LE NOSTRE CONTRADDIZIONI (Manuela Salvi)

I bambini non possono più andare a scuola da soli a piedi ma possono avere un telefonino a sette anni.

 

DA info@altritasti.it

 

A  menteinpace@libero.it

 

di Manuela Salvi*.

 

Quando è stata inventata e messa in commercio l’automobile non c’erano limiti d’età, né segnali stradali, né la patente da ottenere prima di mettersi alla guida. Compravi la macchina, salivi a bordo e via – guidavano anche i ragazzini, bastava arrivare all’altezza giusta. Poi la circolazione è aumentata e anche il numero degli incidenti, così l’automobile ha smesso di essere un giocattolo divertente ed è diventata un mezzo di trasporto con regole e pericoli concreti, e soprattutto con un’età minima per la guida, e solo dopo aver preso la patente. Una roba da adulti...

Per il telefonino dovrebbe accadere la stessa cosa. È un mezzo di comunicazione senza regole e pieno di pericoli concreti che i bambini e le bambine non sanno gestire, come dimostra la morte a Palermo per soffocamento di Antonella, dieci anni, mentre giocava con TikTok.


Ma non si tratta solo di Antonella: bambini che stanno svegli di notte di nascosto, che chattano con sconosciuti e mandano fotografie, che si bullizzano digitalmente perché un click è più facile di un faccia a faccia, che si espongono troppo presto sui social, che assumono pose seduttive o si fanno irretire da influencer affamati di soldi.

È evidente che c’è troppo traffico, nessuna segnaletica e un disperato bisogno di limiti d’età.

Si confonde internet con il telefonino, che sono due cose diverse. Il telefonino è uno strumento adulto che dovrebbe essere usato dagli adulti. Ai ragazzini, al massimo il modello semplice, per fare le chiamate e mandare sms semplici, senza connessione.

Purtroppo nella legislazione che regola questo strumento vincono le necessità adulte, economiche e di controlloI bambini non possono più andare a scuola da soli a piedi ma possono avere un telefonino a sette anni. Più contraddittori di così non potremmo essere.



Tratto da: https://comune-info.net/antonella-e-le-nostre-contraddizioni/


* Autrice di libri di letteratura per ragazzi, tra cui Nei panni di Zaff” (qualche tempo fa messo all’indice dal sindaco di Venezia e dalla guerra del gender…), E sarà bello morire insieme e Nemmeno un bacio prima di andare a letto (un romanzo sulle baby squillo).

 

Tratto da:

 

http://www.altritasti.it/index.php/archivio/consumo-critico/4682-le-nostre-contraddizioni

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 95455

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 70

Dati aggiornati

al 11-05-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

Francesco De Filippo

Maria Frega

Filosofia per i prossimi umani

Come sarà la nostra vita tra vent'anni secondo

letterati, storici, antropologi e climatologi

 

Giunti Editore

 

Se vi chiedessero all'improvviso: pensate a un'immagine che possa rappresentare la nostra realtà occidentale contemporanea, cosa vi verrebbe in mente? Forse una risposta azzeccata potrebbe essere quella di una comunità nevrotica, instancabile, ebbra di miliardi di connessioni, relazioni, produzioni, che corre disperatamente, ma priva di meta e senza avere uno specifico obiettivo. Ciò che manca in questa immagine è un orientamento, una consapevolezza, un senso; in una parola, filosofia. È il paradosso che serpeggia nelle nostre società: scarseggia non la materia di Socrate e Kant, considerata oggi disciplina antica, lenta, apparentemente incompatibile con i social, la genetica, le neuroscienze, i viaggi spaziali; ma ciò che da essa scaturisce: la capacità di critica, di riflessione e comprensione delle dinamiche sociali e della relazione tra l'essere umano e il contesto in cui trascorre la propria esistenza. Siamo alla vigilia di una nuova rivoluzione tecnologica e la necessità di "avvolgere" tutti i cambiamenti in un reticolo di nuovo umanesimo, si fa ancora più urgente. Potremmo dire che abbiamo individuato il paradosso dopo aver terminato il precedente volume Prossimi umani, una fotografia del mondo come sarà dal punto di vista scientifico-tecnologico. Un'incoerenza che questo nuovo libro tenta di risolvere con un approccio umanistico, nella convinzione che non solo scienziati ma filosofi, sociologi, giornalisti e letterati siano chiamati a rispondere a domande sul ruolo degli esseri umani in un mondo di macchine e robot, all'organizzazione da dare a comunità composte da uomini frutto di modifiche genetiche o neuronali, alle cautele da adottare per difendersi da un pianeta controllato da quattro o cinque technocorporations.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI