TORINO PER LA SALUTE MENTALE E L’EQUITÀ (Sportello “TiAscolto”)

DA carla.barovetti@gmail.com

 

A   menteinpace@libero.it

Molte realtà sul territorio sono attive da diversi anni a Torino nella costruzione di spazi e occasioni di cura e socialità, in progetti dal carattere preventivo per la salute mentale dei cittadini nei loro ambienti di vita (scuole, luoghi di lavoro, famiglia) ed in iniziative e attività divulgative all’interno di reti di partecipazione “dal basso”.

Riteniamo che la pandemia abbia portato all’attenzione dei cittadini e dei decisori su come la salute mentale sia connessa ai temi di cui ci occupiamo. Per questo riteniamo che l’amministrazione cittadina, tantopiù in questo complesso momento storico, non possa esimersi dal considerare l’importanza della salute mentale dei cittadini per concepire e implementare le proprie politiche, prima ancora che occuparsi di intervenire, in concerto con gli altri attori, sulla dimensione della presa in carico del disagio psichico degli individui.

In vista delle prossime elezioni amministrative, pertanto, intendiamo portare all’attenzione di coloro che si candideranno alcune riflessioni e proposte che riteniamo fondamentali per la nostra città.

Nella prima parte del documento vengono sistematizzati alcuni degli ambiti di intervento prioritari. Si è scelto di procedere seguendo il ciclo di vita della persona, suggerendo interventi (top-down) intersettoriali dal valore preventivo.

Nella seconda parte del documento viene posta l’attenzione su istanze rivolte a coloro che hanno un ruolo attivo -sia diretto che indiretto- nella promozione della salute fisica e mentale dei cittadini e nella prevenzione del disagio. A far da guida l’idea che realizzare interventi efficaci in questo senso, non possa prescindere dal coinvolgimento attivo non solo degli operatori, ma anche dei destinatari degli interventi, in un’ottica di cittadinanza attiva (bottom-up).

PER CONTINUARE A LEGGERE L’INTERO DOCUMENTO

ED EVENTUALMENTE SOTTOSCRIVERLO

CLICCA QUI

 

Tratto da: https://sportellotiascolto.it/2021/03/05/elezioni-amministrative-2021-torino-per-la-salute-mentale-e-lequita/

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 93203

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 59

Dati aggiornati

al 09-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

 MARIAPIA VELADIANO

ADESSO CHE SEI QUI

Guanda Editore

 

Incontriamo zia Camilla sulla piazza di un piccolo paese non lontano dal lago di Garda e dal corso dell’Adige. Per le borsette e i cappellini tutti la chiamano la Regina, e in effetti nel portamento assomiglia alla regina d’Inghilterra, con qualche stranezza in più. Qualcuno l’ha fatta sedere sulle pietre della fontana dove la raggiunge la nipote Andreina, e un pezzo di realtà di zia Camilla si ricompone. È l’esordio, così lo chiamano, di una malattia che si è manifestata a poco a poco, a giorni alterni, finché il mondo fuori l’ha vista e da quel momento è esistita per tutti, anche per lei. Zia ­Camilla è sempre vissuta in campagna tra fiori, galline e gli amati orologi, nella grande casa dove la nipote è cresciuta con lei e con zio Guidangelo. Ora Andreina, che è moglie e madre mentre la zia di figli non ne ha avuti, l’assiste affettuosamente e intanto racconta in prima persona il presente e il passato delle loro vite. Una narrazione viva ed energica, come zia Camilla è sempre stata e continua a essere. Intorno e insieme a loro, parenti, amiche, altre zie, donne ­venute da lontano che hanno un dono unico nel prendersi cura, tutte insieme per fronteggiare questo ospite ineludibile, il «signor Alzheimer», senza perdere mai l’allegria. Perché zia Camilla riesce a regalare a tutte loro la vita come dovrebbe ­essere, giorni felici, fatti di quel tempo ­presente che ormai nessuno ha più, e per questo ricchi di senso.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI