UNA SETTIMANA DENTRO TIKTOK (Adele Sarno)

Ho deciso di passare qualche giorno sul social della Generazione Z.

È iniziato così il mio viaggio su questa piattaforma. TikTok per quello che ho visto e sentito è tanto altro: un piccolo universo, uno spazio dove la genZ sta crescendo.

 

 

DA info@mail.huffpost.com

30/01/2021 11:00

A menteinpace@libero.it

 

 Ok boomer, parliamo di TikTok. Ho deciso di passare qualche giorno sul social della GenZ (Generazione Z: con il termine Generazione Z, o Gen Z, iGen, Post-Millennials, Centennials, Zoomers, Plurals, s'identifica la generazione che segue ai Millennials, generalmente circoscritta dal 1996 fino all'anno 2010 - NdR). Ho scaricato l’applicazione venerdì 22 gennaio. Ho inserito la mia data di nascita, ho digitato il mio nome. Avrei tranquillamente potuto mentire come potrebbe farlo ogni ragazzino. Alla fine del download, armata dei migliori pregiudizi, ho iniziato a scrollare. Il giorno prima, giovedì 21 gennaio, una bambina di 10 anni è morta soffocata per aver partecipato a una “blackout challenge”. Digitando il giorno stesso su TikTok “#blackoutchallenge” ho trovato migliaia di video: centinaia di ragazzi spiegavano quanto fossero tristi per la scomparsa della piccola Antonella. Oggi di quei video non c’è più traccia ma solo “pagina non trovata”. Ho provato a sentire qualche assiduo frequentatore del social ma sono tutti convinti che sia difficile che questo tipo di contenuti possa passare le censure di TikTok. “Io un’idea me la sono fatta”, mi spiega Carlotta. “Potrebbe essere rimasto solo qualche ora online, magari ‘mascherato’ da altro”. Insomma un episodio sporadico, una coincidenza sfortunata.

È iniziato così il mio viaggio su questa piattaforma. TikTok per quello che ho visto e sentito è tanto altro: un piccolo universo, uno spazio dove la genZ sta crescendo.

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO INTERO E VEDI I VIDEO

 

Adele Sarno

 

Tratto da:

https://www.huffingtonpost.it/entry/tik-tok_it_60104658c5b67848ee7bc3ce?ncid=newsltithpmgnews

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 108.382

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 118

Dati aggiornati

al 17-09-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Michele Zappella

BAMBINI CON L’ETICHETTA

Dislessici, autistici e iperattivi: cattive diagnosi ed esclusione

Feltrinelli

Una nuova emarginazione, basata su diagnosi erronee di disabilità trasformate in etichette di “diversità” irrecuperabile, è in pieno sviluppo nel nostro paese e coinvolge un numero crescente di bambini e ragazzi. Si riferiscono ad abilità considerate oggi importanti anche in una prospettiva lavorativa, come leggere bene e relazionarsi agli altri adeguatamente. Spesso, infatti, ritardi di lettura vengono confusi con sintomi di dislessia, oppure si certifica l’autismo mentre si è di fronte a difficoltà del linguaggio, depressioni, mutismo selettivo, o persino transitorie timidezze. Come può avvenire tutto ciò? E con quali conseguenze? Cosa ha portato all’esplosione di diagnosi, spesso senza fondamento, negli ultimi anni? Come liberare i bambini da etichette che compromettono l’intera loro esistenza e quella delle loro famiglie? A queste e a molte altre domande risponde Michele Zappella. La ricca casistica e la profonda esperienza clinica e di ricerca dell’autore chiamano in causa la scuola, gli operatori professionali e le politiche di “sostegno” alla diversità. Zappella invita i genitori e gli educatori ad aprire gli occhi e a non cedere al fascino (in)discreto dell’etichetta, e i professionisti a mantenere aggiornata la cultura specialistica, sperimentando nuove modalità di approccio ai bambini che ne stimolino fantasia e creatività. Gli effetti possono essere sorprendenti!

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI