«PHUBBING»: LO SMARTPHONE INTERFERISCE (ANCHE) TRA GENITORI E FIGLI (News di alcologia)

DA news.alcologia@gmail.com

me 02/12/2020 - 20:07

A menteinpace@libero.it

                     

VIVENDO SEMPRE CON LO SMARTPHONE TRA LE MANI, FINIAMO SPESSO PER NON ASCOLTARE CHI CI È ACCANTO. I CONSIGLI PER NON CADERE NELLA TRAPPOLA DEL «PHUBBING»

 

Una malattia? No, non è (ancora) il caso di definirla tale. Ma un fenomeno da tenere comunque sotto controllo, sì. Il «phubbing» identifica il comportamento che assumiamo ogni qualvolta, seppur in compagnia e in contatto con un’altra persona, preferiamo guardare lo schermo dello smartphone. Anche se non ci sta comunicando alcuna urgenza. Un atteggiamento osservato - e studiato - a partire dai rapporti tra colleghi e che sovente si rileva nel corso di quelle riunioni che sembrano non avere fine. Ma snobbare chi ci è accanto - «phubbing» è la crasi di due termini inglesi: «phone» (telefono) «phubbing» (snobbare) - in favore di un cellulare o di un tablet è un comportamento che inizia a osservarsi con frequenza anche all’interno delle famiglie. E non sembra essere privo di conseguenze, a partire dall’isolamento sociale in cui possono cadere figli piccoli e genitori (troppo) grandi.

 

LE CONSEGUENZE: RAGAZZI «DISCONNESSI» E ISOLATI

Prestare troppa attenzione al proprio smartphone in presenza dei figli peggiora le relazioni familiari e ha possibili ripercussioni sul benessere psicologico dei ragazzi. A queste conclusioni è giunto il lavoro condotto da un gruppo di ricercatori dell'Università di Milano-Bicocca, secondo cui a pagare il prezzo più alto rischiano di essere gli adolescenti. Sono stati oltre 3.200 di loro i protagonisti della ricerca, pubblicata sul Journal of Social and Personal Relationships. Attraverso un questionario, ai ragazzi è stato chiesto di dare una misura della frequenza del «phubbing» nelle loro famiglie e di descrivere le loro reazioni più frequenti a questi comportamenti. Così si è arrivati ad avere conferma dell'ipotesi iniziale. Quanto più i genitori tendono a isolarsi con i propri smartphone, tanto più i figli si sentono ignorati e tendono ad allontanarsi da loro. Un sentimento che gli esperti definiscono come una «disconnessione sociale», che nelle prime fasi può portare i ragazzi a isolarsi (fisicamente ed evitando di condividere qualsiasi esperienza) e un aumento dei litigi. Ma sul lungo periodo, con l'accentuarsi di questo divario, può contribuire all'insorgenza di sintomi depressivi e di pensieri legati al suicidio

 

«PHUBBING»: DI COSA SI TRATTA?

Il «phubbing» è un fenomeno che si caratterizza a tutti gli effetti come una forma di esclusione. «Chi lo subisce si sente invisibile, pur essendo fisicamente in compagnia di altre persone», spiega Luca Pancani, ricercatore in psicologia sociale all'Università di Milano-Bicocca. L'attenzione nei suoi confronti sta crescendo, di pari passo con l'ubiquità di smartphone e tablet. L'essere ovunque di questi dispositivi «fa sì che questo fenomeno possa concretizzarsi in qualsiasi momento: così cresce la possibilità di trovarsi di fronte alle conseguenze negative per chi lo subisce. Ciò assume una importanza ancora maggiore nella relazione tra genitori e figli, in cui lo stile dei primi e la responsività alle richieste dei figli rivestono un ruolo cruciale nello sviluppo: soprattutto nel corso dell'adolescenza».

 

LO SCENARIO AI TEMPI DI COVID-19

Rispetto al periodo in cui è stato condotto lo studio (2018), lo scenario potrebbe essere mutato: a maggior ragione dopo un anno in cui molte famiglie si sono ritrovate a convivere per tutto il giorno sotto lo stesso tetto. Da una parte i genitori connessi per lavoro, dall'altra i ragazzi impegnati con la didattica a distanza. Una situazione che ha permesso di fronteggiare i momenti più critici dell'epidemia di Covid-19 in Italia, ma che in molti casi ha fatto cadere qualsiasi limite tra gli impegni lavorativi e la vita privata. Se a ciò si aggiunge che quest'ultima è stata spesso limitata alle quattro mura domestiche, non sorprende che in una condizione di stress senza precedenti in molti abbiano ricercato una valvola di sfogo nelle molteplici opportunità offerte dagli smartphone (chattare, fare acquisti, leggere, ascoltare la radio). Nulla di cui sentirsi in colpa. Ma a fronte del protrarsi di questa situazione, gli esperti consigliano di usare la tecnologia anche per svolgere attività con i propri figli: incontrare (virtualmente) amici e parenti, fare attività fisica, condividere la visione di un film o di un documentario.

 

I CONSIGLI PER NON CADERE NELLA TRAPPOLA

Pur essendo ormai radicato in diversi ambiti, dal rapporto tra colleghi a quello tra marito e moglie, il «phubbing» è un fenomeno molto giovane. E, come tale, non ancora affrontato dagli specialisti. Qualche consiglio per evitare di cadere in trappola - o per uscirne - si può però condividere.

(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente

link: https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/articoli/pediatria/phubbing-lo-smartphone-interferisce-anche-tra-genitori-e-figli

 

 

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 95455

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 70

Dati aggiornati

al 11-05-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

Francesco De Filippo

Maria Frega

Filosofia per i prossimi umani

Come sarà la nostra vita tra vent'anni secondo

letterati, storici, antropologi e climatologi

 

Giunti Editore

 

Se vi chiedessero all'improvviso: pensate a un'immagine che possa rappresentare la nostra realtà occidentale contemporanea, cosa vi verrebbe in mente? Forse una risposta azzeccata potrebbe essere quella di una comunità nevrotica, instancabile, ebbra di miliardi di connessioni, relazioni, produzioni, che corre disperatamente, ma priva di meta e senza avere uno specifico obiettivo. Ciò che manca in questa immagine è un orientamento, una consapevolezza, un senso; in una parola, filosofia. È il paradosso che serpeggia nelle nostre società: scarseggia non la materia di Socrate e Kant, considerata oggi disciplina antica, lenta, apparentemente incompatibile con i social, la genetica, le neuroscienze, i viaggi spaziali; ma ciò che da essa scaturisce: la capacità di critica, di riflessione e comprensione delle dinamiche sociali e della relazione tra l'essere umano e il contesto in cui trascorre la propria esistenza. Siamo alla vigilia di una nuova rivoluzione tecnologica e la necessità di "avvolgere" tutti i cambiamenti in un reticolo di nuovo umanesimo, si fa ancora più urgente. Potremmo dire che abbiamo individuato il paradosso dopo aver terminato il precedente volume Prossimi umani, una fotografia del mondo come sarà dal punto di vista scientifico-tecnologico. Un'incoerenza che questo nuovo libro tenta di risolvere con un approccio umanistico, nella convinzione che non solo scienziati ma filosofi, sociologi, giornalisti e letterati siano chiamati a rispondere a domande sul ruolo degli esseri umani in un mondo di macchine e robot, all'organizzazione da dare a comunità composte da uomini frutto di modifiche genetiche o neuronali, alle cautele da adottare per difendersi da un pianeta controllato da quattro o cinque technocorporations.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI