CI SARÀ UNA TRANSIZIONE ECOLOGICA? (Angelo Tartaglia)

Il neoministro della transizione ecologica, Roberto Cingolani, si è cimentato, prima della nomina, con un libro sul tema. Testo interessante, che sottolinea l’insufficienza dell’innovazione tecnologica a risolvere i problemi ambientali e sociali. Vedremo se quelle affermazioni avranno un seguito nella attività di governo.

 

DA newsletter@volerelaluna.it

 

A  menteinpace@libero.it  

 

di: Angelo Tartaglia

 

Il titolo non è felicissimo ma il libro (Prevenire. Manifesto per una tecnopolitica, di Paolo Vineis, Luca Carra e Roberto Cingolani, Einaudi, 2020) è decisamente interessante e, in qualche misura, ha a che fare con quella transizione ecologica che, almeno nominalmente, è venuta alla ribalta della politica e a cui è stato preposto, nel Governo Draghi, uno degli autori del libro, Roberto Cingolani.

Il testo analizza le radici dell’insostenibilità del nostro (dell’umanità) modo di vita globalizzato e lo fa con rigore scientifico, soprattutto mediante gli strumenti dell’epidemiologia e della sociologia. Gli autori chiariscono, pur sottolineando il ruolo fondamentale dell’innovazione tecnologica, che è illusorio sperare di risolvere tutto solo con quella, così come evidenziano la necessità di andare oltre belle frasi e proclami. L’emergenza incombente che viene descritta con abbondanza di dati e di statistiche non è solo e né tanto quella materiale-ambientale, quanto quella umana e sociale. Si ricorda, ad esempio, che le disuguaglianze sociali sono in crescita ovunque, ma in particolare dove la narrazione abituale dell’economia capitalista ha sempre lasciato intendere che la mobilità sociale fosse invece più alta: gli Stati Uniti e l’Inghilterra. La mobilità sociale risulta migliore nell’Europa continentale che nei due paesi tradizionalmente considerati come la culla della moderna economia di mercato.

Del pari si evidenzia, dati alla mano, come anche la salute sia direttamente connessa alla condizione sociale, con speranza di vita più breve e incidenza di diverse malattie più elevata per gli appartenenti agli strati sociali più bassi. Non è di per sé una novità, ma dà particolarmente da pensare il vedere argomentate queste osservazioni sulla base di patologie specifiche e relative statistiche.

Si trovano poi delle valutazioni sugli effetti della diffusione della robotica, della telematica e in generale della penetrazione capillare degli strumenti della cosiddetta intelligenza artificiale. Ne vengono riconosciuti tanto l’ineluttabilità e, in un certo senso la positività, quanto i risvolti negativi sulla salute psicologica e sociale, soprattutto dei soggetti e degli strati più deboli.

Si legge anche della debolezza della politica, incapace di impostare azioni di governo che sappiano andare al di là di orizzonti a cortissimo termine, e, en passant, si trova che non ci si può aspettare che sia il mercato, di per sé, a risolvere i problemi che incombono sul futuro dell’umanità.

Ciò detto, manca, anche per via delle competenze specifiche degli autori, un’analisi esplicita e altrettanto razionale dei meccanismi dell’economia globale contemporanea che sottende tutte le patologie e le emergenze fisiche, psicologiche e sociali illustrate. Anche se implicita, non emerge la strutturale insostenibilità e iniquità della crescita e della competizione, come ancora ripetutamente sostenute e rilanciate da chi trae i maggiori vantaggi, per quanto a corto termine, dal vigente ordine economico mondiale.

La lettura è comunque stimolante e istruttiva.

Dopo la pubblicazione del libro, uno degli autori – come si è detto – è divenuto ministro della transizione ecologica. Bisognerà ora vedere quanto e se potrà impostare azioni di governo concrete e incisive in coerenza con quanto scritto, pur con le necessità di mediazione tipiche della politica e nonostante la riconosciuta debolezza di quest’ultima di fronte alle impellenti esigenze di cambiamento di rotta.

 

Angelo Tartaglia è professore emerito di Fisica presso il Dipartimento di Scienza Applicata e Tecnologia del Politecnico di Torino. Si occupa, tra l’altro, di impatto delle attività umane sull’ambiente, di effetto serra e di perturbazioni dell’atmosfera generate da immissioni di gas. Da anni è impegnato nell’applicazione della logica dei sistemi ai problemi trasportistici, con particolare riferimento al progetto delle ferrovie ad Alta Velocità. È consulente della Unione Montana Val Susa e del Comune di Torino sulle questioni del TAV.

 

Tratto da:

 

https://volerelaluna.it/in-primo-piano/2021/03/15/ci-sara-una-transizione-ecologica/

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 109.569

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 115

Dati aggiornati

al 27-09-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Farhad Bitani

L'ultimo lenzuolo bianco

Edizioni Neri Pozza

 

«Sono tante, forse troppe, le cose che ho visto nei miei primi trentatré anni di vita. Adesso le racconto. Ho lasciato le armi per impugnare la penna. Traccio i fatti senza addolcirli, senza velarli. Dopo aver vissuto l’infanzia, l’adolescenza e la prima giovinezza nell’ipocrisia, ho un tremendo bisogno di verità».

Inizia così la sconvolgente testimonianza di Farhad Bitani, ex capitano dell’esercito, un giovane uomo che ha attraversato da osservatore privilegiato la storia dell’Afghanistan: dal potere dei mujaheddin ai talebani fino al governo attuale, che vive sotto l’ombrello occidentale.
Farhad nasce a Kabul nel 1986, ultimo di sei fratelli. Suo padre è un generale dell’esercito di Mohammad Najibullah Ahmadzai, il quarto e ultimo presidente della Repubblica Democratica dell’Afghanistan. Ma, con la presa del potere da parte dei 
mujaheddin, nel 1992, le cose cambiano. Solo rinnegando il passato e diventando un mujahed, il padre di Farhad avrà salva la vita.

Da quel momento l’esistenza del giovane Farhad cambia radicalmente. La sua famiglia si trasferisce in una grande casa, presidiata dagli uomini della scorta. È a loro che Farhad chiede in prestito le armi, per i suoi giochi di bambino. Quello che sogna è un futuro da combattente, alla testa di un manipolo di uomini. Sparare, uccidere, avere potere e ricchezza: non c’è nulla che desideri di più. Ma le cose sono destinate a mutare ancora. Quando i talebani strappano il potere ai mujaheddin, la sua famiglia cade in disgrazia. Mentre suo padre si trova in prigione, Farhad conosce la fame, la miseria, l’indottrinamento forzato all’Islam. Condotto allo stadio, viene costretto ad assistere alle lapidazioni del venerdì, le punizioni per gli infedeli, coloro che trasgrediscono le leggi del fondamentalismo. Sarebbe facile cedere all’imbarbarimento, credere a ciò che viene inculcato, diventare come coloro che professano la pace, alimentando la guerra. Ma se fosse possibile un destino diverso? Si può attraversare l’inferno e uscirne redenti?
Da guerriero islamista a dialogatore per la pace, attraverso questo libro possente e drammatico Farhad Bitani offre al mondo il vero volto dell’Afghanistan, raccontando in maniera vivida la guerra civile, la violenza gratuita, le perversioni del potere e l’uso della religione come strumento politico. 

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI