ISTITUITO TAVOLO TECNICO SALUTE MENTALE

Istituito Tavolo tecnico salute mentale. Zampa: “Strumento per organizzare al meglio servizi di assistenza e cura delle patologie”

 

DA quotidianosanita@qsedizioni.it

12/2/2021 23:54

A  menteinpace@libero.it  



“Considero l’istituzione di questo Tavolo una buona notizia ed un ottimo punto di partenza per un lavoro delicato e complesso. La salute mentale costituisce parte integrante della salute e del benessere generale, così come definita anche dall’Organizzazione mondiale della sanità. È uno strumento che aiuterà ad organizzare al meglio i servizi deputati all’assistenza e alla cura delle patologie mentali", ha commentato la sottosegretaria alla Salute.

 

Con decreto della Sottosegretaria di Stato alla Salute Sandra Zampa del 26 gennaio 2021 è stato istituito il Tavolo di lavoro tecnico sulla salute mentale presso la Direzione Generale della prevenzione sanitaria del ministero della Salute. Il Decreto sostituisce il decreto del Ministro della salute 24 gennaio 2019 e il Decreto del Direttore generale della prevenzione sanitaria 17 giugno 2019.

Il Tavolo ha il compito di predisporre linee guida, linee di indirizzo e documenti scientifici, ivi compresi gli accordi sanciti in sede di Conferenza Stato-regioni e Conferenza unificata, e di verificare l’appropriatezza e la qualità dei percorsi di trattamento e riabilitazione erogati per i disturbi mentali. Lavorerà, inoltre, per individuare e affrontare, alla luce dei dati del Sistema informativo salute mentale, l’esistenza di eventuali criticità nei servizi territoriali e, a tal fine, elaborerà proposte per il loro superamento. Proporrà azioni operative e normative per favorire l’attuazione dei più appropriati modelli di intervento per la diagnosi, la cura e la riabilitazione psicosociale dei portatori di disagio psichico, finalizzati alla riduzione dei trattamenti sanitari obbligatori (TSO) e volontari, la contenzione meccanica e quella farmacologica/chimica.


“Considero l’istituzione di questo Tavolo una buona notizia ed un ottimo punto di partenza per un lavoro delicato e complesso. La salute mentale costituisce parte integrante della salute e del benessere generale, così come definita anche dall’Organizzazione mondiale della sanità. È uno strumento che aiuterà ad organizzare al meglio i servizi deputati all’assistenza e alla cura delle patologie mentali, la cui crescente diffusione comporta un elevato carico di disabilità e di costi economici e sociali per le persone colpite e per le loro famiglie”, commenta la Sottosegretaria di Stato alla Salute Sandra Zampa.

Il Tavolo di lavoro ha la durata di tre anni ed è composto da persone che rappresentano Istituzioni, realtà organizzate, società scientifiche e portatrici di interesse del mondo della salute mentale.


In particolare, del Tavolo di lavoro tecnico sulla salute mentale fanno parte:
• Dott.ssa Liliana La Sala, Ministero della salute, Direzione generale della prevenzione sanitaria
• Dott.ssa Maria Assunta Giannini, Ministero della salute, Direzione generale del personale, dell’organizzazione e del bilancio
•Dott. Emanuele Bottosso, Ministero della salute, Direzione generale della programmazione sanitaria
• Dott. Gianluca Voglino, Ministero della salute, Direzione generale delle professioni e delle risorse umane del servizio sanitario nazionale
• Dott.ssa Miriam Di Cesare, Ministero della salute, Direzione generale della digitalizzazione, dei sistemi informativi e di statistica
• Dott.ssa Chiriano Rossella, Ministero del lavoro e delle politiche sociali
• Prof. Raffaele Ciambrone, Ministero dell’istruzione (MI)
• Dott. Angelo Picardi, Istituto superiore di sanità (ISS)
• Dott. Giovanni Diana, Agenzia italiana del farmaco (AIFA)
• Dott. Fabrizio Starace, Società italiana di epidemiologia psichiatrica (SIEP)
• Dott.ssa Antonella Costantino, Società italiana di neuropsichiatria infantile (SINPIA)
• Dott. Massimo Di Giannantonio, Società italiana di psichiatria (SIP)
• Dott.ssa Daniela Rebecchi, Consiglio nazionale ordine psicologi (CNOP)
• Dott.ssa Cristiana Brandolin, Federazione nazionale ordini professioni infermieristiche (FNOPI)
• Cons. Giovanna Parravicini, Consiglio nazionale assistenti sociali (CNOAS)
• Dott.ssa Mila Ferri, Conferenza delle Regioni e Province autonome
• Dott.ssa Paola Sacchi, Conferenza delle Regioni e Province autonome
• Dott. Massimo Rosa, Conferenza delle Regioni e Province autonome
• Dott. Maurizio Mandolini, Associazione nazionale Comuni italiani (ANCI)
• Cons. Giacomo Bazzoni, Associazione nazionale Comuni italiani (ANCI)
• Ass. Pierfranco Maffè, Associazione nazionale Comuni italiani (ANCI)
• Sig.ra Gisella Trincas, Unione nazionale delle associazioni per la salute mentale (U.N.A.SA.M.)
• Sig.ra Lina Tali Mattioli Corona, Associazione italiana tutela salute mentale (A.I.T.Sa.M.)
• Dott. Angelo Fioritti, Collegio nazionale dei dipartimenti di salute mentale
• Dott.ssa Barbara Rosina, Fondazione nazionale assistenti sociali (FNAS)
• Dott.ssa Roberta Famulari, Federazione nazionale ordini di tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione (TSRM)
• Dott.ssa Rita Ardito, Consulta del Consiglio nazionale Ordine degli psicologi (CNOP)
• Dott. Cesare Giovanni Moro, Società italiana di scienze infermieristiche in salute mentale (SI.SI.SM.)
• Prof. Nerina Dirindin, esperto del Ministro
• Dott. Giancarlo Rigon, psichiatra, neuropsichiatra infantile
• Dott. Antonello D’Elia, Psichiatria Democratica.


“È necessario garantire maggiori investimenti nel campo della salute mentale ed offrire migliore accesso alle cure per tutti e ovunque. Dobbiamo batterci contro i pregiudizi verso le persone affette da disturbi mentali: sono donne, uomini, bambini e adolescenti, di cui dobbiamo prenderci cura per restituirli a una vita autonoma e piena. Indirizziamo le nostre azioni verso una salute mentale di comunità, attraverso servizi di prossimità, investendo nella sanità territoriale e mettendo sempre al centro la persona, perché senza salute mentale non può esserci salute” – conclude la Sottosegretaria Zampa.

 

 

Tratto da: http://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?articolo_id=92460&fr=n

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 91051

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 63

Dati aggiornati

al 03-03-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

#PIJANSACHET

Domenica 7 marzo 2021,

ore 10 (salvo annullamenti per maltempo).

Due punti di ritrovo: al Rondò Garibaldi o al Bar Dotta (Piazza della Libertà vicino alla Stazione ferroviaria) a Cuneo. Munirsi di guanti e sacchetti della spazzatura.

-------------------------------------

 Mario Nicola Rosso

La primavera di San Martino

   

Araba Fenice Editore

 

Il romanzo è ambientato a Cuneo, fra il 1854 e il 1859, dove vivono i giovani protagonisti prima di essere chiamati a combattere nella battaglia di San Martino: una battaglia sanguinosissima, nella quale ebbe un ruolo determinante la Brigata Cuneo, formata oltre che da cuneesi, da emigrati di ogni parte d'Italia, e a cui parteciparono, ignorate dalle cronache ufficiali, molte donne nei ruoli di infermiere e di vivandiere.

Gli anni che precedettero la Seconda Guerra di Indipendenza, anni che cambiarono il volto del Regno Sardo e della città di Cuneo, sono visti attraverso gli occhi dei protagonisti. Fu un'epoca di grandi trasformazioni, un'autentica primavera, che aprì il nostro Paese al progresso economico e allo sviluppo sociale: dal treno e dall'illuminazione a gas, alla costituzione delle prime casse di risparmio.
Il romanzo, che si conclude con la battaglia di San Martino, vuole anche essere un rispettoso omaggio alla povera gente, dimenticata dalla retorica ufficiale e quasi sempre inconsapevole degli ideali ispiratori dell'unificazione italiana, cui diede un fondamentale contributo di sangue.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI