RUOLO DEL VOLONTARIATO SECONDO IL SOCIOLOGO SGRITTA (CSVnet.it)

Il sociologo è morto a Roma, aveva 78 anni. Autore di innumerevoli pubblicazioni, aveva collaborato da vicino con Di Liegro. Nel suo intervento alla conferenza di CSVnet del 2018 (VIDEO) la visione di un volontariato che richiama continuamente le istituzioni alle loro responsabilità 

 

DA ufficiostampa@csvnet.it

A  menteinpace@libero.it  

 

Il sociologo Giovanni Battista Sgritta è morto domenica sera nella sua casa di Roma, avrebbe compiuto 78 anni a giugno. Con lui scompare uno degli ultimi grandi studiosi che non solo avevano seguito direttamente l’evoluzione delle politiche sociali e del volontariato in Italia e in Europa, ma che più si erano personalmente coinvolti nell’impegno sociale. Sgritta era stato infatti uno dei collaboratori più stretti di mons. Luigi Di Liegro, storico direttore della Caritas romana e promotore di progetti pionieristici ed efficaci contro le emergenze degli anni 70 e 90, dalla tossicodipendenza all’Aids, dall’immigrazione alle povertà gravi.

A lungo docente (dal 2005 “Emerito”) all’università di Roma La Sapienza, autore di numerose ricerche e pubblicazioni, Sgritta citava spesso Di Liegro insieme ad altri “profeti” di una stagione fondamentale: Giovanni Nervo, Luciano Tavazza, Maria Eletta Martini, Giuseppe Pasini ecc. Personaggi che tra l’altro avevano in comune l’insistenza sulla “funzione politica del volontariato”, tema che Sgritta aveva affrontato anche nel suo apprezzato intervento alla conferenza nazionale di CSVnet, svoltasi a Matera nell’ottobre 2018.

In quella relazione il sociologo aveva declinato il tema attraverso le tre parole centrali della conferenza: scegliere, provocare, connettersi. Nel primo caso, sostenendo che il volontariato italiano in realtà non aveva mai potuto scegliere libero da vincoli prima che si fosse approvata nel 2000 la legge quadro sull’assistenza: la 328 “per la prima volta riconobbe il ruolo di un soggetto che fino ad allora era stato lasciato in panchina”: lo Stato, che fino a quel tempo aveva fatto pesare il welfare “soprattutto sulla famiglia, e quindi sulla donna”, va in crisi e scopre la “forza flessibile” del volontariato, indicandolo come “la panacea di tutti i mali”.

Fu qui, sosteneva Sgritta, che quei “profeti” intuirono il ruolo politico del volontariato, un ruolo di proposta e anche di protesta, di chi richiama costantemente le istituzioni alla loro responsabilità. Un volontariato che “da una parte dà, ma dall’altra chiede, perché non si può dare come carità ciò che spetta di diritto”. È tutta in questo ruolo la “provocazione” del volontariato, connaturata al suo essere “fondato sul dono gratuito, cioè l’opposto di ciò che avviene nei rapporti di mercato e in quelli con la politica”, basati sull’interesse o sul potere.

Davanti alla platea di 300 dirigenti dei Centri di servizio (come in molti altri suoi interventi), Sgritta aveva insistito con forza sul dovere del volontariato di non perdere mai (o di ritrovare) questa funzione “negoziale” con la politica, di chi “non sta solo a guardare”, di chi lavora sul diritto e contro la discrezionalità. E aveva richiamato il concetto di “volontariato a perdere” su cui insistevano i grandi personaggi ai quali si ispirava: un volontariato che agisce con lo spirito di chi punta a “lasciare il campo” dopo aver ottenuto che le istituzioni si riappropriassero dei loro doveri verso le persone in difficoltà.

A Matera Sgritta aveva concluso con un giudizio critico sulla riforma del terzo settore e con un accorato appello, appunto, al dovere di “connettersi” del volontariato: citando i risultati delle ultime ricerche, lo studioso aveva infatti sottolineato la tendenza alla “atomizzazione” della solidarietà organizzata nel nostro Paese, una solidarietà “a maglie corte e strette”, molto forte a livello micro ma incapace di una visione comune di ampio respiro: “Vedo una grande fatica a gettare ponti tra diversi, - aveva concluso. - L’atomizzazione va contrastata con la connessione: in Italia abbiamo moltissime iniziative, ma staccate tra di loro; è inutile metterle insieme in una sommatoria solo per dire che siamo tanti…”.

 

Tratto da: https://csvnet.it/component/content/article/144-notizie/3958-sgritta-e-il-ruolo-politico-del-volontariato-l-eredita-del-grande-studioso?Itemid=893

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

139.609

Dati aggiornati al 04-10-2022

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA,

Per comunicare 

emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  con l’obiettivo di costituire una redazione di una rivista crossmediale.

 

Il progetto è condotto da Silvia Bongiovanni dell’Associazione culturale Kosmoki. Rientra nel più ampio progetto Restart & Recovery che ha come capofila la Cooperativa sociale “Proposta 80”. Partecipa anche la Cooperativa sociale “Momo” e l’Associazione “MenteInPace”.

----------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Ivan Cavicchi

Oltre la 180
 
Castelvecchi editore

 

Sono passati più di quarant’anni da quando Franco Basaglia, coraggioso riformatore, ha realizzato il sogno di curare la malattia mentale senza i manicomi. La “sua” legge 180 doveva rivoluzionare l’intera cultura psichiatrica, ma la riforma del 1978 si è presto incagliata in ostacoli culturali, sociali, ideologici e organizzativi ed è ormai inadeguata nel fronteggiare i problemi della società contemporanea e dei nuovi malati. Ivan Cavicchi spiega perché il progetto di Basaglia è in realtà incompiuto e come la psichiatria sia ancora in larga parte da riformare, e propone di andare “oltre la 180”, rimuovendone le contraddizioni interne e sfondando il muro dell’apologia per evitare il rischio di regressività o di controriforma. Particolare attenzione va riservata ai professionisti sanitari che si occupano delle esistenze delle persone e dei loro “equilibri” nei contesti di vita e di lavoro, di ogni età e di ogni condizione sociale: un’adeguata riforma delle prassi degli operatori della salute mentale è infatti la più grande sfida del futuro della psichiatria e di tutta la medicina.

 

L’Autore

Ivan Cavicchi è filosofo della medicina, sociologo e antropologo; insegna all’Università Tor Vergata di Roma. 

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------