QUANDO A ESSERE FOLLE È LA “CURA”. Testimonianza di Alice Cavicchioli

L’albero fallico, ovvero: quando a essere folle è la “cura”.
Una ascoltatrice di Psicoradio ci racconta una sua esperienza

 


DA psicoradio@gmail.com

 

A  menteinpace@libero.it  

 

 

Nel marzo del 2016 mi trovavo in una clinica. Un rehab per depressi, persone con disturbi alimentari, tossicodipendenti e poi un sottobosco di umanità varia che stava lì in qualità di “esaurita”, in stile ricca casalinga americana primi anni 90. Signore che si piazzavano in giardino, sgomitando per un angolo di sole, con un cartoncino riflettente sparato sul viso, una fascetta o una cuffia a tenere indietro i capelli, tutine aderenti di ogni taglia, fumando come turche con l’appuntamento fissato con l’estetista. Eh sì, perché in clinica, ovviamente a pagamento, potevi usufruire di estetista e parrucchiere. Stucchevole? Non avete ancora visto niente.

Io mi trovavo lì perché questa clinica dal nome fiorito pareva un fulgido esempio di sanità convenzionata, quindi non pagavo per sperimentare un posto che non fosse un reparto psichiatrico ospedaliero. “Proviamoci”, ci eravamo detti. Stavo molto male e non se ne usciva. Così mi ritrovai in questo luogo che si rivelò ogni giorno più terribile e di cui ho pochi ricordi perché ero talmente foderata di farmaci che passavo il mio tempo a dormire, ingrassare, a essere sgridata perché non facevo ginnastica e a svuotare il sacchetto rosa del cestino del cesso per infilarmelo in testa nella speranza di riuscire a stringere abbastanza.

Pochi ricordi, dicevo. Però. Però certe cose non si dimenticano. Ve ne racconto una fantastica. Mi assegnarono una psicologa e uno psichiatra. Entrai dallo psichiatra con un filo di speranza che venne reciso nei primi 5 minuti. Prima di qualsiasi domanda, prima di qualsiasi altro tipo di comunicazione, mi disse che era necessario che io disegnassi un albero. Mi porse un foglio bianco e ricordo che disegnai il tronco, i rami spogli, era un albero invernale, come li disegnava mia madre sui cartelloni di scuola per le stagioni. Lui lo guardò velocemente e disse: “Quest’albero ha una connotazione chiaramente fallica. Come prima cosa dobbiamo risolvere il problema della tua personalità dominante e manipolatoria”. Non ci potevo credere. Non stava succedendo davvero, giusto?

Indovinate la risposta. Credo sia stato uno dei momenti peggiori della mia vita anche se può sembrare quasi esilarante. Mi sono infuriata guadagnandomi da subito un posto nel raccoglitore “un calcio in culo e fuori di qui appena possibile”. Sono rimasta lì dentro dei MESI, ma alla fine il momento propizio è arrivato.

Agli incontri con la psicologa, seduta con le braccia penzoloni ripetevo la stessa cosa: voglio-solo-morire. Un bel giorno mi convocò la direttrice del mio piano e mi fece un cazziatone isterico. “Se ripeti un’altra volta che ti vuoi suicidare ti mando via da questa clinica. Nel mio reparto la gente non si suicida. Qui nessuno si suicida”. “Ma è la verità, io mi sento così, se vuole posso mentire, ma questa è la verità”. “Bene, allora raccogli le tue cose che chiamo un’ambulanza per portarti in psichiatria”. Ho ficcato le cose di due mesi e oltre in sacchetti della spazzatura gentilmente offerti dal personale e in men che non si dica ero su una barella in ambulanza diretta al solito reparto. In psichiatria sono stata 24 ore. “Come va?”, mi chiese il solito psichiatra a colloquio. “Bene, mi sento bene”. Mi dimise.

Poco dopo ero a Milano. Contro il parere di tutti ovviamente. E, a posteriori, fu la scelta migliore che potessi fare, ovviamente.

Sono passati circa quattro anni da questi avvenimenti, non venti. Forse sarebbe il caso di ricordarselo ogni tanto.

Alice Cavicchioli

Tratto da: http://www.psicoradio.it/2021/01/17/lalbero-fallico-ovvero-quando-a-essere-folle-e-la-cura-una-ascoltatrice-di-psicoradio-ci-racconta-una-sua-esperienza/

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 115.030

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 106

Dati aggiornati

al 28-11-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

PIGOZZI LAURA

TROPPA FAMIGLIA FA MALE

COME LA DIPENDENZA MATERNA CREA ADULTI BAMBINI (E PESSIMI CITTADINI)

Rizzoli

La famiglia, all'origine della civiltà, oggi ne sta decretando la fine. È una crisi che investe l'intera società perché ciò che accade all'interno della famiglia ha rilevanza sul sociale e sul futuro dell'uomo. I genitori hanno rinunciato al ruolo di guida proteggendo all'infinito i figli: è il plusmaterno che nasce dal fallimento della cura e sospende il momento della responsabilità. La generazione che ha contestato sta crescendo figli e nipoti docili, pronti all'assoggettamento. Cosa è successo? I giovani che non dissentono permettono al fantasma mai sconfitto dell'antica tendenza dell'essere umano alla sottomissione di giocare la partita della vita al posto loro, rovesciandola in morte. Laura Pigozzi, psicoanalista, esplora in questo saggio come lo scacco della famiglia sia la radice di una tragedia sociale più vasta e ferocemente distruttiva. Attraverso il concetto di disobbedienza civile elaborato da Hannah Arendt, prende forma in queste pagine una inedita rilettura delle origini del totalitarismo che per la prima volta riesce a spiegare le conseguenze politiche della pulsione di morte freudiana e ci permette di riscoprire alcuni casi emblematici di rapporti genitoriali fallimentari, come quello di Hitler con sua madre. «L'adattamento di un giovane» ci ricorda l'autrice «ha sempre qualcosa di immorale» perché sia un soggetto che una comunità si fondano sulla divergenza. È nelle famiglie che i ragazzi dovrebbero allenarsi a trovare lo slancio verso l'esterno, diventando adulti. Fallire questa trasformazione significa condannarli a un'eterna infanzia, che apre le porte non solo ai dittatori bambini ma anche a quelli veri.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI