime ricerche suggeriscono che alcune forme di pessimismo potrebbero portare a dei benefici. Il pessimismo non riguarda solo il pensiero negativo.

Mentre gli ottimisti si aspettano che, risultati positivi, avverranno il più delle volte, i pessimisti si aspettano che i risultati negativi siano più probabili.

Esiste un particolare tipo di pessimista, denominato il “pessimista difensivo”, che porta il pensiero negativo ad un livello completamente nuovo ed in realtà lo utilizza come mezzo per raggiungere i propri obiettivi.

La ricerca ha dimostrato che questo modo di pensare non solo può aiutarli ad avere successo, ma anche portare dei frutti piuttosto inaspettati.

Tuttavia, l'altra forma principale di pessimismo, che implica semplicemente incolparsi dei risultati negativi, ha effetti meno positivi.

 

PERFORMANCE E SENSO DI SICUREZZA

Come funzione esattamente il pessimismo difensivo e quali benefici ci si può aspettare da esso?

I ricercatori suggeriscono che il pessimismo difensivo è una strategia che le persone che sono ansiose usano per aiutarsi a gestire la loro ansia, il che potrebbe altrimenti farli desiderare di correre nella direzione opposta del loro obiettivo piuttosto che perseguirlo.

Il fattore cruciale è che avere basse aspettative sull'esito di un particolare piano o situazione – come aspettarsi che non si sarà assunti dopo un colloquio di lavoro - e quindi immaginare i dettagli di tutto ciò che potrebbe andare storto rende questi scenari peggiori della realtà.

Questo dà al pessimista difensivo un piano d'azione per assicurarsi che qualsiasi disavventura immaginata non accada realmente.

I benefici del pessimismo difensivo si estendono anche alle performance. Uno studio mostra che questo ha tutto a che fare con l'umore negativo. Quando è richiesto di essere di buon umore, i pessimisti difensivi hanno avuto una performance negativa su una serie di compiti inerenti i puzzle di parole.

Tuttavia, quando sono stati influenzati ad avere un cattivo umore, essendo istruiti ad immaginare come uno scenario potrebbe determinare esiti negativi, si sono comportati significativamente meglio.

Questo suggerisce che sfruttano il loro stato d'animo negativo per motivarsi a fare meglio. Il pessimismo può anche essere più vantaggioso dell'ottimismo in situazioni in cui si stanno aspettando notizie su un risultato e non c'è possibilità di influenzare il risultato.

Gli ottimisti, quando il risultato non è buono come sperano, sperimentano una maggiore delusione ed uno stato d'animo negativo rispetto ai pessimisti.

Stranamente, questo tipo di pessimismo può persino aiutare a rafforzare la fiducia. In uno studio che seguiva gli studenti durante i loro anni universitari, quelli che erano pessimisti difensivi sperimentavano livelli significativamente più alti di autostima rispetto ad altri studenti ansiosi.

In realtà, la loro autostima è salita quasi ai livelli degli ottimisti nei quattro anni di studio. Ciò potrebbe essere dovuto all'aumento della fiducia dei pessimisti difensivi nell'anticipare ed evitare con successo i risultati negativi che immaginavano.

 

SALUTE FISICA

La strategia del pessimismo difensivo di essere preparati a prevenire esiti negativi può anche avere dei benefici per la salute molto reali. Sebbene questi individui si preoccupino di più di ammalarsi durante il focolaio di una malattia infettiva rispetto agli ottimisti, sono anche più propensi ad intraprendere azioni preventive.

Ad esempio, potrebbero lavarsi spesso le mani e cercare prontamente assistenza medica quando si manifestano sintomi insoliti.

Quando i pessimisti diventano malati cronici, la loro visione negativa del futuro può essere più realistica ed incoraggiare tipi di comportamenti che gli operatori sanitari raccomandano per gestire la loro malattia.

I ricercatori hanno condotto uno studio con due gruppi di persone - quelli con malattia infiammatoria intestinale e artrite – ed è stato chiesto loro di valutare la loro salute futura su una scala semplice che varia da “povera” ad “eccellente”.

Poiché sia l'artrite che la malattia infiammatoria intestinale sono condizioni di salute a lungo termine che spesso peggiorano nel tempo, non ci si aspetterebbe che le persone pensino che la loro salute migliorerebbe molto in futuro.

Tuttavia, coloro che erano ottimisti valutavano ancora la loro salute come migliorabile in futuro, mentre i pessimisti vedevano la loro salute peggiorare in futuro.

Questo punto di vista può indurre i pessimisti ad impegnarsi nei tipi di strategie di coping necessarie per gestire sintomi come il dolore.

Detto questo, tale beneficio può essere meglio realizzato quando c'è almeno un certo ottimismo sul fatto che tali strategie funzioneranno effettivamente.

La differenza fondamentale che separa i pessimisti difensivi da altri individui che pensano in modo negativo - come quelli che sono semplicemente ansiosi o depressi - è il modo in cui affrontano le cose.

Mentre le persone tendono ad usare l'evitamento per affrontare i problemi previsti quando si sentono ansiosi o depressi, i pessimisti difensivi usano le loro aspettative negative per motivarsi a prendere provvedimenti attivi per sentirsi preparati e avere più controllo sui risultati.

Quindi essere un pessimista non è necessariamente negativo, anche se puoi irritare gli altri.

In definitiva, è quello che si fa con il pessimismo che conta!

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

  

Tratto da:

https://www.psiconline.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16322:essere-pessimista-puo-portare-dei-benefici&catid=17

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 115.363

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 102

Dati aggiornati

al 01-12-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

PIGOZZI LAURA

TROPPA FAMIGLIA FA MALE

COME LA DIPENDENZA MATERNA CREA ADULTI BAMBINI (E PESSIMI CITTADINI)

Rizzoli

La famiglia, all'origine della civiltà, oggi ne sta decretando la fine. È una crisi che investe l'intera società perché ciò che accade all'interno della famiglia ha rilevanza sul sociale e sul futuro dell'uomo. I genitori hanno rinunciato al ruolo di guida proteggendo all'infinito i figli: è il plusmaterno che nasce dal fallimento della cura e sospende il momento della responsabilità. La generazione che ha contestato sta crescendo figli e nipoti docili, pronti all'assoggettamento. Cosa è successo? I giovani che non dissentono permettono al fantasma mai sconfitto dell'antica tendenza dell'essere umano alla sottomissione di giocare la partita della vita al posto loro, rovesciandola in morte. Laura Pigozzi, psicoanalista, esplora in questo saggio come lo scacco della famiglia sia la radice di una tragedia sociale più vasta e ferocemente distruttiva. Attraverso il concetto di disobbedienza civile elaborato da Hannah Arendt, prende forma in queste pagine una inedita rilettura delle origini del totalitarismo che per la prima volta riesce a spiegare le conseguenze politiche della pulsione di morte freudiana e ci permette di riscoprire alcuni casi emblematici di rapporti genitoriali fallimentari, come quello di Hitler con sua madre. «L'adattamento di un giovane» ci ricorda l'autrice «ha sempre qualcosa di immorale» perché sia un soggetto che una comunità si fondano sulla divergenza. È nelle famiglie che i ragazzi dovrebbero allenarsi a trovare lo slancio verso l'esterno, diventando adulti. Fallire questa trasformazione significa condannarli a un'eterna infanzia, che apre le porte non solo ai dittatori bambini ma anche a quelli veri.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI