L’ANNULLAMENTO INIZIA DAL CORPO (Cinzia Pennati )

DA newsletter@ml.comune-info.net

 

A  menteinpace@libero.it  

 

La narrazione del corpo racconta cose di noi. Ci dice che siamo piene di ferite, cicatrici con cui dobbiamo fare i conti. Il nostro corpo è segnato come la nostra esistenza.

Abbassa lo sguardo. L’impertinenza non ci è concessa, la timidezza nelle bambine appare una dote preziosa da perseguire e spingere, anticipazione dell’annullamento. E l’imbarazzo sulle gote così tramandato, diventa presto inadeguatezza che attraversa corpo e anima.

Se proviamo a parlare, alzano la mano più veloce di noi, ci coprono con la voce greve, i corpi più potenti, ci anticipano, ci interrompono. Serriamo presto le labbra, tratteniamo il fiato e i pensieri.

Costringiamo il seno quando cresce e se lo desideriamo più grande, quel desiderio è confidato solo alla notte. Non c’è mai un modo giusto di possederlo, portarlo, averlo e mostrarlo. La pancia va ritratta, schiacciata, negata; può arrotondarsi per procreare, allora ci è concesso lo sfondamento.

Se siamo madri, se cuciniamo per la famiglia, se procuriamo piacere.

Siamo zoccole, troie, puttane, se desideriamo. Non c’è nulla che faccia più paura di una donna che desidera abbondanza di cibo e piacere. Così la cicatrice circonda le cosce e arriva al nostro clitoride. Al godimento negato. Questo non è che l’ultimo e il primo atto di una sottomissione.

Continua, perpetua, talmente intrinseca nel quotidiano che, alcune di noi, non sanno riconoscerla. Persino il sangue che scorre è vergogna, tabù, narrazione sospesa.

E quando lasciamo la nostra vita di prima, quando ci vediamo è perché finalmente siamo in grado di prenderci cura di quelle ferite, una ad una, con calma. Un batuffolo di pazienza e dedizione verso noi stesse, aspettando che le ferite smettano di sanguinare.

Prendiamo in mano il nostro corpo allo stesso modo dei vorticosi pensieri e non permettiamo all’impertinenza di farci paura. Siamo irriverenti, finalmente. Piene di cicatrici ci concediamo di esistere al di là degli sguardi su di noi. Ci diamo il permesso, del corpo e del sentire. Siamo le uniche a doverlo fare.

Chi di voi è indecisa, non tardi, trovi la strada per prendersi cura di sé. Sia irriverente, impertinente, cambiate la vostra storia, quella vostre bambine e delle vostre ragazze. Perché il desiderio non smetterà mai di angustiarvi, potrete nasconderlo, ridimensionarlo, metterlo in un angolo, ma non passerà. Passerete voi, invece, e la vostra esistenza.

Iniziate una nuova narrazione. Concedetevi l’abbondanza.

 

Cinzia Pennati (Penny)

Insegnante, scrittrice e madre di due ragazze adolescenti.

Questo il suo blog sosdonne.com. Nelle librerie il suo romanzo Il matrimonio di mia sorella Ai figli ci sono cose da dire. Ediz. illustrata.

 

LEGGI ANCHE La cancellazione dei corpi di Lea Melandri, La teoria della donna malata di Johanna Hedva

 

 

Tratto da: https://comune-info.net/lannullamento-parte-dal-corpo/

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 91051

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 63

Dati aggiornati

al 03-03-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

#PIJANSACHET

Domenica 7 marzo 2021,

ore 10 (salvo annullamenti per maltempo).

Due punti di ritrovo: al Rondò Garibaldi o al Bar Dotta (Piazza della Libertà vicino alla Stazione ferroviaria) a Cuneo. Munirsi di guanti e sacchetti della spazzatura.

-------------------------------------

 Mario Nicola Rosso

La primavera di San Martino

   

Araba Fenice Editore

 

Il romanzo è ambientato a Cuneo, fra il 1854 e il 1859, dove vivono i giovani protagonisti prima di essere chiamati a combattere nella battaglia di San Martino: una battaglia sanguinosissima, nella quale ebbe un ruolo determinante la Brigata Cuneo, formata oltre che da cuneesi, da emigrati di ogni parte d'Italia, e a cui parteciparono, ignorate dalle cronache ufficiali, molte donne nei ruoli di infermiere e di vivandiere.

Gli anni che precedettero la Seconda Guerra di Indipendenza, anni che cambiarono il volto del Regno Sardo e della città di Cuneo, sono visti attraverso gli occhi dei protagonisti. Fu un'epoca di grandi trasformazioni, un'autentica primavera, che aprì il nostro Paese al progresso economico e allo sviluppo sociale: dal treno e dall'illuminazione a gas, alla costituzione delle prime casse di risparmio.
Il romanzo, che si conclude con la battaglia di San Martino, vuole anche essere un rispettoso omaggio alla povera gente, dimenticata dalla retorica ufficiale e quasi sempre inconsapevole degli ideali ispiratori dell'unificazione italiana, cui diede un fondamentale contributo di sangue.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI