SAPERSI VULNERABILI PER ESSERE GENTILI (nicolettacinotti.net)

DA info@nicolettacinotti.net

 

 

 

A  menteinpace@libero.it  

 

 

In un villaggio, lontano nello spazio e nel tempo, viveva una donna che ogni giorno doveva trasportare due grandi secchi d’acqua, ciascuno agganciato alle due estremità di un palo che portava sulle spalle.

Uno dei due secchi era perfetto e sempre riusciva ad arrivare pieno di acqua alla fine del lungo percorso dal fiume a casa, mentre l’altro aveva delle fessure ed arrivava solo mezzo pieno.
Per due anni andò avanti così, con la donna che arrivava a casa con solo un secchio e mezzo di acqua. Certo, il secchio perfetto era orgoglioso di assolvere pienamente al compito per cui era stato creato.

Ma il povero secchio rotto si vergognava delle proprie imperfezioni sentendosi sbagliato ed un giorno al fiume parlò alla donna:”Perché non mi getti via? In questi ultimi due anni sono stato capace di portare solo la metà del mio carico, a causa delle fessure che causano una perdita d’acqua lungo tutta la strada. Per colpa delle mie perdite, tu devi fare tutto questo lavoro e non riesci ad avere il massimo risultato dai tuoi sforzi” disse il secchio.

La donna si dispiacque per il vecchio secchio rotto e con gentilezza disse:”Quando saremo sulla strada del ritorno voglio mostrarti qualcosa di speciale.

Mentre risalivano il fianco della collina, il vecchio secchio notò il sole riscaldare dei bellissimi fiori sul suo lato del sentiero. La donna disse al secchio: “Hai visto dove erano fiori? Solo sul tuo lato del sentiero, da molto tempo io sapevo delle tue fessure ed ho piantato dei semi che ogni giorno tu hai annaffiato mentre tornavamo dal fiume, Se tu non fossi stato proprio nel modo in cui sei, la bellezza dei fiori non avrebbe potuto alleviare la mia fatica.”

Ciascuno di noi ha le sue mancanze e le sue perdite, che ci ricordano costantemente la nostra vulnerabilità.

Siamo tutti secchi rotti. Gli errori, le paure, i fallimenti, sono però ferite che hanno il potenziale di renderci persone più sensibili. Di farci immaginare e rispettare la vulnerabilità degli altri.

Ciò che ci sembra un limite è in realtà una dote preziosa, che va preservata perchè riconoscere che siamo vulnerabili ci avvicina alle persone, nutre la nostra gentilezza.
Infatti non sappiamo mai quali battaglie l’altro stia combattendo, di sicuro ognuno di noi è seduto su un barile di polvere da sparo e , se ne fossimo consapevoli, di certo saremmo più gentili.

Ma spesso non riuscendo a contattare e ad accettare la nostra vulnerabilità ci comportiamo come se anche gli altri fossero invulnerabili e non ci prendiamo cura delle conseguenze di parole o gesti che possono ferire più di una spada.

Per fortuna altre volte il senso di umanità condivisa prevale e ci accorgiamo che ogni pensiero o atto gentile è contagioso e si moltiplica perciò è importante ricordare che “Non è facile esserci, c’è bisogno di esercizio per esserci con stabilità, chiarezza e compassione.E il mondo ne ha bisogno. Il mondo ha bisogno della nostra stabilità, della nostra libertà, della nostra chiarezza e della nostra compassione” (Thich Nhat Hanh, 2002, pag 123).

 

 

Dall’intervento di ©Paola Mamone a Gentilezza ovunque. Anche nel silenzio

 

Tratto da: https://nicolettacinotti.net/sapersi-vulnerabili-per-essere-gentili/?ct=t(EMAIL_CAMPAIGN_12_05_2020_COPY_01)&mc_cid=9e3def3c23&mc_eid=cdd39350d6

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

139.290

Dati aggiornati al 28-9-2022

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA,

Per comunicare 

emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  con l’obiettivo di costituire una redazione di una rivista crossmediale.

 

Il progetto è condotto da Silvia Bongiovanni dell’Associazione culturale Kosmoki. Rientra nel più ampio progetto Restart & Recovery che ha come capofila la Cooperativa sociale “Proposta 80”. Partecipa anche la Cooperativa sociale “Momo” e l’Associazione “MenteInPace”.

----------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 Silvia Ziche

La gabbia

Feltrinelli comics

 

Una storia personale e universale che unisce dramma e commedia, con una profonda e toccante analisi delle relazioni fra madre e figlia.

A soffrire si impara, e l'infelicità è un'arte che si apprende fin da piccole, grazie all'insegnamento di chi ci ha precedute. Antenate, nonne, zie, prozie si snodano in una processione che arriva da lontano, ognuna con il proprio fardello, fino a chi ci è più vicino: la madre. Una madre svalutante e glaciale nel caso di Serena, protagonista di questa storia. Costretta ad allontanarsene nel tentativo di salvarsi, Serena interrompe i rapporti con lei, recidendo i legami con il passato, gli amici, il paese dell'infanzia pieno di ricordi. Fino a quando la madre terribile muore, e la figlia dopo una lunga assenza ritorna. Per ingaggiare un dialogo interiore con il fantasma della figura più importante della sua vita e scoprirne infine un lato insospettabile. Senza perdere la comicità e l'acume tipici del suo raccontare, Silvia Ziche si misura con il suo primo libro non umoristico, condividendo una storia privata eppure capace di parlare a quella parte indifesa, nascosta in molti di noi, a cui è mancata una carezza. Un viaggio coraggioso alle radici di un'assenza, nel cuore di una domanda che brucia: perché, proprio negli affetti più cari, siamo capaci di dare il peggio di noi.

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------