UNA CATENA SOLIDALE PER I MIGRANTI (Maurizio Bongioanni)

DA info@altritasti.it

 

A  menteinpace@libero.it  

 

 

 

Buongiorno, i migranti di Bardonecchia hanno bisogno di calze pesanti e scarpe”. 

Inizia così l’appello che Marco Sicco, attivista di Cortemilia, ha inviato su WhatsApp a una rete di contatti che comprende diverse associazioni attente alle tematiche sociali dei territori di Alba, Cortemilia e dintorni. Un messaggio che non è caduto nel vuoto ma che anzi ha scatenato una vera e propria ondata di solidarietà. In pochi giorni, infatti, diversi locali di Alba - che hanno messo a disposizione i loro spazi per accogliere gli indumenti donati - sono stati sommersi di borse e borsoni, pieni non solo di scarpe e calze ma anche maglioni, guanti e sciarpe. Tutto l’occorrente, insomma, per far sì che i rifugiati dell’Alta Valle Susa possano proteggersi dal freddo invernale. Parliamo di tutti quei migranti in transito tra Italia e Francia e che trovano assistenza, cibo e un posto per dormire grazie a diverse organizzazioni, nonostante vengano considerati “irregolari” dalle leggi internazionali e che quindi possono contare solo sulla solidarietà dei territori.

C’è stata una risposta fantastica da parte del territorio, spontanea e dal basso” ha sottolineato Marco. “E non solo riguardo all’offerta di indumenti: alcune persone, non potendo offrire vestiti, hanno donato i soldi necessari a coprire le spese della trasferta. Inoltre, il furgone ci è stato dato in prestito dall’associazione degli alpini. È stato necessario tesserarmi ma pure questa mi è stata offerta per la causa!”. Marco ha consegnato a Oulx i vestiti raccolti. Ma di materiale ce n'e ancora molto e già si pensa a come distribuire le “eccedenze”: “abbiamo pensato che potremmo distribuirlo anche ai braccianti di Saluzzo” conclude Marco “e c’è anche chi ha proposto di mandarne una parte in Bosnia, dove attualmente più di 3000 migranti vivono in condizioni estreme. Ci vuole un po’ di organizzazione ma a questo proposito stiamo anche discutendo con altre associazioni della possibilità di creare dei presìdi territoriali permanenti dove raccogliere questo tipo di donazioni”. 

 

 

Maurizio Bongioanni

 

Tratto da: http://www.altritasti.it/index.php/cuneo-e-provincia/4664-una-catena-solidale-per-i-migranti-di-bardonecchia

 

 

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Roberto (sabato, 23 gennaio 2021 11:21)

    Salve era possibile avere il contatto di Marco sicco?

  • #2

    Gianfranco Conforti (sabato, 23 gennaio 2021 17:02)

    Nell'articolo ci sono i riferimenti a cui rivolgersi (mail e sito internet).
    info@altritasti.it
    http://www.altritasti.it/index.php/cuneo-e-provincia/4664-una-catena-solidale-per-i-migranti-di-bardonecchia

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 90913

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 65

Dati aggiornati

al 28-2-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

#PIJANSACHET

Domenica 7 marzo 2021,

ore 10 (salvo annullamenti per maltempo).

Due punti di ritrovo: al Rondò Garibaldi o al Bar Dotta (Piazza della Libertà vicino alla Stazione ferroviaria) a Cuneo. Munirsi di guanti e sacchetti della spazzatura.

-------------------------------------

 Mario Nicola Rosso

La primavera di San Martino

   

Araba Fenice Editore

 

Il romanzo è ambientato a Cuneo, fra il 1854 e il 1859, dove vivono i giovani protagonisti prima di essere chiamati a combattere nella battaglia di San Martino: una battaglia sanguinosissima, nella quale ebbe un ruolo determinante la Brigata Cuneo, formata oltre che da cuneesi, da emigrati di ogni parte d'Italia, e a cui parteciparono, ignorate dalle cronache ufficiali, molte donne nei ruoli di infermiere e di vivandiere.

Gli anni che precedettero la Seconda Guerra di Indipendenza, anni che cambiarono il volto del Regno Sardo e della città di Cuneo, sono visti attraverso gli occhi dei protagonisti. Fu un'epoca di grandi trasformazioni, un'autentica primavera, che aprì il nostro Paese al progresso economico e allo sviluppo sociale: dal treno e dall'illuminazione a gas, alla costituzione delle prime casse di risparmio.
Il romanzo, che si conclude con la battaglia di San Martino, vuole anche essere un rispettoso omaggio alla povera gente, dimenticata dalla retorica ufficiale e quasi sempre inconsapevole degli ideali ispiratori dell'unificazione italiana, cui diede un fondamentale contributo di sangue.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI