COM’È LA SITUAZIONE NEI SERVIZI PSICHIATRICI? PARLIAMONE (Associazione +Diritti)

Come Associazione, negli ultimi mesi,  abbiamo promosso incontri online per confrontarsi  sull'esperienza della pandemia e  sulla ricaduta che questa ha avuto e potrà avere sui Servizi di Salute Mentale. I contenuti sono riassunti nella lettera più avanti. 

 

DA associazionepiudiritti@gmail.com

 

A   menteinpace@libero.it  

 

 

A partire dal principio   di Partecipazione Attiva che costituisce uno degli elementi  fondanti la nostra Associazione è emersa l'esigenza di confrontarsi con i Referenti Istituzionali. 

Nella fase attuale abbiamo inviato la richiesta  sul territorio dove l'Associazione è nata e ha la sede delle sue attività  (Comune di Settimo Torinese, DSM, Unione NEt ). 

 Riteniamo che le tematiche affrontate possano essere condivise e si possa chiedere l'apertura di un confronto sia  nell'ambito dell'ASLTO4 sia a livello Regionale.  

 

Se condividete I CONTENUTI DELLA LETTERA  aspettiamo una vostra mail di sostegno all'iniziativa. La nostra mail è: associazionepiudiritti@gmail.com

 

La partecipazione è la nostra forza !!

 

 

LA LETTERA DELL’ASSOCIAZIONE +DIRITTI

 

Nella foto si vede il testo dell'incipit che invitava le persone a partecipare all'incontro, online, organizzato dall'Associazione +DIRITTI per il 10 dicembre.

Partivamo da riflessioni su solitudine e isolamento ed  il confronto ha evidenziato aspetti ancora più drammatici e dolorosi:

       Emerge una disomogeneità del funzionamento dei servizi all'interno della nostra ASL. Centri diurni aperti /centri diurni chiusi. In base a quali principi, a partire da quali scelte se la direzione del dipartimento è unica? Dalle informazioni in nostro possesso non sembra che questo sia legato a un problema di spazi. Molti hanno sottolineato come Il centro diurno costituisca un punto di riferimento. Importante nelle situazioni critiche per curarsi sul territorio ed evitare di essere ricoverati. Ma importante anche nel supporto alla quotidianità e come punto di riferimento per contrastare l’isolamento.

 

Azzerare l’accesso a questi Servizi, in un momento così drammatico, ci sembra molto Grave!!!

Quale è il progetto: depotenziare i Centri Diurni? Convogliare le risorse sul “Servizio Territoriale Integrato “? Non vogliamo sottovalutare l’importanza dell’intervento individuale ma la “terapia di comunità” in tutte le sue declinazioni (confronto tra persone, socialità, casa, lavoro) è la sola che porta a combattere la follia, lo stigma, l’emarginazione.

 

Chiediamo l’attivazione a pieno regime delle strutture semiresidenziali sul territorio con il coinvolgimento nelle attività di Esperti per Esperienza.

L' emergenza pandemica ha ulteriormente indebolito il Sistema dei Servizi già duramente messo alla prova da anni di tagli alle strutture, al personale, alla formazione. Come documentato dall’ osservatorio GIMBE e Dalla SIEP

Il report n 7/2019 dell’Osservatorio GIMBE (Gruppo Italiano per La Medicina Basata sulle Evidenze) si intitola: “Il Definanziamento 2010-2019 del Servizio Sanitario Nazionale “. Il titolo è esaustivo di cosa viene analizzato e descritto nel rapporto. Tra tagli e minore Entrate il SSN ha perso negli ultimi 10 anni 37 miliardi!!

Il rapporto della SIEP (Società Italiana di Epidemiologia Psichiatrica), presentato nel Webinar del 10 ottobre 2020, entra nei dettagli dell’organizzazione e del funzionamento dei Servizi di Salute Mentale analizzano il trend nel periodo 2015 -2018:

                Descrive l’impoverimento dei servizi di Salute Mentale in cui a una riduzione del personale superiore al 10%e una riduzione delle prestazioni e dei trattamenti ambulatoriali /territoriali del12,4%, si accompagna un aumento del 30 % della durata media dei trattamenti residenziali, e un aumento del 44,3% (33,6 persone ogni 1000 abitanti assumono antipsicotici) dei soggetti trattati con antipsicotici.

Quale è la direzione verso cui si muovono i servizi? Quale il modello che li ispira?

I dati suggeriscono modelli incentrati sulla sedazione della sofferenza psichica, sullo spegnimento delle emozioni e sulla esclusione/reclusione del sofferente.

Ci opponiamo a questi modelli lesivi dei diritti delle persone, non supportati da evidenze scientifiche. Che indicano come positive la centralità di: interventi orientati alla recovery e di interventi incentrati sull’analisi dei determinanti sociali di malattia.

 

       l’EMERGENZA PANDEMICA sarà seguita da una crisi sociale complessa, da un aumento della sofferenza psichica e da un aumento delle richieste di supporto e di cura ai Servizi.

 

Come si intende prepararsi a questi cambiamenti. Con quali risorse ma soprattutto con quale progettualità.

 

Non arrivano buone notizie nemmeno dal PNNR (Piano Nazionale di Ripresa e di Resilienza) volgarmente detto Recovery Found :a fronte di uno stanziamento di 194,48 miliardi di euro solo 9,1 miliardi ( 4,6 % )sono destinati alla sanità. Negli ultimi giorni la quota stanziata è stata raddoppiata. Questo a testimonianza di come sia importante una partecipazione attiva dei cittadini nei confronti dei poteri decisionali. Resta sempre aperta la domanda del come verranno spese le risorse, di chi verrà coinvolto nel tavolo di progettazione e di quale percentuale verrà destinata alla tutela della Salute Mentale .

A partire da queste riflessioni Chiediamo:

 

         L’apertura di un Tavolo di Confronto a livello locale con la partecipazione dei referenti

 

territoriali dell’ASL TO4 (direttore DSM, responsabili CSM, responsabili Distretti), dei referenti degli Enti Locali (Comuni, Servizi Sociali) per discutere sulle scelte portate avanti in questo periodo di COVID , e confrontarsi su nuovi aspetti progettuali per la Difesa della Salute Mentale.

 

         L’avvio di incontri a livello regionale con Assessorato alla Sanità e alle Politiche Sociali che preveda la partecipazione di tutte le Associazioni di utenti e famigliari presenti sul territorio.

 

L’Associazione +DIRITTI

Settimo torinese

associazionepiudiritti@gmail.com

 

 

 

 

Settimo T.se, 15 gennaio 2021

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 93203

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 59

Dati aggiornati

al 09-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

 MARIAPIA VELADIANO

ADESSO CHE SEI QUI

Guanda Editore

 

Incontriamo zia Camilla sulla piazza di un piccolo paese non lontano dal lago di Garda e dal corso dell’Adige. Per le borsette e i cappellini tutti la chiamano la Regina, e in effetti nel portamento assomiglia alla regina d’Inghilterra, con qualche stranezza in più. Qualcuno l’ha fatta sedere sulle pietre della fontana dove la raggiunge la nipote Andreina, e un pezzo di realtà di zia Camilla si ricompone. È l’esordio, così lo chiamano, di una malattia che si è manifestata a poco a poco, a giorni alterni, finché il mondo fuori l’ha vista e da quel momento è esistita per tutti, anche per lei. Zia ­Camilla è sempre vissuta in campagna tra fiori, galline e gli amati orologi, nella grande casa dove la nipote è cresciuta con lei e con zio Guidangelo. Ora Andreina, che è moglie e madre mentre la zia di figli non ne ha avuti, l’assiste affettuosamente e intanto racconta in prima persona il presente e il passato delle loro vite. Una narrazione viva ed energica, come zia Camilla è sempre stata e continua a essere. Intorno e insieme a loro, parenti, amiche, altre zie, donne ­venute da lontano che hanno un dono unico nel prendersi cura, tutte insieme per fronteggiare questo ospite ineludibile, il «signor Alzheimer», senza perdere mai l’allegria. Perché zia Camilla riesce a regalare a tutte loro la vita come dovrebbe ­essere, giorni felici, fatti di quel tempo ­presente che ormai nessuno ha più, e per questo ricchi di senso.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI