L’ANNO DEI "FURBETTI" E DEI "POVERI MERITEVOLI" (Giovanni Augello)

Mai come in quest’anno, nella percezione della povertà, si è allargato il divario tra poveri, imbroglioni o sdraiati sul divano. A farne le spese, però, è anche la reputazione delle misure strutturali. E mentre si pensa agli adulti, i minorenni in povertà diventano gli “invisibili” della pandemia

 

DA nl@redattoresociale.it

 

A  menteinpace@libero.it  

 

Gli ultimi dati sulla povertà, pubblicati dall’Istat lo scorso 16 giugno, affermano che l’incidenza della povertà assoluta tra le famiglie italiane è in calo in modo significativo. Un dato che sembra in contraddizione rispetto a questo drammatico 2020, se non fosse che - come è sempre stato - i dati del report dell’Istituto nazionale di statistica si riferiscono al 2019, quando ancora nessuno avrebbe mai immaginato che in pochi mesi avremmo vissuto una pandemia da coronavirus. Forse è per questo che quei dati hanno “suscitato scarso interesse”, come scrivono Massimo Baldini e Cristiano Gori in un articolo pubblicato su lavoce.info: quest’anno, infatti, di povertà se n’è parlato molto, ma il Covid-19 ha cambiato radicalmente lo “scenario”, come sottolineano Baldini e Gori. Tuttavia, il linguaggio utilizzato nel raccontare il tema è stato caratterizzato da diverse sfumature e anche la percezione del fenomeno ha risentito dell’emergenza e i luoghi comuni rischiano di distorcere una realtà provata da mesi di chiusure e restrizioni. Con la sociologa Chiara Saraceno abbiamo ripercorso alcuni momenti significativi di questo 2020 in merito al tema della povertà e abbiamo buttato anche uno sguardo al 2021.

Partiamo dai numeri

Secondo l’Istat, nel 2019 erano quasi 1,7 milioni le famiglie in povertà assoluta (con unincidenza pari al 6,4%), per un totale di quasi 4,6 milioni di individui (7,7%), in “significativo calo rispetto al 2018” quando lincidenza era pari, rispettivamente, al 7,0% e all8,4%. “La diminuzione della povertà assoluta si deve in gran parte al miglioramento, nel 2019, dei livelli di spesa delle famiglie meno abbienti - spiega una nota dell’Istat -. Landamento positivo si è verificato in concomitanza dellintroduzione del Reddito di cittadinanza e ha interessato, nella seconda parte del 2019, oltre un milione di famiglie in difficoltà”. Il Covid-19 e le conseguenze dovute alle misure di contenimento del contagio, tuttavia, preannunciano dati sul 2020 molto diversi rispetto al 2019. Qualche segnale arriva dalle misure di contrasto alla povertà. Non più soltanto il Reddito di cittadinanza. Con il Decreto rilancio (dl 34/2020 art.82), il Decreto agosto (dl 104/2020 art.23) e poi ancora con il Decreto ristori (dl 137/2020), infatti, è stato creato (e successivamente esteso per altri mesi) un Reddito “d’emergenza”. Così, oltre ai 2,7 milioni di cittadini che tra aprile 2019 e novembre 2020 hanno percepito il Reddito di cittadinanza, nel 2020 si sono aggiunge oltre 700 mila persone che hanno percepito il Reddito d’emergenza tra maggio e agosto, mentre 580 mila sono quelle che lo hanno ottenuto nei mesi di settembre e novembre. Un dato ancora lontano dai famosi 2 milioni di beneficiari, obiettivo auspicato dal ministro Catalfo durante il lancio del Rem, sebbene il Rem sia stato pensato sin dall’inizio come una misura urgente, rapida nel raggiungere i cittadini in difficoltà e temporanea.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO INTERO

 

 

Tratto da: https://www.redattoresociale.it/article/notiziario/poverta_l_anno_dei_furbetti_e_dei_poveri_meritevoli_saraceno_serve_un_pensiero_strategico_

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 94254

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 67

Dati aggiornati

al 22-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 Matteo Spicuglia

Noi due siamo uno

Storia di Andrea Soldi, morto per un Tso

add editore

 

Il 5 agosto 2015 la città è caldissima, qualcuno è già in vacanza, altri cercano un po’ d’aria nei giardini del quartiere.

Anche Andrea Soldi è seduto su una panchina, ma quella è la “sua” panchina sempre, in ogni stagione. Lì si rifugia quando i pensieri lo assalgono, lì trova conforto e si sente a casa. Andrea soffre da anni di schizofrenia, la madre, il padre e la sorella sono il suo sostegno e piazza Umbria il posto del cuore.

Ha quarantacinque anni, non è violento, non è mai stato pericoloso, eppure, quel 5 agosto morirà a causa di un Trattamento sanitario obbligatorio eseguito da alcuni vigili urbani e dal personale medico. Il processo è arrivato ora alla fase d’appello, ma questa forse è la cosa meno importante della storia.

Dopo la morte, la famiglia Soldi ha trovato alcune pagine che erano il diario di Andrea in cui la trascrizione lucidissima della sofferenza illumina il percorso psicologico e i silenzi che per anni lo avevano avvolto.

Matteo Spicuglia è un giornalista che ha seguito il caso e che non ha voluto fermarsi alla cronaca: a partire da quel diario allarga lo sguardo dalla panchina su cui è morto Andrea alla realtà dei TSO, dalla sua esistenza difficile al mondo della malattia psichica, dalla famiglia torinese alle tante altre che si trovano a convivere con pregiudizi e inadeguatezza dei servizi medici e sociali nella gestione di patologie che soffrono ancora lo stigma sociale.

Nel diario Andrea aveva scritto di sperare che la sua fatica e il suo dolore non passassero invano; questo libro è il motivo per cui ciò non avverrà.

 

Per visualizzare il sito della casa editrice e la pagina dedicata al libro

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI