MIGRANTI E DISTURBI MENTALI (Psicoradio)

Andare via dal proprio Paese, cercare una vita migliore, finire con un disturbo mentale

 

In Europa si sta discutendo del nuovo Patto per la Migrazione e l’Asilo; molte associazioni italiane sono impegnate nel seguire i lavori, da diversi punti di vista. Noi segnaliamo un tema che ci sta molto a cuore: la denuncia di alcune associazioni del fatto che le attuali condizioni di accoglienza contribuiscono allo sviluppo di disturbi mentali nei nei migranti.

 

Da gennaio 2015, circa 1.900.000 rifugiati e migranti sono arrivati in Europa attraversando il Mar Mediterraneo.

La maggior parte di loro è sopravvissuta a torture, gravi violenze e altri eventi traumatici nei paesi di origine o lungo le rotte migratorie. Queste persone sono dunque particolarmente esposta al rischio di sviluppare disturbi da stress post-traumatico e altre forme di disagio psichico correlate alle drammatiche esperienze vissute.


Uno studio pubblicato lo scorso settembre da Medici per i Diritti Umani ha evidenziato che fattori di stress nell’ambiente post-migratorio - le inadeguate condizioni di accoglienza nei grandi centri che contengono migliaia di persone - producono effetti dannosi molto rilevanti sulla salute mentale di molti richiedenti asilo e dei rifugiati.


Sulla base di un campione di 122 rifugiati e richiedenti asilo africani da poco sbarcati in Italia e in cerca di assistenza psicologica, lo studio ha rilevato che vivere in un grande centro di accoglienza (come il centro di accoglienza per richiedenti asilo situato a Mineo, in Sicilia, che in quel momento ospitava oltre 1.000 persone), piuttosto che in centri di piccole e medie dimensioni (meno di 1.000 persone), ha contribuito alla comparsa di un quadro clinico di stress post traumatico di particolare gravità. Al momento dello studio, la struttura di Mineo era il più grande centro di accoglienza per richiedenti asilo in Italia e presentava un numero di fattori di stress ben maggiore rispetto ai centri di piccole e medie dimensioni. Tra i fattori, il forte sovraffollamento (il centro di Mineo, con una capienza complessiva di 2.000 posti, è arrivato ad accogliere oltre 4.000 persone); l’isolamento geografico e sociale; una permanenza molto lunga, in attesa dell’ottenimento del permesso di soggiorno (18 mesi in media); le difficoltà di accesso al Sistema Sanitario Nazionale e al supporto psicosociale e /o legale; gli episodi di degrado sociale, di violenza e di illegalità.

 

Condividiamo e vi invitiamo a leggere l'appello 

del Tavolo Asilo Nazionale, composto da A Buon Diritto, ACLI, ActionAid, Amnesty International Italia, ASGI, ARCI, Caritas Italiana, Centro Astalli, CNCA, Comunità Papa Giovanni XXIII, Emergency, Europasilo, Focus – Casa dei Diritti Sociali, Fondazione Migrantes, Intersos, Legambiente, Medecins du Monde Missione Italia, MSF, Oxfam Italia, Refugees Welcome Italia, Save the Children, Senza Confine, SIMM.

 

RISENTI TUTTE LE PUNTATE SUL NOSTRO SITO

http://www.psicoradio.it 

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 87969

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 77

Dati aggiornati

al 15-1-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 Michela Gecele

Siamo tutti narcisi?

Alla ricerca della relazione perduta

Tangram Edizioni Scientifiche

 

Questo testo si dipana in un percorso ritmato e ironico, che chiama direttamente in causa il lettore e soprattutto le lettrici. L'idea di base è quella di dare delle chiavi di lettura e delle linee guida per le relazioni con il partner narciso, personaggio diffuso e quasi inevitabile nella nostra società. La varietà di tipologie dei "narcisi" si estende fino ad arrivare a comprendere (quasi) tutti noi. Fra serietà saggistica e gioco, incontreremo vampiri, dongiovanni, streghe, personaggi del mito e della cinematografia. Fino a descrivere una rivoluzione possibile. Delle relazioni, del sentire, dei rapporti fra i sessi, della realtà. La visione che viene presentata ai lettori - chiunque sia interessato al tema, senza escludere gli addetti ai lavori - è ironica ma, soprattutto, positiva e propositiva.

 

PER ANDARE ALLA PAGINA DEL LIBRO

CLICCA QUI

 

-------------------------------------

 

Cuneotrekking

 

Cuneotrekking è il principale portale dedicato alle escursioni nelle Alpi cuneesi. Nato nel 2007 dalla passione per la montagna di Elio e Valerio Dutto, padre e figlio, nel corso degli anni ha visto il team crescere e si è affermato come punto di riferimento per l’escursionismo, superando le 500 escursioni descritte e i 2 milioni di visitatori nei soli primi sei mesi del 2020.

 

Per visitare il sito

 

CLICCA QUI

----------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI