LA GIORNATA DEI CALZINI SPAIATI, CONTRO LA DISCRIMINAZIONE (Stella Di Domenico)

La giornata dei calzini spaiati è nata per diffondere lo spirito dell'amicizia e dell'accoglienza, segnalando che "diverso" non è necessariamente sinonimo di brutto o cattivo.

Ma servono veramente le giornate "dedicate" se poi, nella concretezza quotidiana, il messaggio che cercano di veicolare viene spesso subito dimenticato?

"Nel corso della storia la disabilità è stata oggetto di diverse connotazioni negative, atti denigratori, sacrifici e omicidi a carico delle persone con disabilità. Nella civiltà greco-romana si considerava un castigo degli Dei, nel Medioevo una manifestazione del diavolo. Nel Rinascimento “gobbi” e “nani” venivano utilizzati come giullari di corte, nascono i manicomi per “isolare dal resto del mondo” i malati psichiatrici considerati “espressione del Diavolo”. Durante il Nazismo le persone con disabilità venivano etichettate come “non meritevoli di vivere”.

Da allora si sono fatti molti passi avanti nel riconoscimento dei diritti di queste persone; la legge 180/78 (chiusura degli ospedali psichiatrici), la legge 517/77 (apertura delle scuole alle persone con disabilità- promozione dell’integrazione e creazione dell’insegnante di sostegno) e non ultima la legge 104/921 che dovremmo conoscere come le nostre tasche e che se venisse realmente applicata sarebbe un enorme passo avanti per la civiltà.

La foto, del 1982, ritrae due bambini “psichiatrici” legati ad un radiatore.

Quanti di voi inorridiscono davanti a questa fotografia? Quanti di voi esclamano “povere creature” ? Se non tutti, tanti.

Eppure vi chiedo, quanti di voi non escludono questi bambini e le loro famiglie coinvolgendole nella vita quotidiana? Quanti di voi portano i propri figli a giocare con i nostri? Quanti di voi si sforzano di passare dal “poverino” al rispettare i diritti di questi bambini? Quanti di voi si interessano di quello che viviamo ogni giorno?

Potrei continuare all’infinito, ma mi fermo qui .

Da questa foto ne è passata di acqua sotto i ponti ma, oggi ancora esiste e resiste quel logoro laccio che tiene legati questi bambini al radiatore perchè fin quando non si comincerà a mettere il concetto di “persona” davanti a quello di “disabile” non avremo mai realmente fatto quel passo che distingue l’uomo dalla bestia.

La speranza è che in futuro si guardi ad oggi con lo stesso orrore di come oggi si guarda questa foto"

 

Stella Di Domenico

 

1 - Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate. Pubblicata  nella Gazzetta Ufficiale del 17 febbraio 1992 n. 39. Per visualizzarne il testo CLICCA QUI

 

 

 

Tratto da: https://www.facebook.com/vorreiprendereiltreno

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 90913

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 65

Dati aggiornati

al 28-2-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

#PIJANSACHET

Domenica 7 marzo 2021,

ore 10 (salvo annullamenti per maltempo).

Due punti di ritrovo: al Rondò Garibaldi o al Bar Dotta (Piazza della Libertà vicino alla Stazione ferroviaria) a Cuneo. Munirsi di guanti e sacchetti della spazzatura.

-------------------------------------

 Mario Nicola Rosso

La primavera di San Martino

   

Araba Fenice Editore

 

Il romanzo è ambientato a Cuneo, fra il 1854 e il 1859, dove vivono i giovani protagonisti prima di essere chiamati a combattere nella battaglia di San Martino: una battaglia sanguinosissima, nella quale ebbe un ruolo determinante la Brigata Cuneo, formata oltre che da cuneesi, da emigrati di ogni parte d'Italia, e a cui parteciparono, ignorate dalle cronache ufficiali, molte donne nei ruoli di infermiere e di vivandiere.

Gli anni che precedettero la Seconda Guerra di Indipendenza, anni che cambiarono il volto del Regno Sardo e della città di Cuneo, sono visti attraverso gli occhi dei protagonisti. Fu un'epoca di grandi trasformazioni, un'autentica primavera, che aprì il nostro Paese al progresso economico e allo sviluppo sociale: dal treno e dall'illuminazione a gas, alla costituzione delle prime casse di risparmio.
Il romanzo, che si conclude con la battaglia di San Martino, vuole anche essere un rispettoso omaggio alla povera gente, dimenticata dalla retorica ufficiale e quasi sempre inconsapevole degli ideali ispiratori dell'unificazione italiana, cui diede un fondamentale contributo di sangue.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI