RUOLO DEL VOLONTARIATO SECONDO IL SOCIOLOGO SGRITTA (CSVnet.it)

Il sociologo è morto a Roma, aveva 78 anni. Autore di innumerevoli pubblicazioni, aveva collaborato da vicino con Di Liegro. Nel suo intervento alla conferenza di CSVnet del 2018 (VIDEO) la visione di un volontariato che richiama continuamente le istituzioni alle loro responsabilità 

 

DA ufficiostampa@csvnet.it

A  menteinpace@libero.it  

 

Il sociologo Giovanni Battista Sgritta è morto domenica sera nella sua casa di Roma, avrebbe compiuto 78 anni a giugno. Con lui scompare uno degli ultimi grandi studiosi che non solo avevano seguito direttamente l’evoluzione delle politiche sociali e del volontariato in Italia e in Europa, ma che più si erano personalmente coinvolti nell’impegno sociale. Sgritta era stato infatti uno dei collaboratori più stretti di mons. Luigi Di Liegro, storico direttore della Caritas romana e promotore di progetti pionieristici ed efficaci contro le emergenze degli anni 70 e 90, dalla tossicodipendenza all’Aids, dall’immigrazione alle povertà gravi.

A lungo docente (dal 2005 “Emerito”) all’università di Roma La Sapienza, autore di numerose ricerche e pubblicazioni, Sgritta citava spesso Di Liegro insieme ad altri “profeti” di una stagione fondamentale: Giovanni Nervo, Luciano Tavazza, Maria Eletta Martini, Giuseppe Pasini ecc. Personaggi che tra l’altro avevano in comune l’insistenza sulla “funzione politica del volontariato”, tema che Sgritta aveva affrontato anche nel suo apprezzato intervento alla conferenza nazionale di CSVnet, svoltasi a Matera nell’ottobre 2018.

In quella relazione il sociologo aveva declinato il tema attraverso le tre parole centrali della conferenza: scegliere, provocare, connettersi. Nel primo caso, sostenendo che il volontariato italiano in realtà non aveva mai potuto scegliere libero da vincoli prima che si fosse approvata nel 2000 la legge quadro sull’assistenza: la 328 “per la prima volta riconobbe il ruolo di un soggetto che fino ad allora era stato lasciato in panchina”: lo Stato, che fino a quel tempo aveva fatto pesare il welfare “soprattutto sulla famiglia, e quindi sulla donna”, va in crisi e scopre la “forza flessibile” del volontariato, indicandolo come “la panacea di tutti i mali”.

Fu qui, sosteneva Sgritta, che quei “profeti” intuirono il ruolo politico del volontariato, un ruolo di proposta e anche di protesta, di chi richiama costantemente le istituzioni alla loro responsabilità. Un volontariato che “da una parte dà, ma dall’altra chiede, perché non si può dare come carità ciò che spetta di diritto”. È tutta in questo ruolo la “provocazione” del volontariato, connaturata al suo essere “fondato sul dono gratuito, cioè l’opposto di ciò che avviene nei rapporti di mercato e in quelli con la politica”, basati sull’interesse o sul potere.

Davanti alla platea di 300 dirigenti dei Centri di servizio (come in molti altri suoi interventi), Sgritta aveva insistito con forza sul dovere del volontariato di non perdere mai (o di ritrovare) questa funzione “negoziale” con la politica, di chi “non sta solo a guardare”, di chi lavora sul diritto e contro la discrezionalità. E aveva richiamato il concetto di “volontariato a perdere” su cui insistevano i grandi personaggi ai quali si ispirava: un volontariato che agisce con lo spirito di chi punta a “lasciare il campo” dopo aver ottenuto che le istituzioni si riappropriassero dei loro doveri verso le persone in difficoltà.

A Matera Sgritta aveva concluso con un giudizio critico sulla riforma del terzo settore e con un accorato appello, appunto, al dovere di “connettersi” del volontariato: citando i risultati delle ultime ricerche, lo studioso aveva infatti sottolineato la tendenza alla “atomizzazione” della solidarietà organizzata nel nostro Paese, una solidarietà “a maglie corte e strette”, molto forte a livello micro ma incapace di una visione comune di ampio respiro: “Vedo una grande fatica a gettare ponti tra diversi, - aveva concluso. - L’atomizzazione va contrastata con la connessione: in Italia abbiamo moltissime iniziative, ma staccate tra di loro; è inutile metterle insieme in una sommatoria solo per dire che siamo tanti…”.

 

Tratto da: https://csvnet.it/component/content/article/144-notizie/3958-sgritta-e-il-ruolo-politico-del-volontariato-l-eredita-del-grande-studioso?Itemid=893

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.211

Dati aggiornati al 24-1-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa Momo, MenteInPace, DiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

  

VISITA IL SITO WEB DI “ZONAFRANCA”

 

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Daniele Mencarelli

Fame d'aria

 Mondadori

Tra colline di pietra bianca, tornanti, e paesi arroccati, Pietro Borzacchi sta viaggiando con il figlio Jacopo. D'un tratto la frizione della sua vecchia Golf lo abbandona, nel momento peggiore: di venerdì pomeriggio, in mezzo al nulla. Per fortuna padre e figlio incontrano Oliviero, un meccanico alla guida del suo carro attrezzi che accetta di scortarli fino al paese più vicino, Sant'Anna del Sannio. Quando Jacopo scende dall'auto è evidente che qualcosa in lui non va: lo sguardo vuoto, il passo dondolante, la mano sinistra che continua a sfregare la gamba dei pantaloni, avanti e indietro. In attesa che Oliviero ripari l'auto, padre e figlio trovano ospitalità da Agata, proprietaria di un bar che una volta era anche pensione, è proprio in una delle vecchie stanze che si sistemano. Sant'Anna del Sannio, poche centinaia di anime, è un paese bellissimo in cui il tempo sembra essersi fermato, senza futuro apparente, come tanti piccoli centri della provincia italiana. Ad aiutare Agata nel bar c'è Gaia, il cui sorriso è perfetta sintesi del suo nome. Sarà proprio lei, Gaia, a infrangere con la sua spontaneità ogni apparenza. Perché Pietro è un uomo che vive all'inferno. "I genitori dei figli sani non sanno niente, non sanno che la normalità è una lotteria, e la malattia di un figlio, tanto più se hai un solo reddito, diventa una maledizione." Ma la povertà non è la cosa peggiore. Pietro lotta ogni giorno contro un nemico che si porta all'altezza del cuore. Il disamore. Per tutto. Un disamore che sfocia spesso in una rabbia nera, cieca. Il dolore di Pietro, però, si troverà di fronte qualcosa di nuovo e inaspettato. Agata, Gaia e Oliviero sono l'umanità che ancora resiste, fatta il più delle volte di un eroismo semplice quanto inconsapevole. Con "Fame d'aria", Daniele Mencarelli fa i conti con uno dei sentimenti più intensi: l'amore genitoriale, e lo fa portandoci per mano dentro quel sottilissimo solco in cui convivono, da sempre, tragedia e rinascita.

CLICCA QUI 

 

-----------------------------------------------------------