(BEN)VENUTO IL MINISTERO DELLA TRANSIZIONE ECOLOGICA (Alessandro Mortarino)

DA info@altritasti.it

18/2/2021 11:29

A menteinpace@libero.it

 

 

di Alessandro Mortarino

 

Dal cilindro magico di un GrilloDraghi (insetto ortottero o figura mitologica?) è saltato fuori all'improvviso un salvifico coniglio (mammifero lagomorfo della famiglia dei Leporidi o figura mitologica?) che ha sciolto tutti i contorti nodi del dissidio politico italiano e dato il via libera alla formazione di un nuovo governo dalle larghe intese e dalle strette garanzie. Ci riferiamo, ovviamente, al neonato Ministero della Transizione ecologica, novità assoluta nel panorama nazionale e grande opportunità per affermare la primazia della tutela dell'ambiente rispetto agli aspetti economici-finanziari. Opportunità vera? Se leggiamo bene nelle parole, qualche dubbio è lecito agitarlo nelle nostre menti sbalordite...

Mi limito a due banalissime considerazioni.

La prima è legata ai due termini che danno corpo al nuovo Ministero secondo l'ineccepibile Treccani:

Transizióne. Passaggio da un modo di essere o di vita a un altro, da una condizione o situazione a una nuova e diversa;  periodo che segna il passaggio da una civiltà a un’altra, durante il quale si maturano nuove forme sociali e di costume, nuove concezioni e produzioni culturali, letterarie, artistiche.


Ecològico. Dell’ecologia, che si riferisce all’ecologia; in particolare, fattori e., i fattori che determinano la distribuzione degli organismi sulla Terra: per es., il clima, il tipo di suolo, e in via subordinata le piante stesse, gli animali e anche l’uomo.


Non siamo adepti dell'Accademia della Crusca ma a noi questo binomio suggerisce il concetto di un transito tra un oggi che non rispetta l'ambiente (mai dichiarato dalle nostre Istituzioni) e un domani che invece ne prevede la salvaguardia. Papa Francesco parla di "conversione ecologica" e ci pare molto corretto: prima del passaggio occorre convertirsi, avere coscienza di una trasformazione necessaria che ci sospinga verso il traguardo.

Forse ci siamo persi un passaggio; è come se decidessimo di caricare tutta la famiglia in auto e partire per una meritata vacanza senza avere definito una meta: mare, montagna, lago, campagna, città d'arte? A bordo, generici bagagli che sicuramente si mostreranno inadeguati (mai provato a camminare in infradito su sentieri rocciosi o fare un tuffo tra le onde indossando una giacca a vento? Provate, sarà un'esperienza...).

Apparentemente la nuova creatura ministeriale una meta ce l'ha (l'ambiente), ma sorprende che un Ministero di così rilevante portata non abbia però competenza diretta sulle strategie connesse allo sviluppo economico, cioè il processo di cambiamento quantitativo e qualitativo dell'industria nazionale, ma solo su quelle energetiche e su quelle ambientali.

Occorre dire che, parallelamente, scomparirà il Ministero dell'Ambiente e non c'è da stupirsi: il Ministero della Transizione ecologica è il nuovo Ministero dell'Ambiente. Con  un po' di energia in più e un fulmineo cambio di insegna. Tutto qui.


In ultimo, il neo Ministro è un rinomato fisico, fondatore dell'Istituto Italiano di Tecnologia, manager e conferenziere, dal 2019 responsabile del dipartimento tecnologia e innovazione del gruppo Leonardo (ex Finmeccanica), azienda detenuta al 30% dallo Stato e operante nei settori dell'Aerospazio, Difesa e Sicurezza (sistemi di combattimento, guerra elettronica, artiglieria e molto altro). E' anche autore o co-autore, nell'arco degli ultimi 40 anni, di oltre 1000 pubblicazioni su riviste internazionali; un ritmo impressionante. Praticamente ha firmato una pubblicazione scientifica ogni 10 giorni: davvero un fisico bestiale!

Forse Papa Francesco ci ha azzeccato: prima di transitare ci si dovrebbe convertire. Tutti quanti...

 

 

Tratto da: http://www.altritasti.it/index.php/archivio/i-nostri-editoriali/4704-ben-venuto-il-ministero-della-transizione-ecologica

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 115.714

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 101

Dati aggiornati

al 05-12-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Umberto Galimberti 

Il libro delle emozioni

Feltrinelli, 2021

 

La mente e il cuore. Platone invita a privilegiare la mente razionale capace di governare le passioni del cuore. Ma noi non possiamo dimenticare che anche il cuore ha le sue ragioni. Anzi, prima che la mente giungesse a guidare la vita dell’uomo, per i nostri antenati la vita era governata dal cuore, che con le sue sensazioni giungeva a capire, come peraltro fanno gli animali, in modo rapido e senza riflettere, che cosa è vantaggioso e che cosa è pericoloso per il mantenimento della vita. Il cuore promuove le azioni più rapidamente della ragione e senza troppo indugiare sul da farsi, perché il mondo non è ospitale e i pericoli, che sono a ogni passo, richiedono decisioni immediate. Le decisioni del cuore sono promosse dalle emozioni come la paura che il cuore avverte di fronte al pericolo, o come il desiderio che approda all’accoppiamento per la preservazione della specie. Tutto questo senza riflettere, perché la luce della ragione ancora non c’è. La nostra è un’epoca di spaventosa espansione della razionalità tecnica. Da un lato, questa espansione impone la rimozione delle emozioni e dall’altro innesca una reazione di ritirata emotiva nel proprio sentimento, assunto come unica legge di vita. A questo si aggiungono la ricerca costante di visibilità e di notorietà, che trasformano le nostre emozioni in merci. Ma allora siamo ancora capaci di riconoscere che cosa sia un’emozione? Umberto Galimberti costruisce un cammino straordinario nelle profondità del nostro vissuto e ci insegna a ritrovare il nostro spazio intimo, cioè lo spazio che si nega al pubblico per concederlo a chi si vuol fare entrare nel proprio segreto profondo e spesso ignoto a noi stessi.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI