COLORE E MUSICA NELL’ARTE DI RAOUL DUFY (Francesca Graziano)

Raoul Dufy, Le vieux port de Marseille

 

Pittore che racconta, Raoul Dufy (Havre 1877 – Forcalquier 1953) elude il soggetto per una sorta di indeterminatezza quando il segno si posa sul colore con svagata semplicità, pura gioia di dipingere. Nell’estetica di Dufy, pittore, ceramista, decoratore, la forma viene prima del contenuto e questo forse lo relegò al ruolo di “charmant petit maitre” in un periodo in cui l’impegno dichiarato era imperativo.

 

DA noreply1@artslife.it

ve 25/12/20 15:04

A paco@multiwire.net

 

di Francesca Graziano

 

La pittura per la pittura, un limite se si pensa all’arte coeva di Picasso, al suo impegno riassunto nella celebre frase “La pittura non è fatta per decorare gli appartamenti“. A scavare però oltre l’apparente semplicità della forma, che ha fatto spesso attribuire a Dufy la patente di superficialità, disinvoltura, mondanità, si scopre un’elaborazione minuziosa, un’attenzione ed una sensibi­lità che fanno riflettere. Amava, soprattutto, la musica, in particolare Mozart, Bach, Chopin, Debussy. Un post-romantico, nato e cre­sciuto all’ombra dell’intuizione baudeleriana del suono che suggerisce il colore e il colore una melodia. Rimbaud aveva intuito il colore delle vocali (chi non ricorda l’A nera, E bianca, I rossa, U verde, O blu, del “vagabondo dalle suola di vento”?), Verlaine aveva teorizzato la parola come musica.

L’inizio secolo, periodo di formazione del pittore di Havre, porta il segno di un rinnovamento profondo, di una ricerca gravida di risultati avvenire. Il segno di un’arte icastica, che si affida soprattutto alle immagini, all’inven­zione di un verbo poetico accessibile a tutti i sensi: che cos’era, se non questo, ciò che i “maudits” avevano cercato nella parola e nel verso?  Il Fondo Dufy è raccolto soprattutto al Musée des Beaux Arts Chéret sulla collina delle Baumettes di Nizza, grazie alle generose donazioni della moglie dell’artista, Emilienne Brisson, una nizzarda che aveva sposato nel 1911. La collezione comprende  un  numero  cospicuo di  opere fra olii, acquerelli, guazzi, disegni, progetti di tessuto per Paul Poiret, molte stampe, ceramiche, tappezzerie.

 

Il percor­so, antologico, documenta l’intero iter creativo dell’artista, dalle prime esperienze impressioniste, anni in cui si ispira a Monet, Pissarro, Boudin, Manet, all’ammirazione per Matisse e l’adesione al Fauvismo.  Fu un viaggio all’Estaque in compagnia di Georges Braques e lo choc visuale del “Midi” a confermarlo nella sua vocazione coloristica; il colore diviene sempre più tramite di stati d’animo e di emozioni. Scrive: “Nella pittura l’elemento essenziale è il colore. Il colore è un fenomeno della luce. Per i colori la natura si serve della luce. Per captare la luce il pittore si serve dei colori”. Come Matisse, Derain, Renoir, giunge sulla costa mediterranea per vivere una sua personale esperien­za del colore.

Sono gli anni 1903-40: Dufy soggiorna a Marsiglia, si avvicina, rielaborandola e ripensandola, alla ricerca di Cezanne; la violenza cromatica del paesaggio di Provenza gli fa scoprire sempre di più il ruolo fonda­mentale del colore puro. Finirà con lo stabilirsi definitiva­mente nel Sud della Francia: Vence, Antibes, Nice sono i luoghi e i paesaggi, che assieme alle sale da concerto e le corse di cavalli (fu un assiduo frequentatore dell’ippodromo di Cagnes -sur-mer), l’artista predilige e dipinge con autentico trasporto poetico. L’atelier de l’artiste à Vence (1945), Le Casinò de la Yetée Promenade à Nice (1950), Le porte de Marseille (’50-52) sono le opere che meglio documentano le sue emozioni attraverso eleganti variazioni cromatiche di una semplicità solo apparente.

 

Un “corpus” consistente di opere di questo artista solare, grande cantore di Nizza e della Costa Azzurra, si riferisce al suo rapporto con la musica. Ecco allora i colori caldi stempe­rati nel giallo ocra de Le grand concert, (la sala è quella degli Champs Elisées, l’Orchestra la Societé des concerts del Conservatorio), le nuances acquatiche dell’Omaggio a Debussy, le magie monocromatiche dei Mozart-Concerts. Già nel 1902 inizia la serie con L’orchestre du Theatre du Havre, un filone che ritroveremo spesso verso la fine della sua vita, quando, torturato dall’artrosi, chiede sollievo alla musica per gli atroci dolori della malattia.

La musica di Mozart, soprattutto, esercitava un fascino irresistibile sui suoi nervi, certi concerti per vio­loncello lo esaltavano con i loro accenti sublimi. Dare corpo alla melodia, coglierne le sfumature, esprimere i sentimenti palesi e segreti, la girandola dei fuochi d’arti­ficio: la pittura di Raoul Dufy fu spesso un tentativo, riuscito, di trascrivere metaforicamente la melodia ed il ritmo, si pensi a Les musiciens mexicains del ’51, in cui i blu, la violenza dei rossi sembrano sposare i ritmi indiavolati dell’orchestra. Ottimo disegnatore, colorista di grande fattura, non va dimenticata, fra le diverse facce della sua poliedrica attività, quella di creatore di xilografie su stoffa, improntate alla grazia miniaturistica dell’arte orientale.

 

Tratto da: https://artslife.com/2020/12/24/colore-e-musica-nellarte-di-raoul-dufy/

 


Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 115.030

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 106

Dati aggiornati

al 28-11-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

PIGOZZI LAURA

TROPPA FAMIGLIA FA MALE

COME LA DIPENDENZA MATERNA CREA ADULTI BAMBINI (E PESSIMI CITTADINI)

Rizzoli

La famiglia, all'origine della civiltà, oggi ne sta decretando la fine. È una crisi che investe l'intera società perché ciò che accade all'interno della famiglia ha rilevanza sul sociale e sul futuro dell'uomo. I genitori hanno rinunciato al ruolo di guida proteggendo all'infinito i figli: è il plusmaterno che nasce dal fallimento della cura e sospende il momento della responsabilità. La generazione che ha contestato sta crescendo figli e nipoti docili, pronti all'assoggettamento. Cosa è successo? I giovani che non dissentono permettono al fantasma mai sconfitto dell'antica tendenza dell'essere umano alla sottomissione di giocare la partita della vita al posto loro, rovesciandola in morte. Laura Pigozzi, psicoanalista, esplora in questo saggio come lo scacco della famiglia sia la radice di una tragedia sociale più vasta e ferocemente distruttiva. Attraverso il concetto di disobbedienza civile elaborato da Hannah Arendt, prende forma in queste pagine una inedita rilettura delle origini del totalitarismo che per la prima volta riesce a spiegare le conseguenze politiche della pulsione di morte freudiana e ci permette di riscoprire alcuni casi emblematici di rapporti genitoriali fallimentari, come quello di Hitler con sua madre. «L'adattamento di un giovane» ci ricorda l'autrice «ha sempre qualcosa di immorale» perché sia un soggetto che una comunità si fondano sulla divergenza. È nelle famiglie che i ragazzi dovrebbero allenarsi a trovare lo slancio verso l'esterno, diventando adulti. Fallire questa trasformazione significa condannarli a un'eterna infanzia, che apre le porte non solo ai dittatori bambini ma anche a quelli veri.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI