I PRIMI OCCHIALI IN PLASTICA RICICLATA DAGLI OCEANI (Mariaelena Leggieri)

L’azienda padovana Safilo annuncia il primo occhiale da sole in plastica riciclata prodotto in esclusiva per The Ocean Cleanup, l’organizzazione no-profit olandese nata con lo scopo di sviluppare tecnologie avanzate per la rimozione dei rifiuti plastici dagli oceani.

 

La plastica che galleggiava nell’Oceano Pacifico lo scorso anno è stata trasformata in occhiali da sole.

The Ocean Cleanup, l’organizzazione no-profit olandese che sviluppa tecnologie avanzate per liberare gli oceani dalla plastica, ha collaborato con il famoso designer Yves Béhar e l’azienda di occhiali Safilo per lanciare una linea in edizione limitata di occhiali da sole riciclabili.

 

Plastica, il sistema dell’Ocean Cleanup per ripulire gli oceani funziona

Progettati in California da Yves Béhar, gli occhiali da sole Ocean Cleanup sono realizzati con rifiuti di plastica recuperati dal Great Pacific Garbage Patch (GPGP), una raccolta di detriti marini nell’Oceano Pacifico settentrionale. Sono progettati per essere facilmente riciclati una volta raggiunta la fine della loro vita.

Queste lenti sono in edizione limitata: ogni paio viene fornito con un codice QR che ti consente di mostrare agli altri l’impatto che hai dato con il tuo contributo. Si stima che ogni coppia di lenti consentirà di pulire l’equivalente di 24 campi da calcio del valore della GPGP e quando verrà rivendicata ogni coppia del primo lotto, ciò equivarrà a circa 500.000 pulizie di campi da calcio nella Grande Patch.

La custodia degli occhiali da sole è realizzata con il galleggiante HDPE del System 001, il primo sistema Ocean Cleanup implementato nel 2018, e la custodia per il trasporto è realizzata con bottiglie in PET riciclate.

Ocean Cleanup, il tubo galleggiante ritorna in acqua per ripulire gli oceani

Gli occhiali da sole sono ora disponibili sul sito web di The Ocean Cleanup per un contributo di € / $ 199. I proventi della loro vendita contribuiranno a finanziare la missione dell’azienda di rimuovere la plastica dagli ecosistemi. L’azienda afferma che in futuro verranno esplorate diverse linee di prodotti.

 

Mariaelena Leggieri

 

Tratto da: https://www.teleambiente.it/the_ocean_clean_up_occhiali_da_sole_realizzati_con_rifiuti_isola_di_plastica/

 

Vedi anche:

http://www.safilogroup.com/it/PR_2020-10-27_safilo-produce-per-the-ocean-cleanup-i-primi-occhiali-in-plastica-riciclata-dagli-oceani

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 108.382

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 118

Dati aggiornati

al 17-09-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Michele Zappella

BAMBINI CON L’ETICHETTA

Dislessici, autistici e iperattivi: cattive diagnosi ed esclusione

Feltrinelli

Una nuova emarginazione, basata su diagnosi erronee di disabilità trasformate in etichette di “diversità” irrecuperabile, è in pieno sviluppo nel nostro paese e coinvolge un numero crescente di bambini e ragazzi. Si riferiscono ad abilità considerate oggi importanti anche in una prospettiva lavorativa, come leggere bene e relazionarsi agli altri adeguatamente. Spesso, infatti, ritardi di lettura vengono confusi con sintomi di dislessia, oppure si certifica l’autismo mentre si è di fronte a difficoltà del linguaggio, depressioni, mutismo selettivo, o persino transitorie timidezze. Come può avvenire tutto ciò? E con quali conseguenze? Cosa ha portato all’esplosione di diagnosi, spesso senza fondamento, negli ultimi anni? Come liberare i bambini da etichette che compromettono l’intera loro esistenza e quella delle loro famiglie? A queste e a molte altre domande risponde Michele Zappella. La ricca casistica e la profonda esperienza clinica e di ricerca dell’autore chiamano in causa la scuola, gli operatori professionali e le politiche di “sostegno” alla diversità. Zappella invita i genitori e gli educatori ad aprire gli occhi e a non cedere al fascino (in)discreto dell’etichetta, e i professionisti a mantenere aggiornata la cultura specialistica, sperimentando nuove modalità di approccio ai bambini che ne stimolino fantasia e creatività. Gli effetti possono essere sorprendenti!

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI