LA PROMOZIONE DELLA LETTURA E LA "GENERAZIONE DISTRATTA" (www.socialbook.site)

Come riconquistare la lentezza per la generazione distratta.

 

Accorgimenti e strumenti per riavvicinare i bambini al tempo lento del testo scritto.

 

 

 

 

 

 

 

Viviamo in un mondo dal ritmo accelerato, nel quale anche i bambini sono esposti a innumerevoli stimoli, inondati da informazioni, equipaggiati di un gran numero di dispositivi per consumare contenuti, intrattenimento e conoscenza.

Queste sono le premesse dell’infografica realizzata da “Chronicle books”, per fornire supporto a genitori, educatori e insegnanti alle prese con la “generazione distratta” e per rispondere alla seguente domanda: “in un mondo pieno di distrazioni, come aiutare i bambini a sviluppare la concentrazione necessaria per la pratica della lettura?”.

 

La lettura in declino

 

Per prima cosa bisogna prendere atto di un dato sconfortante ma reale: la lettura è in declino.
Se, come ci racconta l’infografica, il 48% degli americani legge letteratura per piacere, in Italia la situazione non è migliore (…). In aumento, anche in Italia, i “lettori deboli”, ossia di coloro che dichiarano di aver letto al massimo tre libri all’anno.

Ma c’è un lato positivo: “questa tendenza, sostiene Chronicles Books, non solo può essere fermata, può anche essere invertita”.

 

Creare la passione per la lettura e il testo scritto

 

La chiave di volta nella promozione della lettura è presentare quest'attività ai bambini fin dai primi approcci come una fonte di divertimento, mai di noia.

Le statistiche statunitensi tanto quanto quelle italiane dimostrano infatti l’incidenza della pratica della lettura sin dalla più tenera età sull’abitudine a leggere fino all’età adulta.

Secondo i dati riportati dall’infografica leggere storie ai bambini non incentiva soltanto lo sviluppo dell’immaginazione ma migliora anche l’apprendimento (dell’alfabeto e non solo), mentre la presenza di molti libri in casa sembra essere direttamente proporzionale ai punteggi raggiunti nei test sottoposti al campione interessato. Di cruciale importanza per cementare il piacere e l’abitudine alla lettura sono anche l’osservazione dei genitori intenti a leggere e l’immedesimazione nelle storie lette e ascoltate.
Anche secondo i dati Istat, l’abitudine alla lettura si acquisisce in famiglia: “tra i ragazzi di 11-14 anni legge l’80% di chi ha madre e padre lettori e solo il 39,8% di coloro che hanno entrambi i genitori non lettori”.


Costruire un ambiente “book-friendly”


Il primo passo per incentivare l’incontro con il libro è creare un ambiente che incoraggi la lettura. Il secondo è dotare i bambini di strumenti utili a far crescere l’amore per la lettura.

Per il popolo dei nativi digitali la strada migliore verso l’abitudine alla lettura sembra passare per i dispositivi elettronici e digitali.


Secondo i dati presenti sull’infografica, il 24% dei lettori americani dai 16 anni in su possiede un e-reader, percentuale che arriva al 48% se si contano anche i tablet e i dati Istat mostrano che “la lettura e il download di libri online e e-book sono attività diffuse soprattutto tra i giovani; in particolare, si dichiarano fruitori di questo tipo di prodotti e servizi più di un ragazzo su 5 tra 15 e 24 anni”.

Il passaggio alla lettura su schermo appare quindi come trend in continua crescita e il digitale potrebbe rivelarsi il campo d’elezione su cui giocare la partita della promozione della lettura per bambini e giovani, anche sfruttando le potenzialità delle app interattive e della gamification1 per rendere la pratica della lettura più attraente anche per la generazione distratta.

 

1 - La gamification (traducibile in italiano come "ludicizzazione") è l'utilizzo di elementi mutuati dai giochi e delle tecniche di game design in contesti non ludici.[1]

 

 

 

Tratto da: https://www.socialbook.site/news--la-promozione-della-lettura-e-la-generazione-distratta-43.html

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 90913

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 65

Dati aggiornati

al 28-2-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

#PIJANSACHET

Domenica 7 marzo 2021,

ore 10 (salvo annullamenti per maltempo).

Due punti di ritrovo: al Rondò Garibaldi o al Bar Dotta (Piazza della Libertà vicino alla Stazione ferroviaria) a Cuneo. Munirsi di guanti e sacchetti della spazzatura.

-------------------------------------

 Mario Nicola Rosso

La primavera di San Martino

   

Araba Fenice Editore

 

Il romanzo è ambientato a Cuneo, fra il 1854 e il 1859, dove vivono i giovani protagonisti prima di essere chiamati a combattere nella battaglia di San Martino: una battaglia sanguinosissima, nella quale ebbe un ruolo determinante la Brigata Cuneo, formata oltre che da cuneesi, da emigrati di ogni parte d'Italia, e a cui parteciparono, ignorate dalle cronache ufficiali, molte donne nei ruoli di infermiere e di vivandiere.

Gli anni che precedettero la Seconda Guerra di Indipendenza, anni che cambiarono il volto del Regno Sardo e della città di Cuneo, sono visti attraverso gli occhi dei protagonisti. Fu un'epoca di grandi trasformazioni, un'autentica primavera, che aprì il nostro Paese al progresso economico e allo sviluppo sociale: dal treno e dall'illuminazione a gas, alla costituzione delle prime casse di risparmio.
Il romanzo, che si conclude con la battaglia di San Martino, vuole anche essere un rispettoso omaggio alla povera gente, dimenticata dalla retorica ufficiale e quasi sempre inconsapevole degli ideali ispiratori dell'unificazione italiana, cui diede un fondamentale contributo di sangue.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI