BEA: «CUSTODIRÒ IO LE SUE CAPRE, AGITU ERA UNA DI NOI» (Giusi Fasano)

Animali e malghe. Beatrice dice che nella vita questo vorrebbe fare: vivere in montagna con il suo gregge. Non ha nemmeno vent’anni e da più di due insegue un sogno che sa di sveglie all’alba, di balle di fieno, di capre, agnelli, mucche... Ora è lei l’umana di riferimento per le 82 caprette allevate fino a pochi giorni fa da Agitu Ideo Gudeta, l’imprenditrice uccisa a casa sua a Frassilongo, nella Valle dei Mocheni, tra i monti del Trentino. Agitu avrebbe compiuto 43 anni il primo gennaio. Era fuggita dalla sua Addis Abeba, in Etiopia, ed era riuscita — da rifugiata e a 8.000 chilometri dalla sua terra — a ricostruire la sua vita daccapo con «La capra felice», azienda biologica che produce formaggi e creme cosmetiche. Ha finito di vivere il 29 dicembre — uccisa a martellate — per mano di un uomo che aveva aiutato e al quale aveva offerto un lavoro.

 

Così adesso è Beatrice Zott, classe 2001, a prendersi cura delle capre di razza pezzata mochena che Agitu voleva salvare dall’estinzione e dalle aggressioni dell’orso. Beatrice — per tutti Bea — racconta che uno dei giorni scorsi ha ricevuto una telefonata. «Mi hanno chiesto: ti andrebbe di prenderti cura delle capre finché non si decide il da farsi? Figurarsi... questo è proprio quello che voglio fare. Ho detto subito: sì, certo che mi va!». Agitu era un’amica di sua madre Antonella e Beatrice l’ha conosciuta appena è arrivata in valle. «Mi piacerebbe molto restare a lavorare qui nella sua azienda», osa sognare, «ma questo si vedrà, decideranno i familiari». Per ora controlla che le capre abbiano cibo e acqua e che la stalla nella quale svernano (nel Comune di Fierozzo) sia pulita. Ogni giorno Bea sale per due volte fin lì facendosi strada fra cumuli di neve, prepara le balle di fieno, controlla che tutte le caprette siano «felici» come vuole il nome dell’azienda fondata da Agitu, e poi torna giù a valle, nella sua casa di Pergine Valsugana. «In questo periodo non danno molto da fare», spiega.

 

Giusi Fasano

 

Tratto da:

https://www.msn.com/it-it/notizie/italia/agitu-beatrice-zott-%C2%ABcustodir%C3%B2-io-le-sue-capre-glielo-devo-lei-era-una-di-noi%C2%BB/ar-BB1cvchO

 

 

Vedi anche il sito dell’azienda agricola LA CAPRA FELICE: http://www.lacaprafelice.com/

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 95455

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 70

Dati aggiornati

al 11-05-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

Francesco De Filippo

Maria Frega

Filosofia per i prossimi umani

Come sarà la nostra vita tra vent'anni secondo

letterati, storici, antropologi e climatologi

 

Giunti Editore

 

Se vi chiedessero all'improvviso: pensate a un'immagine che possa rappresentare la nostra realtà occidentale contemporanea, cosa vi verrebbe in mente? Forse una risposta azzeccata potrebbe essere quella di una comunità nevrotica, instancabile, ebbra di miliardi di connessioni, relazioni, produzioni, che corre disperatamente, ma priva di meta e senza avere uno specifico obiettivo. Ciò che manca in questa immagine è un orientamento, una consapevolezza, un senso; in una parola, filosofia. È il paradosso che serpeggia nelle nostre società: scarseggia non la materia di Socrate e Kant, considerata oggi disciplina antica, lenta, apparentemente incompatibile con i social, la genetica, le neuroscienze, i viaggi spaziali; ma ciò che da essa scaturisce: la capacità di critica, di riflessione e comprensione delle dinamiche sociali e della relazione tra l'essere umano e il contesto in cui trascorre la propria esistenza. Siamo alla vigilia di una nuova rivoluzione tecnologica e la necessità di "avvolgere" tutti i cambiamenti in un reticolo di nuovo umanesimo, si fa ancora più urgente. Potremmo dire che abbiamo individuato il paradosso dopo aver terminato il precedente volume Prossimi umani, una fotografia del mondo come sarà dal punto di vista scientifico-tecnologico. Un'incoerenza che questo nuovo libro tenta di risolvere con un approccio umanistico, nella convinzione che non solo scienziati ma filosofi, sociologi, giornalisti e letterati siano chiamati a rispondere a domande sul ruolo degli esseri umani in un mondo di macchine e robot, all'organizzazione da dare a comunità composte da uomini frutto di modifiche genetiche o neuronali, alle cautele da adottare per difendersi da un pianeta controllato da quattro o cinque technocorporations.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI