TORINO. GUAI AI SENZA TETTO (Livio Pepino)

DA newsletter@volerelaluna.it

12/2/2021 13:51

A menteinpace@libero.it

 

 

«Guai ai poveri» ammonisce il titolo di un libro di Elisabetta Grande (Edizioni Gruppo Abele, 2017) dedicato alla «faccia triste dell’America», dove la povertà estrema è diventata parte integrante del paesaggio urbano, senza per questo produrre politiche solidali e di sostegno. E l’onda lunga dell’insofferenza non ha risparmiato l’Europa al punto che, per esempio, in Ungheria è vietato dormire per le strade, pena, se l’infrazione si ripete, il carcere (https://volerelaluna.it/mondo/2018/11/29/ungheria-la-dignita-dei-senzatetto-il-governo-la-corte-costituzionale/).

A Torino non ci si è ancora arrivati ma le avvisaglie non mancano. Se ne sono accorti persino, manifestando un cauto dissenso misto a imbarazzo, persino l’ineffabile TG3 regionale e le cronache cittadine di Stampa e Repubblica. Che cos’è successo, dunque, nel capoluogo piemontese?

Ha cominciato, a fine gennaio, il capo dei vigili urbani, Emanuele Bezzon: «Nessuno dia più un centesimo agli homeless del centro. Per loro, i portici e le piazze sono un bancomat». Un infortunio? Un eccesso di zelo? Non proprio. Difficilmente un funzionario si esprime in modo così esplicito senza la certezza di una copertura politica. E, infatti, la copertura è puntualmente arrivata: prima dalla vicesindaca, Sonia Schellino («La collocazione in una via centrale, sotto ai portici, consente visibilità e capacità di raccolta di offerte piuttosto consistenti. Spesso riceviamo richieste da parte di commercianti del centro che chiedono che la Città intervenga in termini di decoro») e, poi, dalla stessa sindaca Chiara Appendino («Già nel settembre 2018 avevo detto di non fare l’elemosina, e lo ribadisco. […] L’elemosina diventa una fonte di guadagno sufficiente a far rifiutare gli aiuti a disposizione»).

Momento di confusione collettiva o scelta politica consapevole? I dubbi sono fugati dalla bozza del nuovo “Regolamento per la tutela e il benessere degli animali” diffuso proprio in quei giorni, il cui punto 22 è esplicito e drastico: «È vietato, su tutto il territorio del Comune di Torino, utilizzare qualsiasi specie animale nella pratica dell’accattonaggio. […] Gli animali di cui sopra saranno sequestrati a cura degli organi di vigilanza e ricoverati al canile municipale, oppure in strutture definite in accordo con l’ufficio tutela animali». Nessun riferimento alle condizioni di vita degli animali (al cui benessere pure il regolamento è, stando alla rubrica, dedicato), ma solo all’attività dei loro possessori, descritta, per di più, in modo così generico da far intravedere l’obiettivo, neppur troppo occulto, di togliere i cani ai clochard (anche se accuditi e nutriti meglio dei loro padroni). Una punizione per gli uni e per gli altri. Una pura cattiveria.

Date le premesse, non stupiscono gli sviluppi del 4 febbraio, quando un commando di polizia municipale, supportato da camioncini dell’Amiat (la società che si occupa dei rifiuti nel capoluogo piemontese), ha cacciato i clochard che stazionavano sotto i portici delle vie del centro, non consentendo loro neppure di raccogliere cartoni e coperte, unici loro averi, considerati rifiuti e buttati nei camioncini per poi finire tra le immondizie. La versione degli autori del blitz è che l’operazione è stata fatta per indurre i senza dimora ad andare nei dormitori. Peccato che i dormitori torinesi siano pieni e non in grado di ospitare tutti i clochard della città (stimati in circa 2.500) e che la brutalità dello sgombero mostri, piuttosto, disprezzo per le persone e per le loro cose.

Il senso della manovra complessiva dell’amministrazione cittadina è univoco ed è stato immediatamente denunciato da un gruppo di associazioni (tra cui Gruppo Abele, Rainbow 4 Africa, CNCA, ASGI) che si occupano di disagio e immigrazione in città: «In nome del decoro delle piazze e dei portici del centro, con l’unico obiettivo di rendere invisibili le situazioni di più grave povertà agli occhi della città, si sta calpestando la dignità dei più fragili, di chi, sotto quei portici e in quelle piazze, è costretto a vivere e contraddice la tradizione solidale di una città come Torino. Queste dichiarazioni e questi provvedimenti, presi per giunta nei freddi mesi di gennaio e febbraio, in un periodo in cui la crisi economica acuita dalla pandemia ha aumentato il numero di senza fissa dimora, con associazioni del privato sociale e cittadini impegnati nel dare sostegno a chi ha meno, rappresentano bene lo scollamento in atto tra parte delle istituzioni e della cittadinanza. Lungi da noi credere che la povertà si contrasti solo con interventi assistenzialistici. Serve impegnarsi per eliminare le ragioni economiche e politiche che generano emarginazione e portano queste persone a essere costrette a vivere in strada. Come associazioni che operano quotidianamente a fianco di quanti sono segnati da situazioni di povertà estrema non vogliamo più diventare la foglia di fico dietro cui nascondere le vergogne della politica. E rinnoviamo al Comune di Torino e a tutte le istituzioni pubbliche interessate il nostro impegno ad aprire un confronto per studiare insieme, in maniera partecipata, azioni reali ed efficaci per la tutela e l’inclusione dei più fragili».

Non è la prima volta che in nome del decoro urbano (diventato un mantra dei vari decreti sicurezza varati indifferentemente da governi di destra e di centro sinistra) si attuano operazioni del genere. C’è una lunga e vergognosa casistica che percorre la penisola. Ma Torino, almeno sino ad oggi, ne era stata risparmiata, probabilmente in virtù di una storia secolare di attenzione al sociale e di una articolazione dei servizi, a partire dagli anni ’70 e ’80, particolarmente attenta ai più deboli. Ora accade, proprio mentre la pandemia ha accresciuto la povertà, le presenze nelle mense cittadine sono aumentate dell’80% e nei diversi centri di ascolto fanno la fila il 100% di persone in più.

Un solo commento. È ovvio che i problemi dei senza tetto non si risolvono con l’elemosina ma la sequenza dei fatti segnalati mostra che l’obiettivo di chi governa la città non è la realizzazione di interventi di sostegno e di inclusione ma, al contrario, quello di fare terra bruciata intorno agli ultimi, di cercare di nascondere la povertà invece di affrontarla, di ripulire il centro storico (scordandosi, contemporaneamente, delle periferie). Il tutto dimenticando che il decoro, anche a considerarlo un valore, si trasforma in ipocrisia se non è l’interfaccia di una società giusta in cui le persone vivono dignitosamente.

 

 

Tratto da: https://volerelaluna.it/territori/2021/02/06/torino-guai-ai-senza-tetto/

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 93203

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 59

Dati aggiornati

al 09-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

 MARIAPIA VELADIANO

ADESSO CHE SEI QUI

Guanda Editore

 

Incontriamo zia Camilla sulla piazza di un piccolo paese non lontano dal lago di Garda e dal corso dell’Adige. Per le borsette e i cappellini tutti la chiamano la Regina, e in effetti nel portamento assomiglia alla regina d’Inghilterra, con qualche stranezza in più. Qualcuno l’ha fatta sedere sulle pietre della fontana dove la raggiunge la nipote Andreina, e un pezzo di realtà di zia Camilla si ricompone. È l’esordio, così lo chiamano, di una malattia che si è manifestata a poco a poco, a giorni alterni, finché il mondo fuori l’ha vista e da quel momento è esistita per tutti, anche per lei. Zia ­Camilla è sempre vissuta in campagna tra fiori, galline e gli amati orologi, nella grande casa dove la nipote è cresciuta con lei e con zio Guidangelo. Ora Andreina, che è moglie e madre mentre la zia di figli non ne ha avuti, l’assiste affettuosamente e intanto racconta in prima persona il presente e il passato delle loro vite. Una narrazione viva ed energica, come zia Camilla è sempre stata e continua a essere. Intorno e insieme a loro, parenti, amiche, altre zie, donne ­venute da lontano che hanno un dono unico nel prendersi cura, tutte insieme per fronteggiare questo ospite ineludibile, il «signor Alzheimer», senza perdere mai l’allegria. Perché zia Camilla riesce a regalare a tutte loro la vita come dovrebbe ­essere, giorni felici, fatti di quel tempo ­presente che ormai nessuno ha più, e per questo ricchi di senso.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI