UN VIAGGIO A CAPO NORD PUÒ CAMBIARE IL MONDO (Psicoradio)

Nonostante le restrizioni di questo periodo, che spesso non ci permettono di spostarci nemmeno da un comune all’altro, vogliamo viaggiare, e lo facciamo attraverso un libro.

 

DA psicoradio@gmail.com

 

A  menteinpace@libero.it  

 

Qualche tempo fa abbiamo intervistato Valeria Alpi, giornalista disabile di Bandiera Gialla, che presenta il suo libro “A Capo nord bisogna andare due volte”. 

Racconta Valeria: “E’ il limite che ci rende tutti uguali (…) Spesso non si pensa che tutte le persone hanno limiti, non solo i disabili, e in viaggio queste difficoltà emergono tantissimo (…) In macchina, ad esempio, posso guidare anche 10/15 ore al giorno. Magari una persona senza disabilità non riesce a guidare per tanto tempo. In questo caso, io non ho un limite e l’altra persona si”. 

Ricorda poi quanto sia stato importante avere avuto una persona in famiglia che ha sempre creduto in lei e le ha insegnato ad arrangiarsi da sola. Nel suo caso è stato il nonno, che la spronava, ad esempio, a salire le scale trovando una sua strategia, anche usando le mani quando non riusciva a utilizzare le gambe. 

Ed è stato altrettanto importante allentare la stretta di sua madre, che riteneva di essere l’unica persona che poteva aiutarla, perché nessuno poteva conoscerla a fondo come lei. Per Valeria, questo atteggiamento può portarti a non avere fiducia nelle altre persone: “Gli altri imparano a conoscerti e aiutarti, ma tu devi saper spiegare in che modo possono esserti utili. Nei miei viaggi incontro sempre persone che possono darmi una mano e hanno voglia di farlo. Non bisogna sempre pensare di essere un peso per gli altri”.

La preparazione al viaggio è durata 8 mesi di studio, guardando tantissimi video su youtube, leggendo racconti di altri viaggiatori, e cercando di immaginare le tappe migliori per le sue esigenze. Valeria ci ha descritto incontri, i paesaggi e il serio incidente che ha avuto proprio a Capo nord, che l’ha portata a conoscere uno strano medico, totalmente inespressivo e anaffettivo, ma che l’ha curata facendole vivere con leggerezza una situazione che la preoccupava molto. 

Dopo l’incidente, Valeria ha organizzato un secondo viaggio a Capo Nord, e proprio alla fine, quando si è ritrovata nel luogo in cui aveva avuto l’incidente, si è resa conto di come chiunque, agendo, possa cambiare, nel proprio piccolo, il mondo: il gradino sul quale era inciampata non esisteva più, al suo posto una rampa accessibile. 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 91051

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 63

Dati aggiornati

al 03-03-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

#PIJANSACHET

Domenica 7 marzo 2021,

ore 10 (salvo annullamenti per maltempo).

Due punti di ritrovo: al Rondò Garibaldi o al Bar Dotta (Piazza della Libertà vicino alla Stazione ferroviaria) a Cuneo. Munirsi di guanti e sacchetti della spazzatura.

-------------------------------------

 Mario Nicola Rosso

La primavera di San Martino

   

Araba Fenice Editore

 

Il romanzo è ambientato a Cuneo, fra il 1854 e il 1859, dove vivono i giovani protagonisti prima di essere chiamati a combattere nella battaglia di San Martino: una battaglia sanguinosissima, nella quale ebbe un ruolo determinante la Brigata Cuneo, formata oltre che da cuneesi, da emigrati di ogni parte d'Italia, e a cui parteciparono, ignorate dalle cronache ufficiali, molte donne nei ruoli di infermiere e di vivandiere.

Gli anni che precedettero la Seconda Guerra di Indipendenza, anni che cambiarono il volto del Regno Sardo e della città di Cuneo, sono visti attraverso gli occhi dei protagonisti. Fu un'epoca di grandi trasformazioni, un'autentica primavera, che aprì il nostro Paese al progresso economico e allo sviluppo sociale: dal treno e dall'illuminazione a gas, alla costituzione delle prime casse di risparmio.
Il romanzo, che si conclude con la battaglia di San Martino, vuole anche essere un rispettoso omaggio alla povera gente, dimenticata dalla retorica ufficiale e quasi sempre inconsapevole degli ideali ispiratori dell'unificazione italiana, cui diede un fondamentale contributo di sangue.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI