GERMOGLI (Eliana Brizio)

Lasciar scorrere la paura

imparando a prendere le giuste distanze

 

DA info@noosoma.it

lu 15/02/21 14:37

A menteinpace@libero.it

 

Da alcuni giorni ho un sottofondo di costante tristezza, per nessun apparente motivo e niente in particolare.

Se smetto di ascoltarla mi accorgo con quale facilità si trasforma in irritazione e/o giudizio per qualunque pretesto si presenti ai miei occhi, e la conseguenza ormai conosciuta e sperimentata decine e decine di volte è che, a seguire quella strada, troverò cibo cattivo e poco nutriente.

Mentre ascolto la tristezza mi pervade la paura: arriva all’improvviso, la vera paura di ciò che può succedere in questa “follia collettiva” dove si può immaginare il punto di esplosione a distruggere gli equilibri e trovarci invasi dall’odio e dalle conseguenze che ne possono derivare.

Se torno alla mia paura e lascio che scorra, la sento talmente forte e fisica che si trasforma.

All’improvviso mi ritrovo in un sottobosco che mi collega ad un raccolto e intimo viaggio lontano da ciò che circonda e invade le nostre case, e soprattutto dai bisogni di ogni essere umano. Prendo la distanza, quella necessaria distanza per guardare le cose da punti differenti e rimanere connessi con la necessità di trovare pillole adeguate per curare la grande “Carenza di umanità”.

Mentre mi muovo nel sottobosco ne percepisco l’odore acre e intenso, umido, sento i passi uno dopo l’altro scandire il percorso, sento il rumore ovattato e quasi intimo, di quella intimità a noi molto cara.

Intravedo la luce infiltrarsi tra un ramo e l’altro, la vedo farsi strada anche se tutto è molto fitto, oppure vedo le foglie con colori diversi a dirmi che c’è luce che arriva da qualche parte, anche se non è così nitida.

Guardo le foglie: sembrano sorridermi e incoraggiarmi a proseguire.

Avanzo col sapere del corpo (il sapere del corpo non si chiede se è giusto o sbagliato ciò che stai facendo, è quel sapere che non fa morire prima del tempo) e con la certezza di arrivare al mare so che troverò l’immensità, l’appartenenza, l’infinito… ingredienti di sintesi.

Vengo accompagnata nel sottobosco in una delle tante possibili forme di raccoglimento.
Più si sente urlare, più c’è necessità di ricercare il silenzio e lasciare che queste urla finiscano nell’immensità dello spazio e si diluiscano, perché a dargli retta prenderanno forza e forma e ci confonderanno, ci faranno sentire inadeguati, e soprattutto impotenti.

Raccogliermi per aspettare di vedere il seme germogliare e all’improvviso uscire dalla terra, fino a poco prima apparentemente priva di vita.

Mentre guardo questi germogli sento di non volere dare ascolto a chi mi fa vivere e camminare come se fossi 24 ore su 24 in un precipizio.

Ho sete e fame di continuare ad apprendere da chi, nonostante tutto, continua a ricercare il senso e il valore della propria vita.

Li cerco ogni giorno e ne trovo molti, li trovo oltre quei muri pieni di crepe, di instabilità, muri che ostacolano la visione della vita, le potenzialità. Hanno piccoli gesti quali tenersi per mano, cercarsi, dirsi che ci siamo, e ci siamo per le cose semplici, perché se c’è qualcosa che in questo cammino sto trovando è la necessità di un quotidiano fatto di cose semplici.

Così come questi germogli ….

Eliana Brizio

 

Tratto da: https://www.noosoma.it/germogli/

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 95373

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 70

Dati aggiornati

al 10-05-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

Francesco De Filippo

Maria Frega

Filosofia per i prossimi umani

Come sarà la nostra vita tra vent'anni secondo

letterati, storici, antropologi e climatologi

 

Giunti Editore

 

Se vi chiedessero all'improvviso: pensate a un'immagine che possa rappresentare la nostra realtà occidentale contemporanea, cosa vi verrebbe in mente? Forse una risposta azzeccata potrebbe essere quella di una comunità nevrotica, instancabile, ebbra di miliardi di connessioni, relazioni, produzioni, che corre disperatamente, ma priva di meta e senza avere uno specifico obiettivo. Ciò che manca in questa immagine è un orientamento, una consapevolezza, un senso; in una parola, filosofia. È il paradosso che serpeggia nelle nostre società: scarseggia non la materia di Socrate e Kant, considerata oggi disciplina antica, lenta, apparentemente incompatibile con i social, la genetica, le neuroscienze, i viaggi spaziali; ma ciò che da essa scaturisce: la capacità di critica, di riflessione e comprensione delle dinamiche sociali e della relazione tra l'essere umano e il contesto in cui trascorre la propria esistenza. Siamo alla vigilia di una nuova rivoluzione tecnologica e la necessità di "avvolgere" tutti i cambiamenti in un reticolo di nuovo umanesimo, si fa ancora più urgente. Potremmo dire che abbiamo individuato il paradosso dopo aver terminato il precedente volume Prossimi umani, una fotografia del mondo come sarà dal punto di vista scientifico-tecnologico. Un'incoerenza che questo nuovo libro tenta di risolvere con un approccio umanistico, nella convinzione che non solo scienziati ma filosofi, sociologi, giornalisti e letterati siano chiamati a rispondere a domande sul ruolo degli esseri umani in un mondo di macchine e robot, all'organizzazione da dare a comunità composte da uomini frutto di modifiche genetiche o neuronali, alle cautele da adottare per difendersi da un pianeta controllato da quattro o cinque technocorporations.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI