PROSEGUONO I PROGETTI DI SOLIDARIETÀ DEGLI AMICI CA.RI. ODV

DA  amici.cari19@gmail.com  

23/01/2021 12:15

A  menteinpace@libero.it  

 

Nei mesi di “forzata lontananza” da quella vita attiva che per ben venticinque anni ha contraddistinto il cammino nel sociale dei volontari AMICI CA.RI. ODV due sono stati i progetti, tuttora in piedi, ideati con spirito gioioso dalla Presidente, Patrizia Porcellana, e poi proposti ai suoi più fedeli collaboratori.

Il primo a partire, martedì 31 marzo 2020, proprio nel momento della totale chiusura al mondo esterno, è “Condominio Amico”. L’invito è quello di rivolgere un breve saluto, da balcone a balcone, in ore prestabilite, a chi da anni ci vive accanto, di cui spesso non si conosce neppure il nome, forse solo il cognome per via della nota inviata dall’amministratore. E il passaparola riesce. È un ritrovarsi di giorno in giorno, con piacere, un conoscere più a fondo vite passate, problemi famigliari, gioie ed anche dolori, il tutto sempre ignorato. Trascorse le stagioni, non lontani da una nuova primavera, quel desiderio di “confidenza” per fortuna è rimasto e ora, vedendosi da lontano, o incontrandosi, magari con le borse della spesa, pur con la mascherina sul viso, gli occhi sanno sorridere e il dialogo iniziato….prosegue.

L’altro progetto, più articolato, è “Cari amici vicini e lontani!”, che consiste in un vero e proprio “ristoro telefonico” dedicato da Patrizia Porcellana e dai suoi volontari non solo a persone di cui si conosce la solitudine affettiva, la malinconia caratteriale che in questo periodo così difficile può portare a cupi pensieri, ma anche a chi gradisce un po’ di serena compagnia, un po’ di leggerezza nella conversazione per superare giornate in cui, indipendentemente dall’età,  pesa l’isolamento. Ed allora ecco la rubrica, accantonata nel tempo delle giornaliere lodevoli uscite dedicate alle Case di Riposo e Comunità, che viene in aiuto ai volontari per ritrovare numeri ai quali corrispondono nomi e volti, riannodare amicizie a volte lontane nel tempo, anche solo per augurare il buon giorno, il buon compleanno, il buon onomastico, sentendo dall’altra parte gioiosa sorpresa. Ed è questo il premio per il quale è bello continuare!

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 95455

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 70

Dati aggiornati

al 11-05-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

Francesco De Filippo

Maria Frega

Filosofia per i prossimi umani

Come sarà la nostra vita tra vent'anni secondo

letterati, storici, antropologi e climatologi

 

Giunti Editore

 

Se vi chiedessero all'improvviso: pensate a un'immagine che possa rappresentare la nostra realtà occidentale contemporanea, cosa vi verrebbe in mente? Forse una risposta azzeccata potrebbe essere quella di una comunità nevrotica, instancabile, ebbra di miliardi di connessioni, relazioni, produzioni, che corre disperatamente, ma priva di meta e senza avere uno specifico obiettivo. Ciò che manca in questa immagine è un orientamento, una consapevolezza, un senso; in una parola, filosofia. È il paradosso che serpeggia nelle nostre società: scarseggia non la materia di Socrate e Kant, considerata oggi disciplina antica, lenta, apparentemente incompatibile con i social, la genetica, le neuroscienze, i viaggi spaziali; ma ciò che da essa scaturisce: la capacità di critica, di riflessione e comprensione delle dinamiche sociali e della relazione tra l'essere umano e il contesto in cui trascorre la propria esistenza. Siamo alla vigilia di una nuova rivoluzione tecnologica e la necessità di "avvolgere" tutti i cambiamenti in un reticolo di nuovo umanesimo, si fa ancora più urgente. Potremmo dire che abbiamo individuato il paradosso dopo aver terminato il precedente volume Prossimi umani, una fotografia del mondo come sarà dal punto di vista scientifico-tecnologico. Un'incoerenza che questo nuovo libro tenta di risolvere con un approccio umanistico, nella convinzione che non solo scienziati ma filosofi, sociologi, giornalisti e letterati siano chiamati a rispondere a domande sul ruolo degli esseri umani in un mondo di macchine e robot, all'organizzazione da dare a comunità composte da uomini frutto di modifiche genetiche o neuronali, alle cautele da adottare per difendersi da un pianeta controllato da quattro o cinque technocorporations.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI