CUNEESI VOLONTARI PULISCONO L’AMBIENTE (Erica Giraudo)

Con guanti e sacchetti a raccogliere spazzatura al parco o sul viale

 

L'iniziativa a favore dell'ambiente partita da una coppia di Cuneo, che sta facendo proseliti anche in giro per l'Italia

 

di Erica Giraudo - 

 

Cuneo – Si chiama “Pijansachèt” (in piemontese vuol dire “prendi un sacchetto” – NdR) ed è l’iniziativa, a favore dell’ambiente, partita da una coppia di Cuneo che, in poche settimane, ha prima coinvolto gli amici e poi è diventata una buona pratica da copiare, addirittura anche a Roma. Tutte le domeniche mattina, con guanti e sacchetti, passeggiano sul viale Angeli o nel Parco fluviale e raccolgono ogni genere d’immondizia.

“Dopo che ci hanno permesso di camminare un po’ oltre i 200 metri sotto casa del periodo di chiusura totale – raccontano gli ideatori di quello che sta  diventando il collettivo creativo Calzaap – abbiamo iniziato a passeggiare nel Parco fluviale e sul viale. Ci siamo accorti che c’era un sacco d’immondizia e abbiamo deciso di tornare con guanti e borse per raccoglierla. Dato che abbiamo una bella compagnia di amici, altri si sono uniti e ora siamo una ventina”. Tutte le domeniche si trovano alle 10, si dividono in gruppetti e camminano, raccogliendo bottiglie, mascherine, plastica, etc. “Abbiamo anche trovato due bici smontate e, alle Basse, degli accampamenti con poltrone, divani, scarpe che abbiamo segnalato al Comune – aggiungono -.

Ci portiamo a casa ciò che raccogliamo, lo dividiamo in base alla tipologia di rifiuto e lo smaltiamo nella differenziata”.

Durante le uscite, scattano foto che pubblicano sulla pagina Instagram dedicata che, in pochissimo tempo, ha superato i 100 seguaci. “In tanti, soprattutto giovani, ci chiamano per venire con noi – raccontano -, ma, dato che non si possono fare assembramenti, diciamo a tutti di fare la raccolta dove vogliono e poi pubblicare le foto con #pijansachet per fare gruppo virtualmente. I benefici sono tanti: attività fisica, condivisione mantenendo la distanza interpersonale e diffusione di buone pratiche che alimentano il senso civico”. Domenica l’appuntamento è alla 10 al rondò Garibaldi e alla stazione ferroviaria.
Ma il progetto si sta già evolvendo. “Stiamo creando, grazie a un commercialista e un’assicurazione che ci aiutano, un’associazione, “Calzaap”, per ampliare i progetti e tutelare chi partecipa – concludono-. Vorremmo far fare delle pettorine di riconoscimento e un kit, con sacchetti biodegradabili e guanti lavabili, da mettere a disposizione dei volontari”.

 

 

Tratto da:

 

https://www.laguida.it/2021/02/18/con-guanti-e-sacchetti-a-raccogliere-spazzatura-al-parco-o-sul-viale/

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 93203

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 59

Dati aggiornati

al 09-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

 MARIAPIA VELADIANO

ADESSO CHE SEI QUI

Guanda Editore

 

Incontriamo zia Camilla sulla piazza di un piccolo paese non lontano dal lago di Garda e dal corso dell’Adige. Per le borsette e i cappellini tutti la chiamano la Regina, e in effetti nel portamento assomiglia alla regina d’Inghilterra, con qualche stranezza in più. Qualcuno l’ha fatta sedere sulle pietre della fontana dove la raggiunge la nipote Andreina, e un pezzo di realtà di zia Camilla si ricompone. È l’esordio, così lo chiamano, di una malattia che si è manifestata a poco a poco, a giorni alterni, finché il mondo fuori l’ha vista e da quel momento è esistita per tutti, anche per lei. Zia ­Camilla è sempre vissuta in campagna tra fiori, galline e gli amati orologi, nella grande casa dove la nipote è cresciuta con lei e con zio Guidangelo. Ora Andreina, che è moglie e madre mentre la zia di figli non ne ha avuti, l’assiste affettuosamente e intanto racconta in prima persona il presente e il passato delle loro vite. Una narrazione viva ed energica, come zia Camilla è sempre stata e continua a essere. Intorno e insieme a loro, parenti, amiche, altre zie, donne ­venute da lontano che hanno un dono unico nel prendersi cura, tutte insieme per fronteggiare questo ospite ineludibile, il «signor Alzheimer», senza perdere mai l’allegria. Perché zia Camilla riesce a regalare a tutte loro la vita come dovrebbe ­essere, giorni felici, fatti di quel tempo ­presente che ormai nessuno ha più, e per questo ricchi di senso.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI