L’ASSOCIAZIONE ISLAMICA DELLA PROVINCIA DI CUNEO

Questo è il testo proposto dall’Associazione al sito del Progetto La BOA.

 

L’associazione islamica della provincia di Cuneo è stata fondata nel 1998 e persegue finalità culturali, educative, umanitarie, religiose, ricreative e per l’integrazione e la solidarietà sociale.

L’associazione mira ha promuovere e favorire il dialogo interculturale e interreligioso nella società, dando spazio ai valori della tolleranza, della cooperazione e della fratellanza in una società multietnica e multiculturale fondata sui valori fondamentali della Repubblica italiana.

In particolare l’Associazione, nell’ambito dei suoi scopi, si propone di:

-         Tutelare gli interessi morali e materiali della comunità islamica, garantendo ad essa la fruizione dei diritti culturali e cultuali;  individuando spazi per la preghiera comunitaria e nelle festività, e spazi cimiteriali idonei per la sepoltura dei musulmani, la quale è in corso d’opera e aprirà prossimamente, a Dio piacendo.

-         Promuovere iniziative di dialogo interreligiose e interculturale; l’associazione da anni organizza incontri per il dialogo interreligioso, in modo particolare quello islamico-cristiano, che è un’occasione per i concittadini cristiani per conoscere da vicino l’Islam.

-         Educare ai valori della cittadinanza e del vivere comune e favorire l’effettivo e completo inserimento nel tessuto sociale e culturale italiano dei musulmani; l’associazione ha intense relazioni con le componenti della società civile, essa organizza sessioni e convegni per sensibilizzare i musulmani a proposito dei loro diritti e dei loro doveri nella società in cui vivono.

-         Operare ai fini di denunciare e isolare tutte le disparità basate sul sesso, sulla razza, sulla religione in seno alla società italiana; l’associazione è in relazione con le autorità locali per risolvere i problemi dei musulmani sia per quanto riguarda la macellazione rituale o il porto del velo per le musulmane nelle fototessere dei documenti ufficiali.

-         Organizzare corsi per fa conoscere l’islam da vicino nelle scuole pubbliche.

 

L’Associazione gestisce il Centro di Cultura Islamica di Cuneo, principale luogo di preghiera e di aggregazione della comunità islamica della provincia; Promuove inoltre corsi per l’insegnamento della lingua araba ai figli dei musulmani; i corsi sono frequentati annualmente da circa 150 bambini e ragazzi.

 

 

Per maggiori info visitate il nostro sito: www.islamcuneo.it

Email: info@islamcuneo.it

Tel. 0171 690008 - 333 3441901 

Sede: C.so Antonio Gramsci, 34 - 12100 Cuneo  

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 90913

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 65

Dati aggiornati

al 28-2-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

#PIJANSACHET

Domenica 7 marzo 2021,

ore 10 (salvo annullamenti per maltempo).

Due punti di ritrovo: al Rondò Garibaldi o al Bar Dotta (Piazza della Libertà vicino alla Stazione ferroviaria) a Cuneo. Munirsi di guanti e sacchetti della spazzatura.

-------------------------------------

 Mario Nicola Rosso

La primavera di San Martino

   

Araba Fenice Editore

 

Il romanzo è ambientato a Cuneo, fra il 1854 e il 1859, dove vivono i giovani protagonisti prima di essere chiamati a combattere nella battaglia di San Martino: una battaglia sanguinosissima, nella quale ebbe un ruolo determinante la Brigata Cuneo, formata oltre che da cuneesi, da emigrati di ogni parte d'Italia, e a cui parteciparono, ignorate dalle cronache ufficiali, molte donne nei ruoli di infermiere e di vivandiere.

Gli anni che precedettero la Seconda Guerra di Indipendenza, anni che cambiarono il volto del Regno Sardo e della città di Cuneo, sono visti attraverso gli occhi dei protagonisti. Fu un'epoca di grandi trasformazioni, un'autentica primavera, che aprì il nostro Paese al progresso economico e allo sviluppo sociale: dal treno e dall'illuminazione a gas, alla costituzione delle prime casse di risparmio.
Il romanzo, che si conclude con la battaglia di San Martino, vuole anche essere un rispettoso omaggio alla povera gente, dimenticata dalla retorica ufficiale e quasi sempre inconsapevole degli ideali ispiratori dell'unificazione italiana, cui diede un fondamentale contributo di sangue.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI