INQUINAMENTO E QUALITÀ DELL’ARIA (Lara Barbara)

DA varieventuali@rossetorri.it

 

A  menteinpace@libero.it  

 

Tra responsabilità individuali e collettive, la schizofrenia di un sistema incapace di uscire dai propri impasse

È ormai da quasi un anno che il paese è paralizzato dalla crisi pandemica; di conseguenza, è quasi un anno che non si parla d’altro. Giornali, riviste, libri scritti e pubblicati in tempi record, approfondimenti, programmi TV, interviste, seminari e conferenze online: tutto esclusivamente (o quasi) a tema “covid”. Se, da una parte, ci troviamo effettivamente di fronte a quella che con ogni probabilità si configurerà come una delle più grandi crisi globali sperimentate dalle generazioni attualmente viventi, è anche vero che, purtroppo, non è questa l’unica di cui dovremmo preoccuparci. Nel corso di questi mesi si sono susseguiti molti avvenimenti che avrebbero richiesto la nostra attenzione e che, invece, sono a malapena riusciti a guadagnarsi un posto nella pagina di un quotidiano o nella scaletta di un telegiornale. In particolare, sembra che quest’anno ci siamo dimenticati di vivere in città pesantemente inquinate.

Mi spiego: sembra che quest’anno sia saltata quella che deciderò di chiamare la “paranoia autunnale da inquinamento” (d’ora in poi PAI): la PAI arriva tutti gli anni, all’incirca verso ottobre, quando inizia a fare più freddo e smette di piovere. La drastica riduzione delle precipitazioni e la ri-stabilizzazione, dopo le ferie, dell’attività umana ritualizzata (la routine quotidiana dei lavoratori-consumatori, ma anche il ritorno a pieno regime della produzione) porta, ogni anno, all’aumento dell’inquinamento, riscontrabile in preoccupanti concentrazioni nell’aria di particelle e polveri sottili dannose per la salute (non solo) umana. L’aria in città si fa pressoché irrespirabile, una coltre grigia e opaca filtra ogni cosa, specialmente a Torino, una delle città più inquinate in Europa; quindi, ci spaventiamo, entrando in PAI per qualche settimana: i quotidiani ne parlano, le giunte comunali bloccano il traffico, Chiara Appendino ci dice di “stare a casa” (con le finestre chiuse), si fa qualche riflessione collettiva sul nostro povero pianeta inquinato, e poi silenzio fino all’anno successivo, quando la PAI colpirà ancora. Ecco, quest’anno la PAI non è arrivata o, almeno, non con la consueta forza: la crisi pandemica ha monopolizzato le nostre energie mentali. Non che cambi molto: con la facilità con cui si è sempre liquidata la questione, spingendola nel dimenticatoio, peraltro già ben fornito, delle cose gravi ma di complessa soluzione, aver evitato l’ennesimo allarmismo destinato a scomparire nel giro di poche settimane (con le prime piogge e una maggiore respirabilità si ritorna tutti, tendenzialmente, abbastanza sereni) è forse un bene. Il problema non sta tanto nel fatto che la sensibilizzazione sul tema “inquinamento” quest’anno risulti un po’ fiacca, quanto nella sistematica mancanza di soluzioni efficaci, nonostante il problema dell’inquinamento ci perseguiti da decenni.

(…)

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tratto da: http://www.rossetorri.it/inquinamento-e-qualita-dellaria/

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.978

Dati aggiornati al 6-2-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa MomoMenteInPaceDiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Diego Anghilante

Abeio Abeio

Neo-ruralismo e follia

 

Editore Araba Fenice

 

Louren, un occitano di ritorno, carico di illusioni, incapace di vivere l’oggi, che prepara ieri il domani, cadendo nella trappola di un’equazione da principiante “Occitania = ruralità a tutti i costi” con tutto il suo corollario di equivoci e forzature, carico di sfiga, che è riuscito a nascere e a vivere nel posto e nel tempo sbagliati. (...)

Lui, che si confronta con i reires, guarda tra lo stranimento e l’ammirazione gli ultimi eredi cialtroni di una formidabile tradizione magliara, viene calpestato dalle pantofole stantie dei condannati all’ergastolo villeggiante. Louren, che scambia insulti pirotecnici con l’ultimo portatore di “berretto a sonagli”, che viene risucchiato lentamente non dai vortici di un torrente in piena, ma dal gorgo di un lavandino domestico, con l’acqua sporca dei piatti accumulati, verso un orizzonte nei tubi, scuro e difficile.

 

Dalla Prefazione di Sergio Berardo

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------