IL PHUBBING: UNA NUOVA FORMA DI ESCLUSIONE SOCIALE (Giorgia Lauro)

IL TERMINE PHUBBING È STATO CREATO DALLA COMBINAZIONE DELLE PAROLE “PHONE”, TELEFONO, E “SNUBBING”, SNOBBARE. FA RIFERIMENTO AD UNA SITUAZIONE SOCIALE IN CUI UNA PERSONA INTERAGISCE CON IL PROPRIO CELLULARE O ALTRO DISPOSITIVO, PIUTTOSTO CHE INTERAGIRE CON LA PERSONA PRESENTE.

 

DA redazione@psiconline.it

 

A  menteinpace@libero.it

 

Quando ci troviamo all'interno di una relazione, sia essa amicale o intima, e l'altro ci sta ignorando perché impegnato ad interagire con il proprio smartphone, siamo di fronte al cosiddetto “phubbing”.

Il termine Phubbing è stato creato dalla combinazione delle parole “Phone”, telefono, e “Snubbing”, snobbare. Fa riferimento ad una situazione sociale in cui una persona interagisce con il proprio cellulare o altro dispositivo, piuttosto che interagire con la persona presente.

In un'interazione sociale, un “phubber” può essere definito come la persona che inizia ad interagire con il proprio dispositivo, mentre un “phubbee” è colui/colei che è destinatario del comportamento di phubbing.

L'uso di questo e di altri termini relativi all'uso dei dispositivi mobili mette in luce un problema crescente con i diversi tipi di tecnologia, incluso il delicato equilibrio di condivisione del tempo e dell'attenzione quando si affrontano due interazioni molto diverse nello stesso momento.

Il fenomeno del Phubbing è molto comune, almeno nelle culture occidentali. In una recente indagine statunitense, nove intervistati su dieci hanno affermato di aver usato il proprio smartphone durante la loro attività sociale più recente.

Vi è anche la prova di come esso sia socialmente dannoso, lasciando le persone meno soddisfatte delle loro interazioni faccia a faccia e generando sentimenti di risentimento e isolamento.

È proprio un recente studio pubblicato sul Journal of Applied Social Psychology che ha esplorato le ragioni di questi effetti.

I risultati si basano sul Dottorato di ricerca di Varoth Choptitayasunondh presso l'Università di Kent, Inghilterra, che, insieme alla co-autrice, Karen Douglas, ha chiesto ad un gruppo di partecipanti di sesso femminile (età media, 19 anni) di assistere ad un'animazione di tre minuti in raffigurante una conversazione tra due persone.

A loro è stato chiesto di immaginare se stessi come una delle persone nell'animazione, e successivamente esprimere giudizi sulla conversazione e su come si sentivano.

Vi erano tre condizioni in cui il compagno di conversazione del partecipante variava in termini di utilizzo del telefono cellulare durante la conversazione.

Nella prima condizione, il telefono dell'interlocutore dei partecipanti è rimasto inutilizzato sul tavolo durante tutta la conversazione.

Nella seconda condizione, l'attenzione dell'interlocutore è stata rapidamente attirata da qualcosa sul proprio telefono, trascorrendo il resto dell'interazione facendo phubbing, mantenendo lo sguardo sullo schermo mentre periodicamente ridacchiavano per ciò che visualizzano.

La terza condizione era caratterizzata da un'interazione in cui l'interlocutore dei partecipanti si impegnava in esplosioni di phubbing intervallati da periodi in cui ignoravano il telefono.

I 128 partecipanti hanno quindi vissuto diverse tipologie di phubbing. Tuttavia, maggiore era presente l'esperienza di phubbing peggiore era considerata la qualità dell'interazione.

I ricercatori ritengono che il phubbing abbia questo effetto perché viene vissuto come forma di esclusione sociale, analogo a quando le persone non hanno altra scelta che mangiare da soli nella caffetteria della scuola o scoprire che i loro amici non rispondono alle loro chiamate.

La caratteristica di tale fenomeno è che questa esclusione si verifica durante la condivisione di un incontro fisico e, almeno a livello teorico, di un'interazione.

Coerentemente con questi dati, i due autori hanno scoperto che il phubbing ha influenzato negativamente i bisogni fondamentali dei partecipanti, incluso il loro senso di appartenenza, il bisogno di significato e autostima, proprio come è stato riscontrato per le forme più tradizionali di esclusione sociale.

Più il phubbing minacciava questi bisogni, più i partecipanti si sentivano male riguardo all'interazione e alla relazione, e questo era vero indipendentemente da quanto fossero tipici e socialmente accettabili tali comportamenti.

Gli autori suggeriscono l'importanza di condurre ulteriori ricerche su tali meccanismi, in quanto i suddetti risultati mettono in risalto un aspetto sottile ma onnipresente della nostra esperienza quotidiana, che può facilmente creare circoli viziosi di distacco ed elicitare sensazioni in cui, anche se circondati da persone, ci si sente soli ed esclusi.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

Tratto da: https://www.psiconline.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16442:il-phubbing-una-nuova-forma-di-esclusione-sociale&catid=17

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 95373

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 70

Dati aggiornati

al 10-05-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

Francesco De Filippo

Maria Frega

Filosofia per i prossimi umani

Come sarà la nostra vita tra vent'anni secondo

letterati, storici, antropologi e climatologi

 

Giunti Editore

 

Se vi chiedessero all'improvviso: pensate a un'immagine che possa rappresentare la nostra realtà occidentale contemporanea, cosa vi verrebbe in mente? Forse una risposta azzeccata potrebbe essere quella di una comunità nevrotica, instancabile, ebbra di miliardi di connessioni, relazioni, produzioni, che corre disperatamente, ma priva di meta e senza avere uno specifico obiettivo. Ciò che manca in questa immagine è un orientamento, una consapevolezza, un senso; in una parola, filosofia. È il paradosso che serpeggia nelle nostre società: scarseggia non la materia di Socrate e Kant, considerata oggi disciplina antica, lenta, apparentemente incompatibile con i social, la genetica, le neuroscienze, i viaggi spaziali; ma ciò che da essa scaturisce: la capacità di critica, di riflessione e comprensione delle dinamiche sociali e della relazione tra l'essere umano e il contesto in cui trascorre la propria esistenza. Siamo alla vigilia di una nuova rivoluzione tecnologica e la necessità di "avvolgere" tutti i cambiamenti in un reticolo di nuovo umanesimo, si fa ancora più urgente. Potremmo dire che abbiamo individuato il paradosso dopo aver terminato il precedente volume Prossimi umani, una fotografia del mondo come sarà dal punto di vista scientifico-tecnologico. Un'incoerenza che questo nuovo libro tenta di risolvere con un approccio umanistico, nella convinzione che non solo scienziati ma filosofi, sociologi, giornalisti e letterati siano chiamati a rispondere a domande sul ruolo degli esseri umani in un mondo di macchine e robot, all'organizzazione da dare a comunità composte da uomini frutto di modifiche genetiche o neuronali, alle cautele da adottare per difendersi da un pianeta controllato da quattro o cinque technocorporations.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI