CUNEESI VOLONTARI PULISCONO L’AMBIENTE (Erica Giraudo)

Con guanti e sacchetti a raccogliere spazzatura al parco o sul viale

 

L'iniziativa a favore dell'ambiente partita da una coppia di Cuneo, che sta facendo proseliti anche in giro per l'Italia

 

di Erica Giraudo - 

 

Cuneo – Si chiama “Pijansachèt” (in piemontese vuol dire “prendi un sacchetto” – NdR) ed è l’iniziativa, a favore dell’ambiente, partita da una coppia di Cuneo che, in poche settimane, ha prima coinvolto gli amici e poi è diventata una buona pratica da copiare, addirittura anche a Roma. Tutte le domeniche mattina, con guanti e sacchetti, passeggiano sul viale Angeli o nel Parco fluviale e raccolgono ogni genere d’immondizia.

“Dopo che ci hanno permesso di camminare un po’ oltre i 200 metri sotto casa del periodo di chiusura totale – raccontano gli ideatori di quello che sta  diventando il collettivo creativo Calzaap – abbiamo iniziato a passeggiare nel Parco fluviale e sul viale. Ci siamo accorti che c’era un sacco d’immondizia e abbiamo deciso di tornare con guanti e borse per raccoglierla. Dato che abbiamo una bella compagnia di amici, altri si sono uniti e ora siamo una ventina”. Tutte le domeniche si trovano alle 10, si dividono in gruppetti e camminano, raccogliendo bottiglie, mascherine, plastica, etc. “Abbiamo anche trovato due bici smontate e, alle Basse, degli accampamenti con poltrone, divani, scarpe che abbiamo segnalato al Comune – aggiungono -.

Ci portiamo a casa ciò che raccogliamo, lo dividiamo in base alla tipologia di rifiuto e lo smaltiamo nella differenziata”.

Durante le uscite, scattano foto che pubblicano sulla pagina Instagram dedicata che, in pochissimo tempo, ha superato i 100 seguaci. “In tanti, soprattutto giovani, ci chiamano per venire con noi – raccontano -, ma, dato che non si possono fare assembramenti, diciamo a tutti di fare la raccolta dove vogliono e poi pubblicare le foto con #pijansachet per fare gruppo virtualmente. I benefici sono tanti: attività fisica, condivisione mantenendo la distanza interpersonale e diffusione di buone pratiche che alimentano il senso civico”. Domenica l’appuntamento è alla 10 al rondò Garibaldi e alla stazione ferroviaria.
Ma il progetto si sta già evolvendo. “Stiamo creando, grazie a un commercialista e un’assicurazione che ci aiutano, un’associazione, “Calzaap”, per ampliare i progetti e tutelare chi partecipa – concludono-. Vorremmo far fare delle pettorine di riconoscimento e un kit, con sacchetti biodegradabili e guanti lavabili, da mettere a disposizione dei volontari”.

 

 

Tratto da:

 

https://www.laguida.it/2021/02/18/con-guanti-e-sacchetti-a-raccogliere-spazzatura-al-parco-o-sul-viale/

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 95455

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 70

Dati aggiornati

al 11-05-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

Francesco De Filippo

Maria Frega

Filosofia per i prossimi umani

Come sarà la nostra vita tra vent'anni secondo

letterati, storici, antropologi e climatologi

 

Giunti Editore

 

Se vi chiedessero all'improvviso: pensate a un'immagine che possa rappresentare la nostra realtà occidentale contemporanea, cosa vi verrebbe in mente? Forse una risposta azzeccata potrebbe essere quella di una comunità nevrotica, instancabile, ebbra di miliardi di connessioni, relazioni, produzioni, che corre disperatamente, ma priva di meta e senza avere uno specifico obiettivo. Ciò che manca in questa immagine è un orientamento, una consapevolezza, un senso; in una parola, filosofia. È il paradosso che serpeggia nelle nostre società: scarseggia non la materia di Socrate e Kant, considerata oggi disciplina antica, lenta, apparentemente incompatibile con i social, la genetica, le neuroscienze, i viaggi spaziali; ma ciò che da essa scaturisce: la capacità di critica, di riflessione e comprensione delle dinamiche sociali e della relazione tra l'essere umano e il contesto in cui trascorre la propria esistenza. Siamo alla vigilia di una nuova rivoluzione tecnologica e la necessità di "avvolgere" tutti i cambiamenti in un reticolo di nuovo umanesimo, si fa ancora più urgente. Potremmo dire che abbiamo individuato il paradosso dopo aver terminato il precedente volume Prossimi umani, una fotografia del mondo come sarà dal punto di vista scientifico-tecnologico. Un'incoerenza che questo nuovo libro tenta di risolvere con un approccio umanistico, nella convinzione che non solo scienziati ma filosofi, sociologi, giornalisti e letterati siano chiamati a rispondere a domande sul ruolo degli esseri umani in un mondo di macchine e robot, all'organizzazione da dare a comunità composte da uomini frutto di modifiche genetiche o neuronali, alle cautele da adottare per difendersi da un pianeta controllato da quattro o cinque technocorporations.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI