ARTETERAPIA E SALUTE MENTALE (Giorgia Lauro)

L'ARTETERAPIA È UN TIPO RELATIVAMENTE NUOVO DI TRATTAMENTO CHE AIUTA LE PERSONE A MIGLIORARE LA PROPRIA SALUTE MENTALE ATTRAVERSO LA CREATIVITÀ.

DA redazione@psiconline.it

31/01/2021 10:01

A  menteinpace@libero.it  

 

In genere, l'immagine che abbiamo dell'analisi personale o della psicoterapia è quella di essere seduti su una poltrona o stesi su un lettino a parlare di problemi personali.

Tuttavia, un ramo in crescita della psicoterapia sta incoraggiando le persone a prendere un pennello.

L'arteterapia di solito si concentra sul processo artistico piuttosto che sulla forma finale, e aiuta a far fronte a difficoltà di stress nonché accelerare il processo di recupero.

Nel contesto dell'arteterapia si lavora con persone di tutte le età e background, non si deve necessariamente essere artisti per trarne beneficio.

Viene infatti strutturato un ambiente sicuro e supportato per aiutare le persone a dar voce a esperienze e sentimenti non facilmente esprimibili in parole, rilassarsi, sviluppare l'auto-consapevolezza e l'autostima, lavorare sulle abilità sociali, gestire sintomi e/o comportamenti, risolvere i problemi guardandoli da una prospettiva diversa e assolutamente personale.

L'arteterapia usa il processo creativo di fare dell'arte come un modo sicuro per rappresentare le esperienze interiori, sviluppare consapevolezza e supportare il cambiamento personale.

Insieme alla creazione artistica, l'arte-terapeuta può utilizzare tecniche di rilassamento e visualizzazione e immagini guidate, nella sessione di terapia.

Offre cioè uno spazio di trattamento sicuro per consentire ad una persona di elaborare problemi emotivi difficili.

Questa forma di terapia si sta dimostrando popolare tra coloro che trovano l'idea di articolare i loro problemi di salute mentale attraverso le parole.

Per queste persone, l'arte può fornire un modo meno complesso per esplorare i loro problemi.

Spesso la creatività ci aiuta ad esprimere parti di noi che sono nascoste”, afferma il Dottor Sheridan Linnell, che dirige il corso di Master of Art Therapy all'Università di Sydney.

L'espressione attraverso l'arte può essere la guarigione di per sé, e può anche essere un trampolino di lancio per essere in grado di dare un senso a te stesso ed esprimere la tua storia agli altri”.

 

Coloro che hanno subito un trauma trovano particolarmente difficile trasformare la loro storia in parole ed esprimerla agli altri, spesso non solo per ragioni emotive, ma per ragioni fisiologiche.

Grazie ai progressi tecnologici e di neuroimaging, ora sappiamo che c'è una chiusura effettiva nell'area di Broca del cervello – o nella lingua parlata - dopo che un individuo subisce un trauma”, afferma l'arte-terapeuta Melissa Walker.

La Dottoressa Walker ha riscontrato un significativo successo terapeutico praticando l'arteterapia su veterani di guerra affetti da Disturbo da stress post-traumatico.

Abbiamo osservato che il processo di arteterapia aggira il problema del linguaggio parlato”, ha affermato la Walker.

I veterani possono usare l'arte per lavorare attraverso le loro esperienze in modo non minaccioso”.

L'arte terapia si pone anche come trattamento della salute mentale per altri gruppi spesso resistenti alle forme tradizionali di terapia.

Un sacco di gente se viene chiesto di andare a vedere uno psicologo o psicoterapeuta – e penso in particolare ai giovani con cui ho lavorato - sono molto attenti al fatto che qualcuno pensi che ci sia qualcosa di sbagliato in loro”, ha spiegato il Dottor Linnell.

Mentre, essere invitato a venire a fare arte può avere un significato molto diverso”.

Un altro vantaggio dell'arteterapia è la sua capacità di essere condotta in gruppi, in particolare con le famiglie.

I bambini sono spesso più a loro agio nell'espressione, in particolare attraverso l'arte visiva, rispetto ai membri più anziani delle loro famiglie”, prosegue il Dottor Linnell.

Quindi se stai facendo arteterapia di famiglia, è un po' diverso dal campo di gioco per quei bambini... se tutti stanno facendo qualcosa e giocando insieme potrebbero trovare modi di relazione di cui si erano dimenticati, o che non erano accessibili a loro”.

L'arteterapia ovviamente non si riduce sempre al disegnare o dipingere, in quanto si viene addestrati a essere flessibili.

Potrebbe essere che i pazienti non vogliono disegnare ma adorano manipolare”. L'intero spettro delle arti contemporanee è disponibile – dal testo, danza, artigianato tradizionale, scultura, arte digitale – purchè lavora per il paziente.

Il Dottor Linnel sottolinea inoltre l'importanza di trovare un approccio all'arte che si adatti a loro. E l'arteterapia non è comunque il risultato finale, ma piuttosto il processo stesso.

 

Le terapie artistiche non si basano infatti su conoscenze o abilità artistiche, perchè si lavora accedendo all'immaginazione e alla creatività, qualità che tutti gli esseri umani possiedono, al fine di generare nuovi modelli di vita e contribuire allo sviluppo di un senso di sé più integrato.

Al fine di aumentare la consapevolezza dei legami tra salute mentale e arte, il Southern Queensland ha creato Arts & Minds, un'iniziativa che ha visto cinque artisti emergenti in coppia con cinque rinomati artisti australiani per creare un'opera d'arte nel corso di un unico giorno.

Le successive conversazioni sulla salute mentale, la consapevolezza e la pratica artistica sono state documentate e modificate al fine di sfidare la stigmatizzazione della salute mentale.

Sebbene l'arte terapia possa essere di enorme beneficio per alcuni, è importante ricordare che non è una cura miracolosa.

Qualche volta, ad esempio, qualcuno è così in preda all'ansia che viene coinvolto uno psicoterapeuta cognitivo-comportamentale per un certo periodo”, afferma il Dottor Linnell.

Così come può capitare che alcune persone abbiano prima bisogno di un supporto farmacologico prima che possano essere pronti a praticare qualsiasi tipo di terapia.

Ma mentre l'arteterapia può finire per essere solo una parte del mix terapeutico, sembra che stia diventando sempre più una via popolare per il benessere mentale.

Dai veterani di guerra trattati da Melissa Walker, ai bambini di New Orleans che hanno praticato l'arteterapia dopo l'uragano Katrina, l'arte sta aiutando molte persone a dare un senso ad una storia in cui le parole avrebbero potuto fallire.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

Tratto da: https://www.psiconline.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16421:arteterapia-e-salute-mentale&catid=82

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 102.590

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 107

Dati aggiornati

al 28-07-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 Lara Lucaccioni

RIDI AMA VIVI

Rizzoli

 

C’è una via semplice per essere felici. Parte dalla scelta di portare più risate nella propria vita, di essere in allineamento con il proprio cuore e di nutrire amorevolmente le relazioni di qualità attraverso emozioni e attitudini positive. Per riuscirci Lara Lucaccioni, una delle più importanti docenti di Yoga della risata nel mondo, propone un percorso in tre passi, da lei stessa sperimentato e divulgato, per ricaricare la propria batteria energetica e far diventare abitudine ciò che ci nutre e ci fa stare bene.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI