«PHUBBING»: LO SMARTPHONE INTERFERISCE (ANCHE) TRA GENITORI E FIGLI (News di alcologia)

DA news.alcologia@gmail.com

me 02/12/2020 - 20:07

A menteinpace@libero.it

                     

VIVENDO SEMPRE CON LO SMARTPHONE TRA LE MANI, FINIAMO SPESSO PER NON ASCOLTARE CHI CI È ACCANTO. I CONSIGLI PER NON CADERE NELLA TRAPPOLA DEL «PHUBBING»

 

Una malattia? No, non è (ancora) il caso di definirla tale. Ma un fenomeno da tenere comunque sotto controllo, sì. Il «phubbing» identifica il comportamento che assumiamo ogni qualvolta, seppur in compagnia e in contatto con un’altra persona, preferiamo guardare lo schermo dello smartphone. Anche se non ci sta comunicando alcuna urgenza. Un atteggiamento osservato - e studiato - a partire dai rapporti tra colleghi e che sovente si rileva nel corso di quelle riunioni che sembrano non avere fine. Ma snobbare chi ci è accanto - «phubbing» è la crasi di due termini inglesi: «phone» (telefono) «phubbing» (snobbare) - in favore di un cellulare o di un tablet è un comportamento che inizia a osservarsi con frequenza anche all’interno delle famiglie. E non sembra essere privo di conseguenze, a partire dall’isolamento sociale in cui possono cadere figli piccoli e genitori (troppo) grandi.

 

LE CONSEGUENZE: RAGAZZI «DISCONNESSI» E ISOLATI

Prestare troppa attenzione al proprio smartphone in presenza dei figli peggiora le relazioni familiari e ha possibili ripercussioni sul benessere psicologico dei ragazzi. A queste conclusioni è giunto il lavoro condotto da un gruppo di ricercatori dell'Università di Milano-Bicocca, secondo cui a pagare il prezzo più alto rischiano di essere gli adolescenti. Sono stati oltre 3.200 di loro i protagonisti della ricerca, pubblicata sul Journal of Social and Personal Relationships. Attraverso un questionario, ai ragazzi è stato chiesto di dare una misura della frequenza del «phubbing» nelle loro famiglie e di descrivere le loro reazioni più frequenti a questi comportamenti. Così si è arrivati ad avere conferma dell'ipotesi iniziale. Quanto più i genitori tendono a isolarsi con i propri smartphone, tanto più i figli si sentono ignorati e tendono ad allontanarsi da loro. Un sentimento che gli esperti definiscono come una «disconnessione sociale», che nelle prime fasi può portare i ragazzi a isolarsi (fisicamente ed evitando di condividere qualsiasi esperienza) e un aumento dei litigi. Ma sul lungo periodo, con l'accentuarsi di questo divario, può contribuire all'insorgenza di sintomi depressivi e di pensieri legati al suicidio

 

«PHUBBING»: DI COSA SI TRATTA?

Il «phubbing» è un fenomeno che si caratterizza a tutti gli effetti come una forma di esclusione. «Chi lo subisce si sente invisibile, pur essendo fisicamente in compagnia di altre persone», spiega Luca Pancani, ricercatore in psicologia sociale all'Università di Milano-Bicocca. L'attenzione nei suoi confronti sta crescendo, di pari passo con l'ubiquità di smartphone e tablet. L'essere ovunque di questi dispositivi «fa sì che questo fenomeno possa concretizzarsi in qualsiasi momento: così cresce la possibilità di trovarsi di fronte alle conseguenze negative per chi lo subisce. Ciò assume una importanza ancora maggiore nella relazione tra genitori e figli, in cui lo stile dei primi e la responsività alle richieste dei figli rivestono un ruolo cruciale nello sviluppo: soprattutto nel corso dell'adolescenza».

 

LO SCENARIO AI TEMPI DI COVID-19

Rispetto al periodo in cui è stato condotto lo studio (2018), lo scenario potrebbe essere mutato: a maggior ragione dopo un anno in cui molte famiglie si sono ritrovate a convivere per tutto il giorno sotto lo stesso tetto. Da una parte i genitori connessi per lavoro, dall'altra i ragazzi impegnati con la didattica a distanza. Una situazione che ha permesso di fronteggiare i momenti più critici dell'epidemia di Covid-19 in Italia, ma che in molti casi ha fatto cadere qualsiasi limite tra gli impegni lavorativi e la vita privata. Se a ciò si aggiunge che quest'ultima è stata spesso limitata alle quattro mura domestiche, non sorprende che in una condizione di stress senza precedenti in molti abbiano ricercato una valvola di sfogo nelle molteplici opportunità offerte dagli smartphone (chattare, fare acquisti, leggere, ascoltare la radio). Nulla di cui sentirsi in colpa. Ma a fronte del protrarsi di questa situazione, gli esperti consigliano di usare la tecnologia anche per svolgere attività con i propri figli: incontrare (virtualmente) amici e parenti, fare attività fisica, condividere la visione di un film o di un documentario.

 

I CONSIGLI PER NON CADERE NELLA TRAPPOLA

Pur essendo ormai radicato in diversi ambiti, dal rapporto tra colleghi a quello tra marito e moglie, il «phubbing» è un fenomeno molto giovane. E, come tale, non ancora affrontato dagli specialisti. Qualche consiglio per evitare di cadere in trappola - o per uscirne - si può però condividere.

(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente

link: https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/articoli/pediatria/phubbing-lo-smartphone-interferisce-anche-tra-genitori-e-figli

 

 

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

Scrivi commento

Commenti: 0

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 132.072

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 58

Dati aggiornati

al 26-6-2022

---------------------------------

DATI SITO www.menteinpace.it
2014-2021
DATI SITO 2014-2021.pdf
Documento Adobe Acrobat 848.8 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA

Per comunicare emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  costituendo una redazione di una rivista crossmediale

 

a breve un canale youtube, una pagina facebook ed un sito web

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Benedetto Saraceno

LE LINGUE DELLA PAURA

Edizioni Alpha Beta Verlag

 

In un bosco nei dintorni di Ginevra, in circostanze casuali, si consuma il cruento omicidio del vicedirettore della HEGA, l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di economia sanitaria mondiale.

L’autore materiale è un alto funzionario della stessa agenzia, Andreas Krause, per il quale la vittima rappresenta l’unico ostacolo apparentemente insormontabile alle proprie ambizioni di carriera. Assediato dal timore di essere scoperto e dai sospetti che cominciano ad addensarsi su di lui, si ritrova lentamente risucchiato in un gorgo di paure e ossessioni, che degenera in un’autentica paranoia. Arriva addirittura ad assoldare un killer per sbarazzarsi di un collega che, secondo il suo lucido delirio, sarebbe pronto a denunciarlo. In breve tempo la sua vita privata e professionale va a rotoli, e ogni tentativo di fare marcia indietro e confessare il proprio delitto è vanificato da continue oscillazioni emotive e confusi progetti di fuga. Nel chiuso, ovattato quanto spregiudicato ambiente diplomatico internazionale affiorano intanto intrighi e personaggi di dubbia moralità, disposti a tutto pur di non perdere potere e privilegi. Tra rituali bizantini, scandali messi sotto silenzio e subdoli conflitti d’interesse, emerge un quadro a tinte fosche tratteggiato con inquietante precisione. Nella sua pur riluttante connivenza, di questo perverso mosaico Krause è un tassello fondamentale.

 

Le lingue della paura è un raffinato noir psicologico, una storia intrisa di cinismo, avidità e umana fragilità, con un finale sorprendente.

 

L’Autore

Psichiatra, dal 1999 al 2010 è stato direttore del Dipartimento di Salute Mentale e Abuso di Sostanze dell’Organizzazione mondiale della Salute a Ginevra. In precedenza ha lavorato all’Ospedale psichiatrico di Trieste sotto la direzione di Franco Basaglia e Franco Rotelli, ed è stato a capo del Laboratorio di Epidemiologia e Psichiatria sociale presso l’Istituto Mario Negri.

Membro onorario del Royal College of Psychiatry, attualmente è segretario generale del Lisbon Institute of Global Mental Health. Ha all’attivo oltre duecento articoli su riviste scientifiche internazionali.

Tra i suoi ultimi volumi pubblicati ricordiamo: Psicopolitica. Città, salute, migrazioni (DeriveApprodi, 2019); Sulla povertà della psichiatria (DeriveApprodi, 2017); Discorso globale, sofferenze locali. Analisi critica del Movimento di salute mentale globale (il Saggiatore, 2014).

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI