LE NOSTRE CONTRADDIZIONI (Manuela Salvi)

I bambini non possono più andare a scuola da soli a piedi ma possono avere un telefonino a sette anni.

 

DA info@altritasti.it

 

A  menteinpace@libero.it

 

di Manuela Salvi*.

 

Quando è stata inventata e messa in commercio l’automobile non c’erano limiti d’età, né segnali stradali, né la patente da ottenere prima di mettersi alla guida. Compravi la macchina, salivi a bordo e via – guidavano anche i ragazzini, bastava arrivare all’altezza giusta. Poi la circolazione è aumentata e anche il numero degli incidenti, così l’automobile ha smesso di essere un giocattolo divertente ed è diventata un mezzo di trasporto con regole e pericoli concreti, e soprattutto con un’età minima per la guida, e solo dopo aver preso la patente. Una roba da adulti...

Per il telefonino dovrebbe accadere la stessa cosa. È un mezzo di comunicazione senza regole e pieno di pericoli concreti che i bambini e le bambine non sanno gestire, come dimostra la morte a Palermo per soffocamento di Antonella, dieci anni, mentre giocava con TikTok.


Ma non si tratta solo di Antonella: bambini che stanno svegli di notte di nascosto, che chattano con sconosciuti e mandano fotografie, che si bullizzano digitalmente perché un click è più facile di un faccia a faccia, che si espongono troppo presto sui social, che assumono pose seduttive o si fanno irretire da influencer affamati di soldi.

È evidente che c’è troppo traffico, nessuna segnaletica e un disperato bisogno di limiti d’età.

Si confonde internet con il telefonino, che sono due cose diverse. Il telefonino è uno strumento adulto che dovrebbe essere usato dagli adulti. Ai ragazzini, al massimo il modello semplice, per fare le chiamate e mandare sms semplici, senza connessione.

Purtroppo nella legislazione che regola questo strumento vincono le necessità adulte, economiche e di controlloI bambini non possono più andare a scuola da soli a piedi ma possono avere un telefonino a sette anni. Più contraddittori di così non potremmo essere.



Tratto da: https://comune-info.net/antonella-e-le-nostre-contraddizioni/


* Autrice di libri di letteratura per ragazzi, tra cui Nei panni di Zaff” (qualche tempo fa messo all’indice dal sindaco di Venezia e dalla guerra del gender…), E sarà bello morire insieme e Nemmeno un bacio prima di andare a letto (un romanzo sulle baby squillo).

 

Tratto da:

 

http://www.altritasti.it/index.php/archivio/consumo-critico/4682-le-nostre-contraddizioni

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 93203

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 59

Dati aggiornati

al 09-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

 MARIAPIA VELADIANO

ADESSO CHE SEI QUI

Guanda Editore

 

Incontriamo zia Camilla sulla piazza di un piccolo paese non lontano dal lago di Garda e dal corso dell’Adige. Per le borsette e i cappellini tutti la chiamano la Regina, e in effetti nel portamento assomiglia alla regina d’Inghilterra, con qualche stranezza in più. Qualcuno l’ha fatta sedere sulle pietre della fontana dove la raggiunge la nipote Andreina, e un pezzo di realtà di zia Camilla si ricompone. È l’esordio, così lo chiamano, di una malattia che si è manifestata a poco a poco, a giorni alterni, finché il mondo fuori l’ha vista e da quel momento è esistita per tutti, anche per lei. Zia ­Camilla è sempre vissuta in campagna tra fiori, galline e gli amati orologi, nella grande casa dove la nipote è cresciuta con lei e con zio Guidangelo. Ora Andreina, che è moglie e madre mentre la zia di figli non ne ha avuti, l’assiste affettuosamente e intanto racconta in prima persona il presente e il passato delle loro vite. Una narrazione viva ed energica, come zia Camilla è sempre stata e continua a essere. Intorno e insieme a loro, parenti, amiche, altre zie, donne ­venute da lontano che hanno un dono unico nel prendersi cura, tutte insieme per fronteggiare questo ospite ineludibile, il «signor Alzheimer», senza perdere mai l’allegria. Perché zia Camilla riesce a regalare a tutte loro la vita come dovrebbe ­essere, giorni felici, fatti di quel tempo ­presente che ormai nessuno ha più, e per questo ricchi di senso.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI