IL CIBO CREA DIPENDENZA: LA “FOOD ADDICTION” (Michela Fanelli)

Nelle persone obese o in stato di sovrappeso i junk food innescano modifiche delle cellule nervose simili a quelle che si attivano se si fa uso di sostanze stupefacenti o abuso di alcool.

In chi è sovrappeso il piacere del cibo attiva le aree della gratificazione: è stato osservato che il pensiero relativo a un alimento goloso e l’atto del mangiare attivano i circuiti cerebrali connessi alla gratificazione, innescando modifiche delle cellule nervose simili a quelle che si hanno nei casi di dipendenza da alcool e da sostanze stupefacenti.

Questi risultati arrivano da esperimenti condotti su alcuni uomini e donne normopeso o sovrappeso, che sono stati sottoposti a una risonanza magnetica mentre venivano mostrate loro fotografie di vari cibi.

I ricercatori hanno osservato quali aree del cervello si «accendevano» e hanno scoperto che il sovrappeso alimenta e rinforza le connessioni fra il nucleo dorsale caudato e la corteccia somato-sensoriale, aree che sono implicate nei circuiti della gratificazione coinvolti nelle dipendenze.

Nelle persone normopeso, invece, le aree cerebrali che mostrano una maggior connessione non sono risultate quelle associate ai meccanismi della ricompensa.

I ricercatori avevano osservato che tanto più le connessioni tipiche della dipendenza risultavano forti, quanto più cresceva la tendenza delle persone obese ad accumulare chili e peggiorare quindi la loro condizione fisica.

La teoria del cibo come droga è stata denominata “food addiction”, letteralmente “dipendenza da cibo” e individuata come una delle concause dell’obesità. I ricercatori, osservando i dati neurobiologici dei pazienti con obesità, hanno osservato che negli obesi le aree deputate al controllo inibitorio del consumo di cibo hanno un metabolismo ridotto e questo deficit comporta una maggiore attivazione dei circuiti della gratificazione e un rischio più alto di comportamenti compulsivi (comportamenti di abbuffata).

In base a queste osservazioni si spiega perché gli obesi, proprio come coloro che dipendono dalle sostanze stupefacenti, persistono in comportamenti di abbuffata nonostante le conseguenze negative sulla salute e sulla vita sociale.

 

Michela Fanelli

 

Tratto da:

https://mymoodmyfood.it/2021/02/07/il-cibo-crea-dipendenza-la-food-addiction/

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 93203

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 59

Dati aggiornati

al 09-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

 MARIAPIA VELADIANO

ADESSO CHE SEI QUI

Guanda Editore

 

Incontriamo zia Camilla sulla piazza di un piccolo paese non lontano dal lago di Garda e dal corso dell’Adige. Per le borsette e i cappellini tutti la chiamano la Regina, e in effetti nel portamento assomiglia alla regina d’Inghilterra, con qualche stranezza in più. Qualcuno l’ha fatta sedere sulle pietre della fontana dove la raggiunge la nipote Andreina, e un pezzo di realtà di zia Camilla si ricompone. È l’esordio, così lo chiamano, di una malattia che si è manifestata a poco a poco, a giorni alterni, finché il mondo fuori l’ha vista e da quel momento è esistita per tutti, anche per lei. Zia ­Camilla è sempre vissuta in campagna tra fiori, galline e gli amati orologi, nella grande casa dove la nipote è cresciuta con lei e con zio Guidangelo. Ora Andreina, che è moglie e madre mentre la zia di figli non ne ha avuti, l’assiste affettuosamente e intanto racconta in prima persona il presente e il passato delle loro vite. Una narrazione viva ed energica, come zia Camilla è sempre stata e continua a essere. Intorno e insieme a loro, parenti, amiche, altre zie, donne ­venute da lontano che hanno un dono unico nel prendersi cura, tutte insieme per fronteggiare questo ospite ineludibile, il «signor Alzheimer», senza perdere mai l’allegria. Perché zia Camilla riesce a regalare a tutte loro la vita come dovrebbe ­essere, giorni felici, fatti di quel tempo ­presente che ormai nessuno ha più, e per questo ricchi di senso.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI