ACCOMPAGNARE È PIÙ DI UN VERBO (Alessandra Ballerini)

Gli studi di avvocati che accolgono donne e uomini migranti, che ogni giorno devono difendersi e tentare di ribaltare lo stato di irregolarità in cui sono costretti a vivere dal sistema normativo, resta un microcosmo importante. Spesso l’accompagnatore è un amico o un familiare. Nel migliore dei casi un educatore o assistente sociale. Nel peggiore dei casi lo sfruttatore, la maman, il padrone di casa, sotto mentite spoglie. A volte sono perfino i clienti “affezionati” delle prostitute. “Ma nella maggior parte dei casi l’accompagnatore è un sollievo, un sostegno, a volte persino una sorta di insperata nuova famiglia… – scrive Alessandra Ballerini su la Repubblica Genova – Accompagnare è molto più che un verbo, è una carezza, una speranza, una promessa…”

 

DA newsletter@ml.comune-info.net

 

A  menteinpace@libero.it  

 

Vengono quasi sempre accompagnati, nonostante le regole anti-pandemia che imporrebbero la riduzione delle presenze allo stretto necessario. Ma i loro accompagnatori, in effetti, sono spesso strettamente necessari. E non solo per questioni linguistiche, che non è affatto detto che il secondo sappia l’italiano un po’ meglio del primo, e alla fine non si sa chi traduce chi, né in quale lingua. Vengono accompagnati perché si sa che in due si è molto più forti e resistenti, non solo in quanto doppio di uno.

L’accompagnatore o l’accompagnatrice spesso è apparentemente in gran misura dissimile dall’accompagnato/a. Li differenzia l’età, o il genere, la nazionalità o la fede oppure ancora il ceto sociale. A volte persino tutte queste cose insieme. A volte il secondo è quasi un’ombra, resta muto, ma resta, solido, affidabile e inamovibile. A volte parla al posto del primo, per tutela che in parte si tramuta in prevaricazione.

Spesso l’accompagnatore è un amico, un familiare, un fidanzato o un amante, un chiaro sostegno affettivo al di là del ruolo non sempre definito. A volte no. Nei migliori di questi casi si tratta di un educatore o assistente sociale (figure comunque considerate di aiuto ma “istituzionali”) in altri di meri interpreti semi sconosciuti. Nelle ipotesi peggiori l’accompagnatore svolge una forma di controllo: può vestire i panni dello sfruttatore, o della maman, oppure del compagno maltrattante, del datore di lavoro o del padrone di casa rigorosamente “in nero”, tutti sempre sotto mentite spoglie. A volte sono i clienti “affezionati” delle prostitute a prendere appuntamento in studio per trovare una soluzione per affrancarle dal racket e porre fine alla loro irregolarità.

Ma nella maggior parte dei casi l’accompagnatore è un sollievo, un sostegno, a volte persino una sorta di insperata nuova famiglia. Negli ultimi giorni una pimpante signora agée ha voluto assistere al colloquio con un mio giovane assistito richiedente asilo che lei e gli altri “colleghi” del loro circolo dove lui fa il volontario hanno “adottato” dopo averne apprezzato le doti e testato l’affidabilità. Lei stava lì, seduta accanto a lui, per infondergli muta sicurezza, e in effetti alla presenza di lei la balbuzie prepotente del ragazzo si attenuava notevolmente e pure io tendevo a rasserenarmi contagiata e commossa da questa insolita amicizia.

Poco dopo sono arrivati due ragazzi tra loro coetanei che condividevano apparentemente solo l’età. Diversa nazionalità, diversa a fede, diversa l’educazione, diversissima la loro fortuna. Il cliente veniva corretto, sostenuto e pure strigliato, all’occorrenza, dal giovane accompagnatore che gli si rivolgeva con l’affetto severo di un improbabile fratello maggiore. Quando, incuriosita, ho chiesto che rapporto li legasse hanno risposto entrambi ognuno dal suo punto di vista che si trattava appunto di un “accompagnamento” . Poi mi hanno spiegato con maggiori dettagli che la madre del più fortunato (mia vecchia cliente) aveva “adottato” l’altro arrivato in Italia da minore non accompagnato e sballottato da una comunità all’altra fino alla maggiore età che ha visto aprirsi le porte e le insidie della strada. La mamma dell’accompagnatore, forse memore delle difficoltà della sua migrazione o semplicemente consapevole che la buona sorte seppure conquistata a fatica va condivisa, ci si era imbattuta e lo aveva letteralmente raccolto, gli aveva offerto casa e famiglia e ora pure l’avvocata.

Accompagnare, penso guardandoli, è molto più che un verbo, è una carezza, una speranza, una promessa, un sentimento, una scialuppa.

 

Alessandra Ballerini

 

Alessandra Ballerini è avvocata civilista specializzata in diritti umani e immigrazione. Tra i suoi libri La vita ti sia lieve (Melampo edizioni), storie di migranti e altri esclusi. Il suo indirizzo email: alessandra.ballerini@ordineavvgenova.it

 

Tratto da:

https://comune-info.net/accompagnare-e-piu-di-un-verbo/?utm_source=mailpoet&utm_medium=email&utm_campaign=Le+insurrezioni+non+entrano+nelle+urne

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 91051

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 63

Dati aggiornati

al 03-03-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

#PIJANSACHET

Domenica 7 marzo 2021,

ore 10 (salvo annullamenti per maltempo).

Due punti di ritrovo: al Rondò Garibaldi o al Bar Dotta (Piazza della Libertà vicino alla Stazione ferroviaria) a Cuneo. Munirsi di guanti e sacchetti della spazzatura.

-------------------------------------

 Mario Nicola Rosso

La primavera di San Martino

   

Araba Fenice Editore

 

Il romanzo è ambientato a Cuneo, fra il 1854 e il 1859, dove vivono i giovani protagonisti prima di essere chiamati a combattere nella battaglia di San Martino: una battaglia sanguinosissima, nella quale ebbe un ruolo determinante la Brigata Cuneo, formata oltre che da cuneesi, da emigrati di ogni parte d'Italia, e a cui parteciparono, ignorate dalle cronache ufficiali, molte donne nei ruoli di infermiere e di vivandiere.

Gli anni che precedettero la Seconda Guerra di Indipendenza, anni che cambiarono il volto del Regno Sardo e della città di Cuneo, sono visti attraverso gli occhi dei protagonisti. Fu un'epoca di grandi trasformazioni, un'autentica primavera, che aprì il nostro Paese al progresso economico e allo sviluppo sociale: dal treno e dall'illuminazione a gas, alla costituzione delle prime casse di risparmio.
Il romanzo, che si conclude con la battaglia di San Martino, vuole anche essere un rispettoso omaggio alla povera gente, dimenticata dalla retorica ufficiale e quasi sempre inconsapevole degli ideali ispiratori dell'unificazione italiana, cui diede un fondamentale contributo di sangue.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI