COMICI SARDI E SCLEROSI: “PER CHI NON LO SLA”

Comici sardi e sclerosi: “Per chi non lo Sla” impazza sul web

 

 

 

 

Tredici comici sardi riuniti in uno studio di registrazione per incidere un brano già diventato virale su Youtube. Artisti – alcuni molto noti anche al pubblico televisivo nazionale – che hanno deciso di aderire al progetto di Christian Luisi, uno dei membri del gruppo comico Battor Moritteddos: interpretare in pieno stile Band Aid il video della canzone “Per chi non lo Sla”, un modo per sensibilizzare i cittadini sulla Sclerosi laterale amiotrofica, la grave malattia degenerativa che colpisce i motoneuroni, le cellule nervose del cervello e del midollo spinale che controllano il movimento muscolare. All’iniziativa di Christian e del suo gruppo hanno risposto Marco “Baz” Bazzoni e Pino & gli anticorpi – diventati famosissimi oltre il Tirreno anche grazie al programma televisivo Colorado – ma anche l’evergreen Benito Urgu e i Tenorenis, oltre a Giuseppe Masia, Alvin Solinas, Francesco Porcu, Marco Piccu, gli Amakiaus, Daniele Contu, Nicola Cancedda e Soleandro, peraltro autori del testo della canzone.

 

Dunque, da una lettera mandata a tutti i comici per riunirsi sotto un’unica voce è nata una canzone per le persone affette da questo terribile morbo. Gli artisti hanno accettato con grande gioia indicando come punto di arrivo una “piccola” raccolta fondi per la ricerca.

 

Fatto sta che il video della canzone ha fatto il giro del web e a oggi risulta il più visualizzato – si parla di 2.845.267 utenti – rispetto agli altri video sardi. Il brano, inoltre, è diventato un cd il cui ricavato è destinato alla lotta contro la malattia. Le immagini sono firmate da Stefano Di Franco e mostrano i cantanti in sala di registrazione alternate a quelle dei malati di Sla nella loro vita quotidiana: immobili, rigidi, costretti a letto o in carrozzina.

 

 

PER VEDERE IL VIDEO CLICCA QUI

 

Tratto da: https://www.lanuovasardegna.it/tempo-libero/2018/05/24/news/comici-sardi-e-sclerosi-per-chi-non-lo-sla-impazza-sul-web-1.16878296

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 90913

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 65

Dati aggiornati

al 28-2-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

#PIJANSACHET

Domenica 7 marzo 2021,

ore 10 (salvo annullamenti per maltempo).

Due punti di ritrovo: al Rondò Garibaldi o al Bar Dotta (Piazza della Libertà vicino alla Stazione ferroviaria) a Cuneo. Munirsi di guanti e sacchetti della spazzatura.

-------------------------------------

 Mario Nicola Rosso

La primavera di San Martino

   

Araba Fenice Editore

 

Il romanzo è ambientato a Cuneo, fra il 1854 e il 1859, dove vivono i giovani protagonisti prima di essere chiamati a combattere nella battaglia di San Martino: una battaglia sanguinosissima, nella quale ebbe un ruolo determinante la Brigata Cuneo, formata oltre che da cuneesi, da emigrati di ogni parte d'Italia, e a cui parteciparono, ignorate dalle cronache ufficiali, molte donne nei ruoli di infermiere e di vivandiere.

Gli anni che precedettero la Seconda Guerra di Indipendenza, anni che cambiarono il volto del Regno Sardo e della città di Cuneo, sono visti attraverso gli occhi dei protagonisti. Fu un'epoca di grandi trasformazioni, un'autentica primavera, che aprì il nostro Paese al progresso economico e allo sviluppo sociale: dal treno e dall'illuminazione a gas, alla costituzione delle prime casse di risparmio.
Il romanzo, che si conclude con la battaglia di San Martino, vuole anche essere un rispettoso omaggio alla povera gente, dimenticata dalla retorica ufficiale e quasi sempre inconsapevole degli ideali ispiratori dell'unificazione italiana, cui diede un fondamentale contributo di sangue.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI