INFANZIA FELICE? NON È UNA GARANZIA PER UNA BUONA SALUTE MENTALE

È risaputo che un'infanzia difficile può aumentare la probabilità di malattie mentali, ma secondo una nuova ricerca dell'Università del South Australia, un'infanzia felice e sicura non sempre protegge un bambino dallo sviluppo di una malattia mentale più avanti nella vita.

Condotta in collaborazione con l'Università di Canberra, la scoperta fa parte di uno studio pubblicato su Current Psychology , che ha esaminato come le esperienze della prima infanzia si relazionano a diversi percorsi di sviluppo e come questi potrebbero essere associati a una cattiva salute mentale.

Dato che le esperienze infantili sia positive che negative si sono manifestate come ansia o altri disturbi di salute mentale nell'età adulta, i ricercatori ritengono che sia la nostra capacità di adattarci - o meglio non adattarsi - a scenari inaspettati che potrebbero influenzare la salute mentale.

In Australia, quasi il 50% della popolazione sperimenterà una malattia mentale a un certo punto della propria vita, con circa 314.000 bambini di età compresa tra 4 e 11 anni (quasi il 14%) che soffriranno di un disturbo mentale.

La spesa nazionale ricorrente per i servizi relativi alla salute mentale è stimata in $ 9,9 miliardi o circa $ 400 a persona.

Mentre lo studio ha riaffermato che le persone che hanno avuto esperienze di vita precoci avverse e imprevedibili avevano sintomi elevati di cattiva salute mentale (tra cui depressione e paranoia), ha anche scoperto che anche i bambini cresciuti in ambienti stabili e di supporto erano a rischio di manifestare sintomi di ansia in età adulta.

La ricercatrice capo e dottoranda, Bianca Kahl, di UniSA, afferma che lo studio evidenzia la natura indiscriminata della malattia mentale e rivela intuizioni chiave sui potenziali fattori di rischio per tutti i bambini.

"Poiché la prevalenza delle condizioni di salute mentale si espande, è imperativo che estendiamo anche la nostra conoscenza di questa condizione molto complessa e varia", dice Kahl.

"Questa ricerca mostra che le condizioni di salute mentale non sono determinate esclusivamente dai primi eventi della vita, e che un bambino che è cresciuto in una casa felice, potrebbe ancora crescere con un disturbo di salute mentale.

"Ci sono certamente alcuni fattori mancanti nella comprensione di come il nostro ambiente infantile e le prime esperienze di vita potrebbero tradursi in risultati di salute mentale nell'età adulta.

"Sospettiamo che siano le nostre aspettative sui nostri ambienti e la nostra capacità di adattarci a scenari in cui le nostre aspettative non vengono soddisfatte, a influenzare le nostre esperienze di angoscia.

"Se, da bambini, impariamo ad adattarci al cambiamento e impariamo come affrontare quando le cose non vanno come vogliamo, potremmo essere in una posizione migliore per rispondere allo stress e ad altri fattori di rischio per una cattiva salute mentale.

"La verifica di questa ipotesi è l'obiettivo del prossimo studio di ricerca".


Fonte della storia:

Materiali forniti dalla University of South Australia . Nota: il contenuto può essere modificato per stile e lunghezza.

Riferimento alla rivista :

1.       Bianca L. Kahl, Phillip S. Kavanagh, David H. Gleaves. Testare un modello di psicopatologia della storia della vita: una replica ed estensione . Psicologia corrente , 2020; DOI: 10.1007 / s12144-020-01062-y

 

 

 

Tratto da: https://www.sciencedaily.com/releases/2021/02/210207100710.htm

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 91051

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 63

Dati aggiornati

al 03-03-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

#PIJANSACHET

Domenica 7 marzo 2021,

ore 10 (salvo annullamenti per maltempo).

Due punti di ritrovo: al Rondò Garibaldi o al Bar Dotta (Piazza della Libertà vicino alla Stazione ferroviaria) a Cuneo. Munirsi di guanti e sacchetti della spazzatura.

-------------------------------------

 Mario Nicola Rosso

La primavera di San Martino

   

Araba Fenice Editore

 

Il romanzo è ambientato a Cuneo, fra il 1854 e il 1859, dove vivono i giovani protagonisti prima di essere chiamati a combattere nella battaglia di San Martino: una battaglia sanguinosissima, nella quale ebbe un ruolo determinante la Brigata Cuneo, formata oltre che da cuneesi, da emigrati di ogni parte d'Italia, e a cui parteciparono, ignorate dalle cronache ufficiali, molte donne nei ruoli di infermiere e di vivandiere.

Gli anni che precedettero la Seconda Guerra di Indipendenza, anni che cambiarono il volto del Regno Sardo e della città di Cuneo, sono visti attraverso gli occhi dei protagonisti. Fu un'epoca di grandi trasformazioni, un'autentica primavera, che aprì il nostro Paese al progresso economico e allo sviluppo sociale: dal treno e dall'illuminazione a gas, alla costituzione delle prime casse di risparmio.
Il romanzo, che si conclude con la battaglia di San Martino, vuole anche essere un rispettoso omaggio alla povera gente, dimenticata dalla retorica ufficiale e quasi sempre inconsapevole degli ideali ispiratori dell'unificazione italiana, cui diede un fondamentale contributo di sangue.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI