OSPEDALE UNICO DI CUNEO: un inutile e dannoso consumo di suolo (Domenico Sanino)

La possibile struttura del nuovo ospedale nella zona del Carle (da targatocn)

DA info@altritasti.it

29/01/2021 10:07

A menteinpace@libero.it

 

A Cuneo ci sono due ospedali, uniti in un’unica azienda: l’ospedale Santa Croce, di antica origine, oggi localizzato sull’altopiano, nel centro cittadino, a poche centinaia di metri dalla stazione ferroviaria, e l’ospedale Carle, creato nel 1935 nella frazione Confreria, al di là del fiume Stura, per curare gli ammalati di tubercolosi. Il Carle ha tutto attorno un grande parco, oggi mal tenuto, e terreni agricoli ancora coltivati. Il Carle negli ultimi anni ha ospitato alcuni reparti qui trasferiti dal Santa Croce. Quando è scoppiata la pandemia da Coronavirus è stato trasformato in ospedale Covid, proprio per la sua posizione decentrata e indipendente...

Da anni le forze politiche parlavano della opportunità di creare un ospedale unico, ma concretamente non si era mai fatto nulla. La possibilità di attingere ai finanziamenti europei del Recovery fund ha accelerato i tempi e il Consiglio comunale, a maggioranza e contro il parere della quasi totalità della popolazione, ha deciso che bisognava realizzare un ospedale unico (e non i due che la logica più elementare avrebbe indicato come ovvi) e al Carle, dove ci sono tanti terreni da cementificare!

La decisione del Consiglio comunale è maturata nonostante i pareri negativi di tecnici, addetti ai lavori, cittadini e ambientalisti che hanno proposto di realizzare il nuovo ospedale nel sito attuale, con adattamenti e trasformazioni possibili e vantaggiose, salvando il blocco delle sale operatorie costruito da pochi anni, e utilizzare il Carle per la lunga degenza, come ospedale per le pandemie, come sede del corso universitario per infermieri (che non ha una sua sede) e, perché no, per creare tutto attorno un parco, un giardino botanico con serre per piante rare. Niente da fare.

Si sono chiesti i nostri amministratori se effettivamente alla città di Cuneo servirà un ospedale “unico”? Si sono chiesti quale sarà la medicina del futuro? Certamente l’epidemia in corso insegna che concentrare tutte le attività sanitarie in un unico edificio non è positivo; ci sono patologie, come il caso del Coronavirus, che richiedono aree indipendenti, isolate, meglio se lontano dalle città. Cuneo ha già questa opportunità e ha senso mantenere entrambe le strutture proprio per queste esigenze diverse.

Il futuro della Medicina, poi, sarà la cura a domicilio, la prossimità, l’assistenza in remoto, mentre gli ospedali saranno invasi da tanta tecnologia che cambierà il loro aspetto e la loro funzione. Il futuro ci dice che dovremo muoverci di meno, soprattutto con i mezzi motorizzati.

Invece, si è deciso di abbandonare l’ospedale vicinissimo alla stazione ferroviaria per realizzarlo in un sito non servito da mezzi pubblici! Che cosa significa questo? Oltre al consumo di suolo agricolo per realizzare il nuovo edificio, occorrerà consumare altro suolo (e soldi) per creare le strade di accesso all’ospedale (è subito ritornata in auge la circonvallazione modello autostrada che distruggerà migliaia di ettari di terreno agricolo pregiatissimo).

C’è poi da tenere in considerazione anche l’aspetto paesaggistico. Al Santa Croce può essere realizzata una struttura in orizzontale che sostanzialmente non altera le altezze attuali. Invece l’impatto paesaggistico del nuovo Carle sarà devastante, visibile in lontananza con la sua mole di cemento.

Altro interrogativo: quale sarà il destino del Santa Croce? Le “suggestioni” presentate dai sostenitori del Carle sembrano di difficile realizzazione anche per i costi elevati e le scelte tutt’altro che fattibili (polo universitario, albergo per i familiari dei decenti al Carle, sede della medicina territoriale, ecc.). Quindi, altri soldi, tanti altri soldi, che non ci saranno e che determineranno l’abbandono di questa enorme area al degrado. Il vecchio Santa Croce nel cuore del centro storico è stato svuotato nel 1960 e da allora non si è trovato modo di riutilizzarlo!

La pandemia in corso ci ha messo in ginocchio, ma ben più gravi saranno, a breve, le conseguenze del cambiamento climatico che non vogliamo in nessun modo prendere in considerazione. Non possiamo più permetterci di consumare neppure un metro quadrato di suolo fertile, perché di cemento ne abbiamo già troppo, e in futuro si prevede una drastica diminuzione della popolazione per cui non sapremo che cosa farne delle tante case. Il suolo con gli alberi e la vegetazione è il principale antidoto contro l’aumento della temperatura.

Invece si continua a cementificare.

A cura di Domenico Sanino, Presidente Pro Natura Cuneo

 

 

Tratto da: http://www.altritasti.it/index.php/cuneo-e-provincia/4678-ospedale-unico-di-cuneo-un-inutile-e-dannoso-consumo-di-suolo

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 93203

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 59

Dati aggiornati

al 09-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

 MARIAPIA VELADIANO

ADESSO CHE SEI QUI

Guanda Editore

 

Incontriamo zia Camilla sulla piazza di un piccolo paese non lontano dal lago di Garda e dal corso dell’Adige. Per le borsette e i cappellini tutti la chiamano la Regina, e in effetti nel portamento assomiglia alla regina d’Inghilterra, con qualche stranezza in più. Qualcuno l’ha fatta sedere sulle pietre della fontana dove la raggiunge la nipote Andreina, e un pezzo di realtà di zia Camilla si ricompone. È l’esordio, così lo chiamano, di una malattia che si è manifestata a poco a poco, a giorni alterni, finché il mondo fuori l’ha vista e da quel momento è esistita per tutti, anche per lei. Zia ­Camilla è sempre vissuta in campagna tra fiori, galline e gli amati orologi, nella grande casa dove la nipote è cresciuta con lei e con zio Guidangelo. Ora Andreina, che è moglie e madre mentre la zia di figli non ne ha avuti, l’assiste affettuosamente e intanto racconta in prima persona il presente e il passato delle loro vite. Una narrazione viva ed energica, come zia Camilla è sempre stata e continua a essere. Intorno e insieme a loro, parenti, amiche, altre zie, donne ­venute da lontano che hanno un dono unico nel prendersi cura, tutte insieme per fronteggiare questo ospite ineludibile, il «signor Alzheimer», senza perdere mai l’allegria. Perché zia Camilla riesce a regalare a tutte loro la vita come dovrebbe ­essere, giorni felici, fatti di quel tempo ­presente che ormai nessuno ha più, e per questo ricchi di senso.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI